EMIRATES PREVISTA ENTRO IL 2010 UNA FLOTTA DI 156 AEREI

Per un totale di 101 destinazioni ed un trasporto di circa 26 milioni di passeggeri
Emirates prevede entro il 2010 di avere una flotta di 156 aerei, per un totale di 101 destinazioni e un trasporto di circa 26 milioni di passeggeri.
Nel 2005-06 Emirates ha aperto otto nuove rotte - Alessandria, Abidjan, Addis Abeba, Amburgo, Kolkata, Thiruvananthapuram, Seoul e Lilongwe (solo cargo) - arrivando a 83 destinazioni totali, cinque delle quali solo cargo.

Inoltre, ha aumentato la frequenza dei servizi passeggeri oltre ad una maggiore capacità grazie ad aerei più grandi, ha aggiunto 67 collegamenti extra a settimana per circa una dozzina di destinazioni già esistenti.
Il fattore di riempimento degli aerei (passenger seat factor) è salito al 75,9%, 1,3% in più dell’anno precedente, dato da un aumento del traffico del 20,2% e mantenendo una media di capacità di crescita del 18,9% per 15.803 milioni di tonnellata per chilometro.
Il breakeven load factor è rimasto intorno al 60,3%. Per il quarto anno consecutivo è migliorata anche l’efficienza passando a 55 cent di USD per RTKM (ricavo per tonnellata per chilometro) dai 52 cent del 2004-05.
Emirates ha investito durante l’anno 200 milioni di USD in nuovi servizi per i clienti e servizi di miglioramento. La compagnia ha rinnovato la sua flotta di 777-200 installando nuove poltrone SkyCriser in Prima Classe e con il suo programma vincente di intrattenimento a bordo su tutte le classi.
Ad oggi, tutti tranne 2 aerei 777-200 della compagnia sono stati rinnovati, gli altri saranno riequipaggiati da gennaio 2007.
Nuove Lounge Emirates sono state inaugurate negli aeroporti JFK di New York, Londra Gatwick, Sydney, Perth e Parigi Charles De Gaulle, che si aggiungono alle lounge di Dubai, Brisbane e Auckland. Oltre ad altre di prossima apertura nei maggiori 12 aeroporti nel mondo. 

Articolo scritto da admin il 28 Apr 2006 alle 5:40 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus