Archivio del Feb 2006

PERETOLA: IL PICCOLO AEROPORTO DELLA TOSCANA

Tempo di lettura: 3 minuti

Eccovi una piccola storia dell’aeroporto toscano di Peretola: a breve seguiranno altre schede dedicate ai più importanti aeroporti civili in Italia. Enjoy it!
Dalla moderna organizzazione e dall’avanguardia delle strutture non si direbbe proprio: l’aeroporto di Peretola ha da poco tagliato il traguardo dei settant’anni, tanti ne sono passati da quando, nei primi anni ’30, viene inaugurato l’aerodromo destinato a sostituire l’aeroscalo di Firenze Campo di Marte. Il volume di traffico aereo da e per Firenze raggiunge infatti livelli alti, e il vecchio scalo non ha le caratteristiche tecniche sufficienti per accogliere gli aeromobili che sostituiscono i primi velivoli di tela: si decide la costruzione di un campo d’aviazione in località “Cipresso del Nistro-, nella piana tra Firenze e Sesto Fiorentino.
Originariamente, la pista d’atterraggio è un grande prato dove gli aerei decollano ed atterrano senza una direzione obbligata; nel 1938 il Ministero dell’Aeronautica decide di potenziare il campo di volo con la costruzione di una pista in asfalto lunga 1000 mt e larga 60, orientata in direzione 36/18. La struttura si dimostra sufficiente fino alla fine degli anni Quaranta, periodo in cui lo scalo fiorentino accoglie i primi voli passeggeri effettuati dall’Aerea Teseo. Successivamente, l’introduzione di rotte da e per Peretola da parte di Alitalia ed Ati (rispettivamente con Douglas DC-3 e Fokker F27) spinge Ministero dei Trasporti ed enti locali a pianificare una completa ristrutturazione dell’aeroporto, con l’obiettivo di rilanciare ulteriormente Peretola.

Inizia così un lungo periodo di continua attività; il 1984 è un anno cruciale per l’aeroscalo, in quanto finiscono i lavori di manutenzione: la pista viene allungata da 1000 a 1400 mt e viene dotata di luci, viene installato il VOR-DME e viene completamente riprogettata l’aerostazione. Grazie a questi nuovi elementi, il numero di aerei e passeggeri in transito sullo scalo iniziò una crescita che va avanti dal 1986.
Nel 1990 l’aeroporto viene battezzato con il nome del grande navigatore fiorentino Amerigo Vespucci e nel 1991 iniziano le attività di Meridiana sullo scalo. Le caratteristiche tecniche dell’aeroporto (lunghezza pista e spazi disponibili) spingono la compagnia a basare a Firenze cinque nuovi BAe 146-200, scelto per le sue capacità di operare su spazi esigui: inizia così una serie di collegamenti per Amsterdam, Londra e Barcellona. Il successo di passeggeri è immediato e spinge Meridiana a costruire un hangar per la manutenzione dei propri aerei basati sullo scalo fiorentino.
La compagnia ha deciso di basarvi buona parte della flotta.

Se il 1991 riserva a Peretola buone notizie, il quinquennio successivo vede il taglio di nuovi traguardi: l’inaugurazione della nuova aerostazione nel 1992, l’apertura di un nuovo ed ampio parcheggio auto nel 1994, l’allungamento della pista a 1650 mt e l’ampliamento nell’aerea partenze nel 1996. Il “Vespucci- viene così a disporre di un’aerea di 1200 mq totali, di cui 770 utili al pubblico, e di 15 banchi accettazione.
Dalla fine del 1999 iniziano i lavori di ristrutturazione che interessano le aerostazioni partenze ed arrivi, i piazzali di sosta degli aeromobili ed altre aree dedicate alla gestione operativa e commerciale dello stato.
Nel 2001, un nuovo exploit. Le compagnie che operano su Peretola sono tante (Alitalia, Meridiana, Sabena, Lufthansa, tanto per citarne alcune) e il numero dei passeggeri in transito ha già abbondantemente superato i 2 milioni. Inoltre, le compagnie iniziano a dotarsi di Airbus A319, aerei capaci di atterrare su piste di ridotta lunghezza, e questo spinge le società presenti sullo scalo a infittire i voli da e per Firenze. Anche Meridiana si è adeguata a questo “trend-, effettuando un phase out dei 146 in flotta e sostituendoli con A319 presi in leasing.
Che dire, quindi? Il futuro di Peretola sembra sempre più roseo: i passeggeri sono in crescita costante, e la società di gestione aeroportuale, A.d.F., sembra non aver risentito, in questi ultimi anni, della crisi delle compagnie aeree, anzi. Basta dare un’occhiata alle cifre di bilancio e al numero di merci e di persone in transito per capire che ci sono i presupposti per uno splendido futuro e per un ennesimo rilancio di questa struttura che, ora più che mai, continua a rendere florida una zona, quella di Firenze, già di per sé rigogliosa.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

INTERNET E TELEFONO PRENDONO IL VOLO

Tempo di lettura: 1 minuto

Un altro obbligo sta cadendo: presto non sarà più obbligatorio lospegnimento dei telefoni cellulari quando si vola, sarà possibile siaricevere che fare telefonate, mandare SMS e, se il vostro telefono èabilitato, anche navigare su internet .
La connessione sarà gestita da un apposita cellula di bordo che invierài segnali via satellite, inizialmente i costi non saranno “low”, per unSMS si stima una tariffa di circa 2 Euro .
Tuttavia Lufthansain esclusiva offre un servizio internet meno oneroso a bordo dei suoiliners, per mezzo di una “bolla- WIFI alla quale connettere il proprioportatile.
Il servizio funziona su tutte le maggiori rotte di lunga e mediadistanza in partenza ed in arrivo dalla Germania ed il costo varia daitrenta euro per i voli piu’ lunghi come quelli transoceanici a ventieuro per le rotte meno lunghe, pagando con una carta di credito potetestare collegati per tutto il volo!
Se poi si possiede un account Skype anche il problema delle telefonate dovrebbe essere risolto.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

INDUSTRIA: DALL’UMBRIA UN "PEZZO" DI AIRBUS A380

Tempo di lettura: 1 minuto

Ci sarà anche un “pezzo” di alta tecnologia umbra nel nuovo gigante dell’aria, l’Airbus A380 (risposta europea ai grandi velivoli Boeing) di cui si stanno cominciando a produrre i primi esemplari, capaci di trasportare 555 passeggeri: da oggi, infatti, la Umbra cuscinetti di Foligno comincia a consegnare gli attuatori idraulici che serviranno a completare gli spoiler per l’A380 prodotti dalla tedesca Liebherr, di Lindenberg, azienda della Bassa Sassonia.
Entro un mese – spiega il responsabile tecnico del progetto in questione, l’ingegner Francesco Comodol’azienda folignate (che nell’ottobre scorso aveva raggiunto un accordo proprio con Boeing per fornire viti destinate ai flap degli aerei Usa) consegnerà 32 attuatori idraulici, dopo averli assemblati e testati, e quindi pronti per essere inseriti negli spoiler di due A380 (ognuno ne monta 16).
E’ previsto che dalla fabbrica di Tolosa del consorzio di aziende europee che produce l’Airbus escano due o tre nuovi aerei ogni mese. Umbra cuscinetti è attiva in questo segmento dal 1972, ed ora è leader mondiale della produzione di viti a ricircolazione di sfere, che permettono di trasformare l’attrito di strisciamento in quello di rotolamento, applicate sia sugli aerei sia sulle macchine utensili a controllo numerico (dove possono arrivare ad una lunghezza di 13 metri e ad un diametro di 220 millimetri).
Il fatturato complessivo di Umbra cuscinetti (che esporta l’80 per cento circa della produzione, un quarto nel Nord America) è di 70 milioni di euro. L’azienda folignate è capogruppo di cinque società, una delle quali opera a Seattle ed una a Stoccarda, dando lavoro complessivamente a 600 persone. (ANSA)

Categoria: Industria

AEROPORTO DELLO STRETTO, SABATO A VENEZIA IL PRIMO CHARTER DEL CUORE

Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato scorso, 25 febbraio, è partito il primo dei sei “charter del cuore-, iniziativa con la quale l’Aeroporto dello Stretto ha offerto alle fasce deboli e meno fortunate del territorio la possibilità di raggiungere e visitare una città italiana, con il solo pensiero di individuare la destinazione e il programma: charter (operato con Atr 42 dell’Interstate Airlines), servizio pullman, pranzo ed operazioni di imbarco e sbarco sono a totale carico di Sogas. Ciascun gruppo di 44 passeggeri (tre gruppi per la terza età, organizzati su indicazione dell’Ente Morale Famiglia Germanò, dell’Istituto Comunitario di Accoglienza e dell’Università della III Età, tre per i bambini ed i ragazzi meno fortunati, tramite la Fondazione Unitas Catholicas, l’Opera Antoniana della Calabria e la Pia Associazione Figlie di Maria SS. Corredentrice) è stato seguito dal momento della comunicazione della meta scelta, e sarà accompagnato da una hostess dell’Aeroporto dello Stretto per tutta la giornata.
Sabato mattina i bambini di don Romolo e don Primo, dell’Opera Antoniana, di un’età compresa tra gli otto e i sedici anni, sono arrivati al Tito Minniti con i propri accompagnatori, sono stati affiancati da Antonina D’Arrigo, la loro “hostess del cuore-, ed alle 8 sono partiti con il primo charter del cuore. Atterrati alle 10.15 a Venezia, sono saliti sul pullman, messo a loro disposizione per tutta la giornata, e hanno raggiunto Padova per visitare il santuario di Sant’Antonio. La giornata è proseguita con lo spostamento a Mestre, dove hanno pranzato, e con un pomeriggio nel centro di Venezia, animata dai colori e dalla festa di carnevale. Sono rientrati poi in aeroporto, dove si sono imbarcati alle 18.45, e sono atterrati al Tito Minniti alle 21.
I charter del cuore proseguiranno nei prossimi fine settimana. Domenica 5 marzo sarà la volta del gruppo organizzato da don Bruno Cocolo, che ritornerà a Venezia.
L’Amministratore Unico della Sogas, ing. Pietro Fuda, spiega le motivazioni dell’iniziativa:
«I charter del cuore, nati per permettere ai cittadini meno fortunati del nostro territorio di visitare, a nostre spese, una città italiana identificata come meta artistica, religiosa o di approfondimento culturale non sono nati solo come un regalo da parte di Sogas, che ha lavorato con enorme piacere nelle fasi di organizzazione, ma anche come un piccolo gesto di gratitudine verso gli enti e le associazioni che operano nel terzo settore. Il nostro territorio è ricchissimo di realtà come quelle con le quali siamo venuti in contatto per questi primi sei charter solidali: realtà e persone che da tempo, con tanta benevolenza e spirito di servizio, oltre che competenza, danno risposte certe e rassicuranti a molti dei gravi problemi sociali che purtroppo ancora ci affliggono.
L’augurio è che i giovani e gli anziani individuati con lo spirito di regalare una piccola vacanza a chi non può permettersela, riescano a trovare, almeno nella giornata dedicata al loro charter del cuore, quella serenità e quella spensieratezza che le vicende della vita hanno negato loro»
.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

PISA, PRIMO VOLO DELLA COMPAGNIA BELLE AIR

Tempo di lettura: 1 minuto

Il 1° Marzo 2006 all’aeroporto Galileo Galilei di Pisa è previsto il 1° volo della nuova compagnia aerea low cost BELLE AIR.
Con un aeromobile MD-82 (164 posti) la BELLE AIR offre al pubblico 2 voli a settimana PISA TIRANA, mercoledi e sabato, con tariffe a partire da 19 EUR, tasse escluse, prenotabili sul sito www.belleair.it. BELLE AIR punta sulla qualità, sicurezza, puntualità e basso costo. Le autorizzazioni ufficiali da parte delle autorità aeronautiche sono state date dopo le ispezioni accurattamente eseguite. BELLE AIR inizia così una seria di voli di linea tra Italia ed Albania, con nuovi collegamenti che servirano a migliorare ed aumentare il servizio di trasporto aereo tra i due Paesi.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

DALLA CINA UN NUOVO MODELLO DI REGIONAL JET

Tempo di lettura: 2 minuti

Pechino, Cina – Si avvia alla conclusione il progetto ARJ-21, che dovrebbe entrare in linea nel 2009. L’azienda di ingegneria aeronautica cinese Avic I Commercial Aircraft Company (Acac) sta per lanciare sul mercato un nuovo tipo di velivolo per linee secondarie chiamato ARJ-21, il primo dotato di proprietà intellettuale totalmente autonoma. Il progetto, presentato per la prima volta all'”Air Show” di Pechinodel 2001, è frutto dell’incontro tra diverse realtà, tutte riunite inun consorzio guidato dalla Avic I, a cui partecipano altri 15 azionisticinesi.
Contribuiscono allo sforzo una decina di aziende americane ed europee fornitrici di componenti aerospaziali, tra cui la GE Aircraft Engines, precedentemente contattata dalla Avic I per i suoi impianti di alimentazione posteriore, Rockwell Collins, che fornirà gli arredamenti avionici Pro Line 21, e la Honeywell per i flight control primari.
Fanno parte del progetto anche Parker Hannifin (sistemi idraulici), Hamilton Sundstrand (unità di potenza ausiliaria e sistema elettrico), Kidde (sistema anti-incendio), Liebherr Aerospace (dispositivo di atterraggio e sistema di controllo ambientale), Sagem (sistema di flight control della cabina), Eaton (assemblaggo dei pannelli di controllo della cabina e lighting control) e Goodrich (pneumatici e freni).
Le aziende cinesi coinvolte sono quattro: Shangai Aviation Industrial Company, responsabile dello stabilizzatore orizzontale e dell’assemblaggio finale; Xian Aircraft Company, che costruirà le ali, disegnate dall’ucraina Antonov, e tutte le parti della fusoliera; Chengdu Aircraft Company, che costruirà la parte anteriore dell’aereo; Shenyang Aircraft Company, che fornirà l’impennaggio.
Simile al Douglas DC-9per l’organizzazione interna dei sedili a 3+2, l’ARJ-21 trasporterà,nella sua versione di base, tra i 78 e gli 85 passeggeri fino a 2000 nm(miglia nautiche) a una velocità di 0,78 mach.
Una versione più grande ospiterà tra i 98 e i 105 passeggeri fino a 1800 nm.
Il vice-presidente della Acac, Tao Zhiuhi, ha fatto sapere chela fase di produzione inizierà tra un mese e che successivamente sarànecessario circa un anno e mezzo di flight test , per cui si presumeche il primo volo verrà effettuato nel 2008 e che l’ARJ-21 entrerà nelsistema dei trasporti nel 2009.
Finora sono stati ordinati 35 velivoli del nuovo modello: 10 da parte della Shandong Airlines, cinque per Shangai Airlines e 20 per Shenzen Financial Leasing Company.
(WAPA)

Categoria: Industria

ANTITERRORISMO. IN RUSSIA, DA OGGI, L’ESERCITO PUO’ ABBATTERE UN AEREO DI LINEA

Tempo di lettura: 1 minuto

La Duma, camera bassa del Parlamento russo, ha definitivamente approvato in terza lettura una proposta di legge sulla lotta antiterrorismo, che autorizza l’esercito ad abbattere un aereo di linea dirottato o colpire obiettivi terroristici all’estero. La proposta è stata approvata da 423 deputati: uno solo ha votato contro e otto si sono astenuti. Deve ancora essere esaminata dal Consiglio della Federazione, camera alta del Parlamento, che generalmente conferma negli stessi termini il voto della Duma. Questa legge introduce un regime speciale di «minaccia terroristica» che autorizza una restrizione dei diritti dei cittadini. La versione finale è stata modificata rispetto al testo adottato in prima lettura il 17 dicembre 2004, con la soppressione di un passaggio controverso dedicato ai vincoli al lavoro dei mass media nel corso di operazioni antiterrorismo. (fonte Afp)

Categoria: Enti e Istituzioni

ARGENTINA, EMERGENZA PER L’AEREO CON PRESIDENTE REGIONE TOSCANA

Tempo di lettura: 1 minuto

Atterraggio di emergenza all’aeroporto di Tucumam, nel nord ovest dell’ Argentina, per l’aereo con a bordo il presidente della Regione Toscana Claudio Martini e la delegazione istituzionale. Tutto, però si è risolto bene e non c’ è stata alcuna conseguenza per i passeggeri. Il Boeing 737 delle aerolinee argentine, in volo da Salta e diretto a Buenos Aires, è dovuto atterrare a Tucumam per improvvisi problemi ad un motore. L’ atterraggio si è svolto senza problemi, ma a bordo pista erano già pronti ad intervenire i mezzi dei vigili del fuoco e quelli di emergenza. (ANSA)

Categoria: Incidenti/Inconvenienti

RUSSIA, NASCE UN COLOSSO DELL’AERONAUTICA

Tempo di lettura: 1 minuto

In Russia nasce sotto l’egida statale una holding che gestirà l’intero settore della costruzione aeronautica. Il presidente, Vladimir Putin, firma il decreto che ordina al Governo di dare vita alla holding, cui faranno capo le aziende in mano pubblica (Mig, Sukhoi, Iliushin e Tupolev). Putin spera che l’iniziativa ridia slancio a un settore strategicamente importante per la Russia post-comunista. Nella holding, destinata a diventare una delle più grandi società mondiali del settore, con ricavi annui di almeno 6 miliardi di dollari che dovrebbero diventare 8 nel giro di poco tempo, Mosca avrà il 55-60 per cento. Il progetto è annunciato lo scorso settembre dal ministro dell’Industria e dell’Energia, Viktor Kirstenko, che lo presenta come uno strumento per incrementare di 2,5 volte in dieci anni la produzione di aerei made in Russia. La compagnia Mig (aerei militari) e la Kapo (costruttrice dei Tupolev) saranno trasformate in società per azioni prima di essere integrate nella holding, che dovrebbe essere creata nel 2007. (fonte: denaro.it)

Categoria: Industria

ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI SEA: LETTERE "IN BIANCO" NON HANNO VALORE GIURIDICO

Tempo di lettura: 1 minuto

Si è tenuta venerdì 24 febbraio l’assemblea degli azionisti Sea su richiesta della Provincia di Milano. In merito alle interrogazioni riguardanti i piani strategici della società, con riferimento all’indebitamento dovuto alla distribuzione di dividendi straordinari, è stato ribadito che tale livello di dividendo è stato calcolato al fine di mantenere una struttura finanziaria adeguata agli impegni che la società ha programmato in termini di investimenti e a far fronte ad eventuali evenienze negative, concorrendo anche a ottimizzare la struttura patrimoniale-finanziaria secondo la prassi corrente e restando in linea con le migliori società del settore.
Si è precisato inoltre che il consulente finanziario Mediobanca ha ritenuto corretta sotto il profilo finanziario la metodologia adottata e le relative conclusioni e la società di revisione PWC si è pronunciata favorevolmente sulla ragionevolezza delle assunzioni alla base del Business Plan.
In merito alla richiesta di chiarimenti sulle lettere di dimissioni in bianco l’assessore Giorgio Goggi, in rappresentanza dell’ azionista Comune di Milano, ha dichiarato che le lettere in argomento sarebbero del tutto inidonee a condizionare l’operato dei consiglieri, i quali infatti restano soggetti all’esclusiva valutazione dell’assemblea dei soci: unico organo che ha titolo di nomina e revoca.

Il Presidente di Sea Giuseppe Bencini, a nome del Consiglio d’Amministrazione, ha dichiarato che le lettere hanno valore morale e non giuridico in quanto possono essere utilizzate soltanto per consentire l’allontanamento tempestivo di amministratori cui siano imputabili fatti illeciti, ribadendo che il potere di revoca dell’amministratore resta comunque ai competenti organi sociali. Unica eventuale conseguenza, tutta a favore della società, è la perdita, da parte dell’amministratore revocato, del diritto al risarcimento del danno per l’anticipata risoluzione del rapporto.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

UNIONE PERSONALE TECNICI DI LINEA ESPRIME VIVO APPREZZAMENTO E SOSTEGNO A ENAC PER IL NUOVO REGOLAMENTO

Tempo di lettura: 1 minuto

Unione Personale Tecnici di Linea esprime vivo apprezzamento e sostegno a ENAC per lo strumento normativo che introduce limiti di impiego specifici anche per i tecnici di linea impiegati a bordo di elicotteri in attività di elisoccorso e soccorso in montagna come membri di equipaggio HEMS e verricellisti. Si tratta di un riconoscimento della specificità dell’impiego dei tecnici come membri di equipaggio, problematica che UNIONE PILOTI e UPTL hanno più volte sottoposto a ENAC proprio per le implicazioni in termini di sicurezza del volo.
Il regolamento costituisce uno strumento adeguato alla realtà Italianae avanzato nel panorama elicotteristico europeo, in cui l’Italia vantaun ruolo di primo piano e ora anche un regolamento sui limiti diimpiego che tiene conto delle raccomandazioni della Agenzia NazionaleSicurezza del Volo e delle analisi del Nazionale Transportation SafetyBoard relativi a 55 incidenti di elicotteri impiegati in operazioni dielisoccorso nell’ultimo triennio, dove vengono citate tra le concause principali degli eventi il superamento dei tempi di volo e di serviziodi TUTTO l’equipaggio impiegato e non solo dell’equipaggio di condotta.

Il regolamento implementa anche il Dlgs 185/2005 che recepiscenell’ordinamento giuridico nazionale la Direttiva 2000/79/CE relativaall’Accordo europeo sull’organizzazione dell’orario di lavoro delpersonale di volo dell’aviazione civile.

Finalmente in Italia una norma importante che trae origine dallaspecifica realtà italiana e che è destinata ad imporsi come standard eriferimento per gli altri Paesi europei.
UPTL

Categoria: Enti e Istituzioni

AEROPORTO DELLO STRETTO, ARRIVA IL BOEING 737: NUOVI ORARI, NUOVE TARIFFE

Tempo di lettura: 2 minuti

LE NOVITÀ DA/PER TORINO E BOLOGNA DA LUNEDÌ 27/02. Con la prossima operatività dei collegamenti da/per Genova e Roma, che partiranno lunedì 6 marzo dall’aeroporto dello Stretto, vengono modificati gli orari degli altri voli Interstate Airlines e, in alcuni casi, l’aeromobile.
Questi i nuovi orari, validi da lunedì 27 febbraio, tutti i giorni feriali (dal lunedì al venerdì): dall’Aeroporto dello Stretto si partirà alle 15.40 per Bologna, dove si arriverà alle 17.05, e si ripartirà alle 17.45 (arrivo al Tito Minniti alle 19.10). Sia il volo di andata che quello di ritorno saranno effettuati con un Boeing 737, da 125 posti. Anche il collegamento con Torino sarà effettuato con il B 737, e partirà dall’Aeroporto dello Stretto alle 11.05 (arrivo alle 12.45). Il volo di ritorno partirà da Torino alle 13.30 (arrivo al Minniti alle 15.10). Ultima variazione sul collegamento da/per Pisa, che continuerà ad essere operato con l’ATR 42-500. La partenza dall’Aeroporto dello Stretto è anticipata alle 17.00 (arrivo alle 18.45), il ritorno alle 19.15 (arrivo al Minniti alle 21.00).
Grazie al fatto che le tratte da/per Torino e Bologna saranno operate con un aeromobile molto più capiente, cambiano anche le classi tariffarie: i primi 20 posti di ogni volo da/per Torino saranno venduti ad una tariffa promo di 29 euro, i successivi 25 a 45 euro (I classe tariffaria “Instant-), i successivi 30 a 65 Euro (II classe tariffaria “Intermediate-), i rimanenti a 99 euro (III classe tariffaria “Flessibile-). I voli da/per Bologna potranno essere acquistati, per il medesimo numero di posti disponibili, a 24 euro in tariffa “Promo-, 40 Euro in I classe “Instant-, 60 Euro in II classe “Intermediate-, 94 Euro in III classe “Flessibile-.
Ad ogni tariffa vanno aggiunti circa 40 euro tra tasse e supplementi: 30 Euro di supplemento carburante e una media di 11 Euro di tasse aeroportuali (Euro 9,73 per le partenze dall’Aeroporto dello Stretto, Euro 11,95 da Torino, Euro 12,78 da Bologna). La validità delle nuove classi tariffarie parte da lunedì prossimo, fino al termine della stagione Winter (sabato 25 marzo). I biglietti sono vendibili da questa sera.
L’Amministratore Unico della Sogas, ing. Pietro Fuda, commenta:
«Dare la possibilità di raggiungere in meno di due ore, tutti i giorni feriali, Torino o Bologna a partire da 70 euro è una risposta che l’Aeroporto dello Stretto voleva e doveva dare alla sua utenza, che sta dimostrando un’attenzione sempre maggiore agli sforzi di questi ultimi tre mesi. Sforzi importanti, che hanno prodotto, a quanto pare, risultanti altrettanto importanti.
È proprio l’ottima affluenza sui nuovi collegamenti ad aver permesso di sostituire l’ATR con il Boeing, ed avere così la possibilità, grazie ad una maggiore disponibilità di posti, di offrire tariffe sempre più accessibili».

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

PILOTI ITALIANI UNITI ESPRIME APPREZZAMENTO E SOSTEGNO AD ENAC PER IL NUOVO REGOLAMENTO

Tempo di lettura: 1 minuto

In data 22 febbraio ENAC ha pubblicato, per la preventiva diffusione nel settore e la consultazione dei soggetti interessati, il regolamento sull’impiego, sui limiti dei tempi di volo e di servizio e requisiti di riposo per l’equipaggio di condotta e del personale di missione degli elicotteri adibiti al trasporto aereo di passeggeri per collegamenti con piattaforme petrolifere, per servizio medico di emergenza e per attività di ricerca e soccorso in montagna.
PILOTI ITALIANI UNITI
condivide l’operato di Enac per avere predisposto un regolamento adeguato ed innovativo, su cui, come da richiesta dell’Autorità Aeronautica, esprimeremo le nostre considerazioni tecniche dettagliate ma per il quale possiamo esprimere apprezzamento riguardo all’esigenza di dotare il settore elicotteri di uno strumento regolamentare indispensabile, efficace e che tuteli in modo adeguato gli equipaggi e i cittadini trasportati.
Il regolamento implementa anche il Dlgs 185/2005 che recepisce nell’ordinamento giuridico nazionale la Direttiva 2000/79/CE relativa all’Accordo europeo sull’organizzazione dell’orario di lavoro del personale di volo dell’aviazione civile, così come riteniamo importante il riconoscimento del ruolo di tutto l’equipaggio impiegato e non solo di quello di condotta, anche in considerazione dell’importante ruolo del tecnico ai fini della sicurezza del volo.
Il metodo adottato da ENAC, che nel processo di definizione del testo finale pubblicato ha coinvolto i soggetti interessati con un primo giro di consultazione e ha tenuto conto delle osservazioni prodotte, costituisce motivo di apprezzamento per l’operato dell’Ente che auspichiamo venga sempre più applicato.
CGIL Piloti CISL Piloti UIL Piloti UGL Piloti UNIONE PILOTI

Categoria: Enti e Istituzioni

PITACCIO (FIT CISL): LA MANUTENZIONE DEI VELIVOLI ALITALIA DEVE RESTARE A FIUMICINO

Tempo di lettura: 1 minuto

La Fit Cisl Lazio, ritiene indispensabile che gli interventi sulla manutenzione degli aeromobili debbano necessariamente armonizzarsi in una strategia complessiva di sviluppo dell’area tecnica di Fiumicino. E’ questo il commento del sindacato all’inaugurazione dell’Hangar per la manutenzione degli aeromobili in transito effettuata dall’Alitalia sull’Aeroporto di Malpensa.
Non è pensabile infatti che 7 hangar a Fiumicino sui quali sono stati fatti investimenti tecnologici importanti e all’interno dei quali operano migliaia di tecnici specializzati non vengano utilizzati a ciclo continuo.  E’ altresì indispensabile che sia implementata l’attività di marketing finalizzata all’acquisizione di attività per conto terzi. Solo attraverso idonee iniziative per l’acquisizione di nuove commesse di lavoro potrà essere valorizzato al massimo il know-how delle maestranze di Fiumicino.

Non rispondono al vero – sottolinea il Segretario Generale della Fit Cisl Lazio, Luigino Pitaccio – le notizie di stampa secondo le quali il personale di volo sia prevalentemente formato da naviganti in trasferta, infatti circa 1.400 Assistenti di Volo e alcune centinaia di Piloti  sono in pianta stabile utilizzati da Alitalia su Milano.

E’ opportuno – conclude Pitaccio – che il tavolo interistituzionale formato da Regione Lazio, Comune e Provincia che ha contribuito in modo costruttivo alla soluzione non traumatica della vertenza Aeroporti di Roma continui a svolgere con lo stesso impegno un costante monitoraggio circa gli sviluppi del Piano Industriale Alitalia.
Fonte: Andrea Coco – Positive Climb

Categoria: Enti e Istituzioni

ANPAC: URGENTE LA SOLUZIONE DELLA VERTENZA VOLARE

Tempo di lettura: 1 minuto

ANPAC denuncia una preoccupante e grave lentezza riguardo la soluzione della vertenza VOLARE. E’ inammissibile che le istituzioni competenti consentano il protrarsi dei tempi di cassa integrazione, ritardando ulteriormente il necessario processo di ripresa. E’ in gioco la sopravvivenza di tantissimi lavoratori e delle loro famiglie che , ogni giorno che passa, vedono progressivamente peggiorare la propria qualità della vita. ANPAC richiama le Istituzioni competenti ad attuare interventi risoluti e definitivi che possano finalmente ridare stabilità e nuove prospettive al personale della compagnia VOLARE. (Fonte: Andrea Coco – Positive Climb)

Categoria: Enti e Istituzioni