REPUBBLICA CECA: IL GOVERNO ORDINA DUE AIRBUS CORPORATE JETLINER (ACJ)

La Repubblica Ceca ha ordinato due Airbus Corporate Jetliner (ACJ), entrando così a far parte del numero crescente di clienti sia pubblici che privati che hanno scelto questo tipo di aeromobile, di cui sono già state vendute oltre 70 unità. La Repubblica Ceca ha scelto di equipaggiare i propri ACJ con motori CFM  International CFM56-5, in grado di consumare molto meno carburante rispetto ai Tupolev Tu 154 che dovranno sostituire e, più in generale, consentiranno notevoli risparmi alla flotta del Governo in termini di costi operativi e di manutenzione. Gli ACJ potranno essere allestiti per trasportare truppe militari o rappresentanti di governo, grazie alla possibilità di configurazione variabile della cabina, che sarà allestita ad Amburgo da Lufthansa Technik.
Il Governo della Repubblica Ceca è il terzo in Europa ad aver scelto gli Airbus ACJ, che sono già in servizio nelle flotte di Stato italiana e francese. Gli Airbus ACJ sono attualmente utilizzati anche dai governi di Azerbagian, Brasile, Qatar, Thailandia, Venezuela e diversi stati mediorientali.

I Corporate Jets costituiscono uno strumento sempre più importante a supporto delle attività di politici e di dirigenti d’azienda,  poiché consentono di portare a termine più attività nell’arco delle 24 ore, svolgendo a pieno la propria missione. Rispetto ai tradizionali business jet, hanno anche il vantaggio di poter trasportare fino a 20-40 persone, semplificando l’organizzazione dei viaggi e permettendo anche a delegazioni più numerose di viaggiare insieme per rendere produttivo anche il tempo del volo.

Della Famiglia Airbus ACJ fanno parte l’A318 Elite, l’ACJ e l’A320 Prestige, derivati dai celebri A318, A319 e A320, gli aerei che offrono la cabina più larga, più alta e più confortevole di qualsiasi corporate jet e hanno il design più moderno, un’eccellente affidabilità e tutti i vantaggi derivanti dalla rete mondiale di assistenza Airbus.

(Fonte: Andrea Coco - Positive Climb)

Articolo scritto da admin il 15 Mar 2006 alle 11:24 pm.
Categorie: Industria


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus