Archivio del dom Mag 2006

IL CATULLO CRESCE E INAUGURA LA NUOVA STAZIONE ARRIVI

Tempo di lettura: 2 minuti

E’ stata fissata per martedì 23 maggio alle ore 11 l’inaugurazione ufficiale del nuovo terminal arrivi dell’aeroporto Valerio Catullo di Villafranca. In un momento particolarmente positivo per l’aerostazione veronese che sfiora il 15 per cento di crescita nel corso del primo trimestre dell’anno, l’apertura della nuova struttura consente di offrire una risposta adeguata all’incremento di domanda proveniente sia dal settore business che da quello turistico. Il terminal arrivi è ora in grado di  raddoppiare la capacità di accoglienza dello scalo veronese con un aumento di oltre il 100 per cento degli spazi riservati allo sbarco, alla restituzione dei bagagli, ai controlli di sicurezza. In questo modo, il Sistema Aeroportuale del Garda intende servire ancor meglio il proprio bacino di utenza  ricompreso tra  le province di Verona, Trento, Bolzano, Brescia, Mantova, Vicenza e Rovigo con estensioni verso le ulteriori province limitrofe.
Il nuovo intervento sul settore arrivi porterà inoltre riflessi positivi anche nella struttura delle partenze che resta concentrata nel corpo storico del Catullo: pure in questo caso, lo spazio a disposizione dei servizi ai passeggeri raddoppierà nel corso dei prossimi due anni, con un inizio di sviluppo già a partire dalla prossima estate.

Lo sforzo sostenuto in questa fase dagli Aeroporti Sistema del Garda è supportato dai buoni risultati ottenuti dal Valerio Catullo nel corso dell’ultimo quadrimestre: da gennaio ad aprile il traffico è salito del 14,79 per cento tra passeggeri nazionali, internazionali e in transito nelle tratte nazionali e internazionali. Quest’ultima voce è cresciuta del 17,73 per cento rispetto al 2005, con un 23,40 per cento concentrato nel servizio di linea e il 13,83 per cento nei charter diretti all’estero. Un andamento particolarmente brillante si è avuto inoltre in corrispondenza del periodo pasquale: in aprile la crescita si è attestata al 26 per cento rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con punte del 38 e del 27 per cento rispettivamente per i voli di linea e charter internazionali. Da sottolineare che tali risultati sono stati raggiunti anche senza un contributo massiccio delle compagnie low cost.

(Fonte: Andrea Coco – Positive Climb)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

SI CONCLUDONO CON SUCCESSO I TEST SULLA CABINA DI DIMENSIONI REALI E I TEST DI FATICA PER 10.000 CICLI DI VOLO DEL PROGRAMMA AIR

Tempo di lettura: 2 minuti

Due pietre miliari in questa settimana per il programma A380. Ad Amburgo, in Germania, Airbus ha completato con successo la prima lunga prova a terra della cabina di un A380 completamente equipaggiato. In cinque ore di test, 474 passeggeri e 20 membri dell’equipaggio hanno simulato un volo di 15 ore testando tutti i sistemi presenti in cabina tra cui l’In-flight Entertainment System, i servizi igienici, idraulici e l’impianto di condizionamento. I passeggeri a bordo dell’aeromobile dovevano, a intervalliprestabiliti, intervenire nell’esercitazione, in modo da simulare ilmassimo livello di stress per determinati impianti della cabina. Alcunidei passeggeri si sono imbarcati con un computer portatile per testareil funzionamento dei sistemi di alimentazione sulle poltrone.
Il test ha preso in esame tutti i processi correlati con la gestione della cabina. In collaborazione con i trainer Airbus, un equipaggio della compagnia aerea Lufthansa ha seguito il funzionamento di tutte le operazioni della cabina dell’A380, dall’imbarco alle istruzioni di sicurezza, al funzionamento delle cucine di bordo e dei carrelli per vivande e all’intero servizio di ristorazione. Tra i passeggeri che hanno preso parte ai test erano presenti anche dei dipendenti Airbus e alcuni specialisti dei sistemi di rifornimento cabina.

Un ulteriore traguardo storico è stato raggiunto a Dresda, dove i test di fatica sull’A380 hanno raggiunto i 10.000 cicli di volo. I test analizzano il comportamento strutturale dell’A380 provocato da stimoli strutturali concentrati in un ristretto intervallo di tempo e si tengono in un hangar costruito appositamente ed equipaggiato con cilindri idraulici per simulare carichi strutturali. Il test di Dresda è cominciato a settembre 2005 e si protrarrà fino al 2008, per simulare un totale di 47.500 voli, sia a lungo che corto raggio.

“Il raggiungimento di questi due traguardi storici evidenzia l’eccellente progresso del nostro programma di verifca sull’A380-, ha affremato Charles Champion, COO di Airbus e responsabile del programma A380. “Il risultato del test sulla cabina ha dimostrato che tutti i sistemi funzionano perfettamente. La reazione dei nostri passeggeri è stata eccellente: hanno apprezzato i sedili più larghi e la sensazione di spaziosità senza precedenti, oltre alla silenziosa tranquillità dell’ambiente in cabina. Anche i test di Dresda stanno dando ottimi risultati, i 10.000 cicli di volo conclusi sono già il doppio di quanto serve per la certificazione-.

Categoria: Industria

CDG2 CHIAMA VALERIO CATULLO

Tempo di lettura: 2 minuti

27 marzo 1988: Air France inaugurava la linea Verona-Parigi, portando il primo vero volo internazionale all’aeroporto di Villafranca.
6 novembre 2000: novità in vista per gli utenti veronesi: Air France tornava a volare da Verona, aeroporto Valerio Catullo, con un volo giornaliero non-stop verso Parigi CDG2.
Questa era ed é tuttora la risposta di Air France, nelle migliori condizioni di competitività e di reattività, all’andamento decisamente positivo del traffico aereo tra il Veneto e la Francia, alle esigenze di un mercato in grande evoluzione. Ma, nel corso dell’inverno 2005-06, Air France ha potenziato il suo impegno sul Veneto proponendo ben 4 voli quotidiani andata e ritorno tra Verona e Parigi e, per il nuovo programma estivo 2006, l’attivazione del servizio di biglietto elettronico, in vigore dal 13 aprile, con l’obiettivo di rendere sempre più semplici gli spostamenti aerei. Si tratta infatti della versione elettronica del biglietto cartaceo convenzionale che presenta notevoli vantaggi: permette l’acquisto o la modifica del biglietto senza doversi spostare, una certa rapidità in quanto non c’é più necessità di ritirare il biglietto ed infine la sicurezza, non essendoci rischio di perdita, furto o dimenticanza. In Italia il servizio é già disponibile sugli scali di Bologna, Firenze, Milano Linate e Malpensa, Roma, Torino e Venezia.
La linea, con frequenza di 7 giorni su 7, é un riconoscimento all’importanza e all’interesse che Verona – polo economico del nord est – ed il suo hinterland, riveste per una delle più grandi compagnie aeree del mondo. I voli vengono effettuati dalla compagnia aerea Regional Airlines, controllata di Air France, con sede a Nantes, che collega una cinquantina di città francesi ed europee, con un ER4 da 50 posti, le cui caratteristiche tecniche lo rendono ottimale per le esigenze dei collegamenti regionali.

In virtù di tali voli, Verona é collegata direttamente con il mondo grazie all’aeroporto di Roissy Charles-de-Gaulle, l’hub di Air France a Parigi, un nodo vitale che offre regolari e rapidi collegamenti con il centro di Parigi e dà accesso a coincidenze immediate verso 185 destinazioni in 83 paesi del mondo.

L’aeroporto di Verona-Villafranca «V. Catullo» si inserisce sulla rete europea della compagnia portando a circa 100 i voli regolari quotidiani in programma tra l’Italia, la Francia e l’Europa.

«In particolare» – come ha osservato Lucia Impiccini, Direttore Marketing e Sviluppo Air France Italia – «il Veneto si sta rivelando come una delle «porte d’ingresso» all’Italia preferite dai turisti che volano con la compagnia francese, i quali scelgono proprio Verona o Venezia per cominciare un tour in Italia».

Quindi che sia per turismo o per affari o per la prima dell’Aida all’Arena: benvenuta Verona a Parigi e benvenuta Air France a Verona.

(Fonte: Andrea Coco – Positive Climb)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

WIZZ AIR SALVA I PASSEGGERI DI CENTRALWINGS RIMASTI A TERRA

Tempo di lettura: 2 minuti

Wizz Air, la più grande compagnia low cost dell’Europa Centrale e dell’Est, offre biglietti gratuiti ai passeggeri della Centralwings i cui voli sono stati cancellati. Wizz Air offre biglietti gratuiti (solo le tasse e le spese aeroportuali sono a carico del passeggero) sui voli Milano-Katowice, Varsavia-Liverpool e il recentemente annunciato Katowice-Doncaster Sheffield ai passeggeri che hanno una prenotazione sui voli Centralwings Varsavia-Milano, Wroclaw-Milano and Varsavia-Leeds Bradford che questo mese sono stati improvvisamente cancellati da Centralwings.
Nel periodo tra l’11 Maggio e il 16 Maggio 2006 i passeggeri della Centralwings che sono rimasti a terra possono prenotare posti gratuiti sui voli Wizz Air pagando soltanto le tasse e le spese aeroportuali.
La prenotazione può essere fatta online sul sito www.wizzair.com, attraverso il call center (+48 22 351 9499) e nella biglietterie aeroportuali Wizz Air. L’offerta è soggetta alla disponibilità dei posti secondo l’operatività attuale dei voli Wizz Air.

Voli cancellati Centralwings
Varsavia-Leeds Bradford
Varsavia-Milano
Wroclaw-Mlano

Prenota sui voli Wizz Air
Varsavia-Liverpool
Katowice-Doncaster Sheffield
Katowice-Milano/Bergamo

Wizz Air ha costantemente incrementato la sua presenza sul mercato polacco a partire dall’accesso del paese nella EU. Quest’estate la compagnia aerea aumenterà la sua capacità del 50% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, aggiungendo 15 nuove rotte e offrendo un totale di 33 rotte da 5 aeroporti polacchi (Varsavia, Katowice, Gdansk, Poznan, Wroclaw) per i passeggeri polacchi e per coloro che vogliono visitare la Polonia da tutta Europa.

Wizz Air è la più grande compagnia low cost  in Polonia ed ha occupato il 40% del mercato del paese nel settore aereo low cost nel 2005. La compagnia aerea è stata nominata, per il secondo anno consecutivo, la migliore compagnia aerea in Polonia sul sito www.pasazer.com, il più grande portale di viaggi in Polonia.

“L’improvvisa cancellazione delle rotte di Centralwings mi fa capire che le compagnie aeree forti stanno diventando sempre più forti e che quelle deboli stanno assumendo una importanza marginale. Wizz Air ha dimostrato il suo impegno verso la Polonia e i passeggeri polacchi lasciati a terra in numerose occasioni. Le persone possono sempre contare su di noi.” – ha detto József Váradi, Chief Executive Officer di Wizz Air.

(Fonte: Andrea Coco – Positive Climb)

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

VOLARE AD ATLANTA: I CONSIGLI SU ATLANTA E IL SUO AEROPORTO DA DELTA AIR LINES

Tempo di lettura: 4 minuti

Mancano 25 giorni alla partenza del nuovo volo da Venezia per Atlanta e il personale Delta mette a disposizione la propria conoscenza della città Atlanta e del suo aeroporto per tutti i passeggeri in partenza da Venezia. Patrizia Ribaga, Direttore Commerciale Delta Italia, insieme allo staff Delta dell’aeroporto Marco Polo mettono a disposizione dei passeggeri alcuni suggerimenti per viaggiare al meglio…
All’aeroporto di Atlanta, per chi transita e per chi è in partenza

L’aeroporto di Atlanta è suddiviso in diverse aree, i Concourse; gli arrivi e le partenze internazionali sono principalmente situate al Concourse E, dove parte e atterra il volo da Venezia. Ad Atlanta, Delta offre, con l’ultima sala recentemente inaugurata, 7 lounge: i passeggeri di classe BusinessElite possono usufruire delle lounge BusinessElite o delle sale Crown Room Club, alle quali si può accedere diventando soci o acquistando un pass giornaliero (25 USD). Al secondo piano del Concourse E, il piano delle partenze, sono  situate la biglietteria Delta / SkyTeam, la lounge BusinessElite e la zona dello shopping, mentre al piano terra si trova il treno di collegamento con gli altri Concourse, l’area di ritiro bagagli e l’uscita dell’aeroporto, dalla quale si accede al trasporto pubblico. I passeggeri che dispongono di tempo in attesa del volo in coincidenza, possono dedicarsi allo shopping nell’area Atrium, fornitissima di negozi e boutique, bar e ristoranti, alcuni dotati  anche di  piano bar. “L’Atrium è ubicato all’esterno dell’area di sicurezza, pertanto sarà necessario effettuare i controlli di sicurezza per tornare al gate di partenza- è l’avviso che arriva dallo staff Delta.

“Delta è leader nell’offerta di servizi per effettuare il check-in self service- dice Patrizia Ribaga “I passeggeri in partenza da Atlanta per destinazioni interne agli Stati Uniti possono scegliere tra il check-in ai chioschi, il check-in telefonico con le postazioni Delta Direct Phones, alle quali risponde direttamente un operatore Delta, o alle postazioni “curbside- situate all’esterno dell’aeroporto-. Ad Atlanta è possibile effettuare il self check-in anche ai  passeggeri in partenza su voli internazionali, ad esempio per Venezia, in alternativa ai tradizionali banchi check-in. “I chioschi permettono comodamente ai passeggeri con bagaglio a mano di effettuare il check-in in meno di 60 secondi,  in meno di 90 secondi se con  bagaglio da registrare- aggiunge Patrizia Ribaga. Oltre alle opzioni self service sono presenti numerosi banchi per il check-in tradizionale. All’aeroporto di Atlanta è presente, per l’assistenza ai passeggeri, anche personale che parla italiano.

“Abbiamo recentemente annunciato l’introduzione di 80 nuovi chioschi per il self check-in, un nuovo sistema di attesa per i passeggeri di First Class, BusinessElite e Medallion e 14 nuove postazioni check-in a servizio completo; inoltre,  per l’estate 2007, sara’ disponibile una nuova lobby molto più spaziosa – con il 50% di spazio in più dell’attuale, saranno apportati  miglioramenti all’area dei gate, che verra’ dotata con poltrone nuove e nuovi tappeti- osserva Patrizia Ribaga.

Visitare il meglio di Atlanta in attesa di un volo in coincidenza

– I passeggeri che hanno diverse ore a disposizione o che pernottano ad Altanta avranno l’opportunità di scoprire la città che ospita la sede centrale di Delta. “In circa 20 minuti utilizzando M.A.R.T.A, la metropolitana di Atlanta, si  raggiunge “downtown-, il cuore di Atlanta (stazione di Five Points), e  si arriva in pochi passi ai punti di maggiore interesse del centro- informa Patrizia Ribaga.
Downtown, il cuore di Atlanta, offre alcune attrazioni di grande interesse:

– il Georgia Aquarium, il più grande acquario del mondo, inaugurato il 23 novembre scorso, che ospita oltre 100.000 animali e pesci appartenenti a 500 specie diverse;

– il Centennial Park, un parco creato in occasione dei Giochi Olimpici che si sono svolti ad Atlanta nel 1996. In un’area di 85.000 mq si trovano campi e attrezzature per lo sport, fontane con giochi d’acqua e musica. Nell’area circostante il Centennial Park si trova il Georgia Aquarium e “Inside CNN- – dove si possono effettuare visite agli studios della CNN. Qui, nel 2007, aprirà un nuovo museo della Coca Cola, meglio noto come “The World of Coca Cola-, rinnovato e più grande di quello attuale (situato nelle vicinanze di Underground Atlanta);

Underground Atlanta, un centro commerciale situato nei piani sotterranei, offre oltre 100 negozi con prodotti tipici e souvenir dalla Georgia, ristoranti; spesso  vengono anche  organizzati intrattenimenti;

The High Museum of Art, lungo Peachtree Street, ma più decentrato rispetto a downtown, si trova uno dei musei più prestigiosi del sud est degli Stati Uniti. Il complesso dell’High Museum, progettato  dall’architetto Renzo Piano, comprende due edifici dedicati alla pittura e una suggestiva terrazza dedicata alla scultura nonché una “piazza-. Per informazioni visitare il sito www.high.org;  

Peachtree Street, è la lunga arteria che attraversa il centro di Atlanta intorno alla quale si trovano i ristoranti più famosi della città e i grandi alberghi.

I viaggiatori che si troveranno ad Atlanta nel mese di luglio potranno assistere alle celebrazioni in occasione del Giorno dell’Indipendenza. Nei mesi estivi, inoltre, si svolge Downtown Atlanta Restaurant Week, una settimana di cene promozionali a prezzi speciali nei migliori ristoranti nel cuore di Atlanta.

Per maggiori informazioni sulla città di Atlanta visitare il sito www.atlanta.net e per l’aeroporto Hartsfield-Jackson visitare il sito: www.atlanta-airport.com.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

VOLARE E SARDEGNA: AIR ONE DESIDERA PRECISARE CHE…

Tempo di lettura: 3 minuti

Sulle ordinanze del Tar del Lazio che non hanno accolto le richieste di Air One relative sia all’assegnazione del Gruppo Volare alla soc. Volare, appositamente costituita da Alitalia, sia all’interruzione dei voli Alitalia sulla Sardegna, si precisa quanto segue…
A) Quanto al complesso aziendale Volare, e pur considerando che:
Alitalia è stata ammessa a partecipare alla gara per l’aggiudicazione del gruppo Volare, pur disponendo sia degli aiuti di Stato per il salvataggio sia della CIGS, appositamente introdotta nel settore aereo;
Alitalia è stata messa in condizione di presentare l’offerta economica soltanto grazie al differimento, da parte del Commissario straordinario, del termine di scadenza dal 20 al 28 dicembre 2005, atteso che ha restituito l’aiuto al salvataggio il 21 dicembre 2005;
Alitalia ha ricevuto lo stesso punteggio di Air One sulla valutazione del mantenimento dei livelli occupazionali, nonostante Air One avesse dato garanzie per tre anni, assicurando l’impiego di oltre 707 risorse, a differenza di Alitalia che si è impegnata a garantire il mantenimento degli attuali livelli occupazionali per soli due anni, facendo sempre ricorso alla CIGS;
Alitalia è l’unico vettore ad avvalersi della CIGS, i cui oneri sono a carico anche di tutti gli altri vettori;
Alitalia ha acquistato il complesso aziendale, tramite un’altra società, c.d. newco, costituita soltanto il 12 aprile 2006, nonostante il bando di gara e l’offerta presentata lo vietasse espressamente, senza ignorare il fatto che il  decreto del Ministero delle Attività Produttive autorizzava la sola Alitalia, e non altra società, ad acquistare il complesso aziendale;
ad Air One non è stato neppure concesso di verificare la corretta valutazione dell’offerta Alitalia, attraverso la visione della documenti che la medesima compagnia avrebbe dovuto depositare in sede di offerta, come gli altri concorrenti;
Alitalia confidi di non incorrere in alcuna sanzione dell’Antitrust tanto da concludere l’operazione di concentrazione prima di una qualche pronunciamento dell’Authority, malgrado l’articolo 6 della legge 287 vieti espressamente tutte le operazioni di concentrazione che vadano a rafforzare ogni posizione dominante sul mercato, anche quella di Alitalia;

B) Quanto alle riconosciuta possibilità ad Alitalia di operare sulle rotte da e per cagliari, secondo i vecchi oneri, e considerato che:
Alitalia è stata anche riammessa a volare in Sardegna senza aver presentato alcuna accettazione scritta dei nuovi oneri, né alcun documento, certificato o impegno a garanzia della corretta esecuzione, come dalla stessa Alitalia ammesso in udienza;
Alitalia è stata riammessa malgrado Air One e Meridiana abbiano già sottoscritto i relativi contratti con l’ENAC ed attivati tutti i collegamenti onerati;
ad Alitalia, e solo ad Alitalia, è consentito di continuare ad operare le rotte già esercite secondo gli oneri espressamente abrogati da un decreto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, la cui efficacia non è in contestazione;
sono stati completamente ignorati i danni arrecati ad Air One e Meridiana con la successiva riammissione di Alitalia;
ad Alitalia, e solo ad Alitalia, è consentito non sottoporsi alle prescritte verifiche dell’ENAC ed essere esonerata dall’assunzione di formali impegni, così come dalla produzione della documentazione necessaria,

Air One vuole comunque continuare ad avere fiducia negli Organi di giustizia amministrativa, prima di valutare la sussistenza degli emergenti e molteplici profili di responsabilità connessi alle ulteriori, nuove e sempre più gravi illegittimità ed illiceità,  che si sovrappongono e si cumulano con quelle già denunciate.

Forse si farebbe anche il bene dell’Alitalia se solo si cominciasse, com’è giusto che debba essere, a considerarla, almeno al pari, e non al di sopra, di altre e più sane imprese private, che non hanno mai chiesto, né hanno intenzione di chiedere, allo Stato aiuti finanziari, ma solo di assicurare un leale regime di concorrenza, eliminando ogni nocivo interesse a ricostituire posizioni di sostanziale monopolio.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

RYANAIR RICORRERA’ IN APPELLO CONTRO LA DECISIONE DEL TAR DI BLOCCARE LE TARIFFE BASSE E LA CONCORRENZA

Tempo di lettura: 1 minuto

Ryanair ha dichiarato che ricorrerà in appello contro la decisione del TAR del Lazio di bloccare i voli a bassa tariffa di Ryanair ed Easyjet sulle rotte tra l’Italia e la Sardegna.
Le autorità italiane hanno bloccato i voli a bassa tariffa Ryanair tra Roma ed Alghero imponendo un regime di continuità territoriale sulla rotta nonostante 2 compagnie aeree (Ryanair e Air One) stessero già operando tutto l’anno voli tra Roma ed Alghero. Questo non è permesso sotto la regolamentazione europea per la continuità territoriale. Queste regole sono stata abusate dalle autorità italiane poiché ad Alitalia è concesso volare sulle rotte a regime di continuità territoriale per la Sardegna pur non avendo nemmeno fatto domanda per operare su di esse in prima istanza.
Parlando oggi Peter Sherrard, Capo della Comunicazione, ha detto: “Abbiamo istruito i nostri avvocati di ricorrere in appello contro questa decisione presso i Tribunali europei per garantire che le tariffe basse e la concorrenza siano consentiti in Italia. E’ incredibile che mentre a Ryanair è stato impedito di offrire le tariffe basse tra l’Italia e la Sardegna, ad Alitalia è concesso di vendere le sue tariffe alte sulle rotte a regime di continuità territoriale per le quali non ha neanche fatto domanda.

Il sistema di continuità territoriale in Europa è chiaramente fuori controllo. E’ abusato dai governi nazionali per proteggere i vettori di bandiera ad alta tariffa e contemporaneamente per bloccare la concorrenza delle tariffe basse. I consumatori e visitatori italiani non dovrebbero essere obbligati a pagare tariffe più alte perché le autorità italiane stanno abusando del sistema di continuità territoriale per proteggere Alitalia e altre compagnie aeree italiane ad alta tariffa.-

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori