ENAC PRECISA CHE IL COLLEGAMENTO MILANO - OLBIA AL MOMENTO PUÒ ESSERE OPERATO SOLO DA MERIDIANA

L’ENAC, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, ricorda che, per assicurare la continuità territoriale, i collegamenti con la Sardegna da Milano e da Roma sono soggetti ad oneri di servizio pubblico. Tali tratte possono essere affidate solo a vettori che garantiscono di operare durante tutto il corso dell’anno, con tariffe socialmente sostenibili e ad orari rispondenti al diritto alla mobilità degli abitanti della Sardegna che altrimenti, in periodi di bassa stagione, rimarrebbero senza collegamenti.
Pertanto, compagnie aeree che si propongono sul mercato solamente per i periodi di alta stagione oppure per collegamenti ad orari differenti, non possono essere autorizzate ad operare, nel rispetto della continuità territoriale, come stabilito dai decreti di riferimento.
Eventuali pratiche non in linea con la normativa nazionale ed europea in materia danneggiano l’utenza.

In particolare, con riferimento alla tratta Olbia - Milano, l’ENAC informa che al momento il solo vettore che si è offerto di operare alle suddette condizioni è la società Meridiana.

Per venire incontro alle esigenze degli utenti che hanno acquistato biglietti aerei con la compagnia EasyJet per la tratta Milano - Olbia, l’ENAC ha previsto ed autorizzato voli supplementari per la compagnia aerea Meridiana, a prezzi onerati, per la riprotezione dei passeggeri che sono in possesso di biglietti per voli mai autorizzati e negati al vettore EasyJet con comunicazioni inviate a partire dal 10 gennaio 2006.

Si ricorda, inoltre, che dal 2 maggio p.v. entrerà in vigore il nuovo decreto di imposizione degli oneri di servizio pubblico con la Sardegna. I termini di scadenza del bando europeo per la presentazione delle domande che assegneranno le tratte per i prossimi tre anni, sono fissati al 24 aprile.

(Fonte: Andrea Coco - Positive Climb)

Articolo scritto da admin il 24 Apr 2006 alle 5:37 am.
Categorie: Enti e Istituzioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus