AEROPORTI, GUERRA DELLE TARIFFE: IN ITALIA SONO TRA LE PIÙ BASSE AL MONDO. ECCO LE CIFRE

Il Presidente di Assaeroporti, l’Associazione confindustriale che rappresenta tutti gli aeroporti italiani, annuncia la guerra delle tariffe aeroportuali e controbatte duramente alle recenti prese di posizione di Assaereo e di Ibar contro la richiesta di Assaeroporti di un aumento delle tariffe.
“Innanzitutto bisogna chiarire che si tratta di tasse di approdo, decollo, sosta e security e non di servizi di handling: - dichiara il Presidente di Assaeroporti, ing Domenico Di Paola - “Già a ottobre 2005, prima ancora dell’ulteriore riduzione imposta con la legge sui requisiti di sistema, la media delle tariffe europee  per un aeromobile (approdo e decollo, security charge, imbarco) era di 1.973,4 euro contro la media italiana di 1.369,3, con un evidente gap per gli aeroporti italiani del 44,1%.
E il gap non è certamente solo europeo. La tassa passeggeri all’aeroporto JFK di New York è di 39,95 euro, mentre a Fiumicino è di 7,41; così come la tassa di approdo di un Boeing 767 è di 1.529 euro al JFK di New York, mentre a Fiumicino è di 821 euro!
Se si tiene conto che, da ottobre 2005 ad oggi, sono stati applicati i requisiti, mentre nel resto dell’Europa e del mondo le tariffe hanno continuato ad aumentare, si comprende subito come questo gap sia potuto solo aumentare a danno dell’efficienza, degli investimenti degli aeroporti italiani e senza alcun miglioramento, peraltro, delle tariffe  di volo per i passeggeri da parte  di alcune compagnie aeree in regime di monopolio.

Non vedo, quindi, come l’Ibar possa ritenere “surreali- le nostre richieste di un aumento del 30%. La stessa Assaereo, d’altronde, riferisce in un suo comunicato che  le tariffe aeroportuali sarebbero aumentate del quaranta per cento negli ultimi quattro anni. Non certo in Italia ! L’ultimo aumento, di circa il 7 per cento, risale al 2001. Nello stesso periodo (dal 1999 al 2005), invece, risulta che il costo dei biglietti aerei,  sia sui voli domestici  che europei, sia mediamente aumentato del 50% in Italia .

La posizione di Assaeroporti è molto precisa: vogliamo incoraggiare le compagnie aeree che praticano tariffe ragionevoli nei confronti dei passeggeri, vogliamo far emergere con chiarezza quali sono le compagnie che applicano tariffe altissime a danno di tutto il sistema del traffico aereo e soprattutto della crescita della mobilità che nel nostro paese è la più bassa d’Europa-.

Articolo scritto da admin il 3 Apr 2006 alle 9:35 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus