Archivio del Lug 2006

MANCANO EQUIPAGGI, CAOS A LINATE

Tempo di lettura: 1 minuto

-Bloccati voli AirOne: in 500 a terra-
Milano– Sono iniziate nel peggiore dei modi le vacanze per oltre 500 persone, rimaste bloccate all’aeroporto milanese di Linate a causa di pesanti ritardi per la partenza di cinque voli nazionali AirOne.
I ritardi sarebbero dovuti alla difficoltà da parte della compagnia nel formare gli equipaggi per la carenza di personale.
I passeggeri hanno trascorso la notte nello scalo o in albergo in attesa che la situazione si sblocchi

I passeggeri, esasperati per la lunga attesa, hanno sollevato proteste anche a causa di mancanza di qualsiasi tipo di informazione da parte della compagnia aerea e si sono rivolti alla polizia per presentare denuncia.
Davanti all’emergenza gli agenti hanno cercato di fare il possibile per aiutare i passeggeri.

I voli interessati sono due per Cagliari, uno per Roma, per Bari e per Alghero.

Caos anche a Bari
Da oltre 24 ore un gruppo di 160 persone aspetta di poter finalmente partire per le sospirate vacanze. Avrebbero dovuto partire partire sabato sera alle 22.20 circa con un volo charter della compagnia AirOne, diretti a Palma di Majorca e a Ibiza. “Dopo aver invano atteso per ore il nostro volo – ha denunciato un passeggero, Francesco Bovio – ci hanno detto che l’aereo non sarebbe arrivato e ci hanno portato in albergo, dove abbiamo trascorso il resto della notte e tutta la giornata di domenica”. L’aereo che doveva arrivare da Milano, però, non si è visto e i vacanzieri sono ancora a Bari. TgCom

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

SPARISCE COPILOTA AEREO FERMO PER 20 ORE

Tempo di lettura: 1 minuto

Verona– E’ slittata di 20 ore la vacanza dei 150 turisti del volo 8292 Airone, diretto a Creta, in partenza sabato dall’aeroporto Catullo di Verona.
Secondo alcuni operatori dello scalo mancava il copilota, dalla compagnia aerea nessuna nota riguardo l’accaduto, che invece ha ospitato i clienti in albergo per la notte. Poi l’aereo è ripartito il giorno seguente alle 14:17 stavolta con l’equipaqggio al completo.

 

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

INVESTIMENTI STRANIERI AL VIA. IL DECOLLO DEI RUSSI

Tempo di lettura: 2 minuti

Non saranno contenti i canadesi e i brasiliani ora che la Russia sta per riavviare la produzione di aerei di linea.
La Sukhoi Holding, principale produttore di aerei militari e sistemi d’arma del Paese, presenta, come noto, un progetto per la produzione di un nuovo aereo civile di piccole dimensioni e a raggio regionale, il Sukhoi Superjet 100, che potrebbe diventare un diretto concorrente della canadese Bombardier e della brasiliana Embraer, al momento gli unici produttori di aerei da trasporto di piccola capacità (da ottanta a cento passeggeri).
La Russia non produce aerei civili dal 1995, ma il Sukhoi dovrebbe entrare in produzione alla fine del 2007.
Il mercato mondiale per aerei regionali viene stimato dall’ufficio studi della Boeing a circa 3.900, di cui almeno 1.600 in Russia.
Boeing e Airbus (Eads) stanno ora valutando la possibilità di diventare azionisti della Sukhoi per accedere al mercato russo quando, come appare inevitabile, riprenderà la progettazione e la produzione di aerei di maggiori dimensioni diretti concorrenti dei due giganti.
La domanda russa di aerei di medie dimensioni viene stimata intorno alle 1.300 unità nei prossimi quindici anni.
Una impresa italiana, Alenia Aeronautica (gruppo Finmeccanica), è già diventata azionista acquisendo una partecipazione costata 200 milioni di dollari.
Airbus e Boeing potrebbero investire circa 1,2 miliardi di dollari nella Sukhoi. Interessante notare che il Governo russo non sembra opporsi alla presenza di capitali stranieri in settori strategici quali l’aviazione, a condizione che siano i russi a controllare le attività.
Qualcosa di simile avviene nella recente operazione della Rosneft, che emette azioni per 10 miliardi di dollari.
Varie società petrolifere europee, tra cui la British Petroleum e la Shell, acquistano azioni della Rosneft, di cui detengono ora una partecipazione del 20 per cento circa valutata intorno ai 2 miliardi di dollari.
La semi-privatizzazione della società petrolifera russa sembra indicare quali siano le future linee guida dal Governo di Mosca nei confronti degli investitori stranieri.
Non è consentito l’acquisto di azioni a società finanziarie e grossi investitori privati, spesso considerati dai russi alla stregua di speculatori, bensì a piccoli sottoscrittori e società industriali.
Qualcosa di simile comincia a profilarsi nell’industria aeronautica e in quella siderurgica.
Nelle prossime settimane è probabile che un’operazione simile si ripresenti con la liquidazione definitiva della Yukos, per la quale il fallimento è ormai inevitabile. S.g
(Fonte Il denaro it)

Categoria: Industria

ALITALIA: POSIZIONE FINANZIARIA NETTA AL 30 GIUGNO 2006

Tempo di lettura: 3 minuti

In ottemperanza alle richieste formulate da Consob, il presente documento contiene le informazioni concernenti la posizione finanziaria netta, aggiornata al 30 giugno 2006, e gli eventuali  rapporti di debito scaduti di Alitalia e del Gruppo, diffuse ai mercati tramite comunicato stampa entro la fine di ciascun mese con riferimento a quello precedente…
Si evidenzia che, in linea con le indicazioni ricevute dalla stessa Commissione (così come già fatto a partire dall’informativa resa ai mercati il 30 agosto 2004 in merito alla posizione finanziaria netta del Gruppo riferita alla data del 31 luglio 2004), è stata operata una riclassifica che si sostanzia nello scorporo dai dati pertinenti l’indebitamento a medio-lungo termine delle quote correnti in scadenza nei dodici mesi successivi e nell’inclusione di queste ultime nei dati relativi all’indebitamento finanziario a breve termine.

I dati riflettono l’esito di rilevazioni gestionali che, ferma restando la complessiva significatività dell’informativa, accolgono alcune procedure di stima. I commenti, di seguito riportati, relativi alle più significative variazioni intervenute nei due periodi a raffronto, fanno riferimento alla situazione del Gruppo. Peraltro, in considerazione dell’incidenza ampiamente preponderante delle consistenze della società Alitalia su quelle totali di Gruppo, detti commenti, di fatto, sono sostanzialmente rappresentativi anche degli andamenti afferenti la sola Capogruppo; eventuali andamenti particolari a livello Capogruppo trovano comunque debita evidenza in specifiche note di commento.

La posizione finanziaria netta del Gruppo al 30 giugno 2006 è stata pari a 896 milioni di Euro con una riduzione dell’indebitamento netto di 18 milioni di Euro (-2,0%) rispetto all’ultima analoga situazione al 31 maggio 2006, pubblicata in data 30 giugno 2006.

La posizione finanziaria netta della Capogruppo Alitalia al 30 giugno 2006 è stata pari a 870 milioni di Euro, registrando una riduzione (-2,2%) rispetto alla situazione al 31 maggio 2006, inclusiva anche dei crediti finanziari netti a breve termine nei confronti delle Controllate.

Le disponibilità ed i crediti finanziari a breve evidenziano una riduzione, a livello sia di Gruppo sia di Alitalia, indotta prevalentemente dall’attivazione di un investimento a medio lungo termine (circa 18 mesi) di Euro 55 milioni al fine di ottenere una remunerazione particolarmente vantaggiosa e conseguentemente migliorare le condizioni complessive di impiego della liquidità gestita.

Al 30 giugno 2006 sono risultati in essere, a livello di Gruppo, leasing finanziari (pressoché per intero afferenti gli aeromobili in flotta e in larghissima parte in capo alla Capogruppo per 148 milioni di Euro) le cui quote capitali, inclusive del valore di riscatto, sono pari a 164 milioni di Euro (di cui 27 milioni di Euro rappresentativi della quota capitale corrente in scadenza nei dodici mesi successivi alla data di riferimento e per 24 milioni di Euro riconducibili alla Capogruppo). Per contro, lo stesso dato al 31 maggio 2006 era pari a 168 milioni di Euro (di cui 29 milioni di Euro in scadenza nei dodici mesi successivi alla data di riferimento); le corrispondenti evidenze al 31 maggio 2006 per la Capogruppo risultavano rispettivamente pari a 152 e 27 milioni di Euro.

Si segnala altresì che l’indebitamento bancario esistente è pressoché per intero assistito da garanzie reali (ipoteche su aeromobili) ovvero da garanzie personali (prevalentemente garanzie rilasciate da agenzie per il credito all’esportazione). I relativi contratti di finanziamento prevedono clausole legali standard di risoluzione contrattuale. In nessun contratto è previsto, per il mantenimento del credito erogato, il rispetto di specifici indici patrimoniali/economici/finanziari.

Si evidenzia che, nel corso del mese di giugno 2006, sono stati effettuati rimborsi di finanziamenti a medio/lungo termine per un importo complessivo di circa 23 milioni di Euro. Con riferimento ai debiti di natura finanziaria, tributaria e previdenziale non si evidenziano al 30 giugno 2006, tanto per la Capogruppo quanto per le altre società del Gruppo, situazioni di scaduto o irregolarità dei pagamenti.

Per quanto attiene ai debiti di natura commerciale, non si segnalano, sempre con riferimento alla data del 30 giugno 2006, situazioni di scaduto o irregolarità di pagamenti per Alitalia e per le altre società del Gruppo, ad eccezione di quelle correlate a partite in contestazione.

Con riferimento a queste ultime, si evidenzia in particolare il sussistere di scaduti verso alcuni gestori aeroportuali a fronte di addebiti per controverse fattispecie per un ammontare complessivo pari, al 30 giugno 2006, a 83 milioni di Euro.

Si segnala inoltre che sono stati opposti, o sono comunque in fase di opposizione, i seguenti decreti ingiuntivi notificati: a) da un gestore aeroportuale per un totale di circa 21,8 milioni di Euro (n° 9 decreti); b) da una controparte contrattuale per circa 470 mila Euro; c) da un fornitore di servizi informatici per circa 812 mila Euro; d) da un professionista per circa 534 mila Euro; e) da una ditta appaltatrice di lavori di ristrutturazione per circa 635 mila Euro; f) infine, da due fornitori per un totale di circa 40 mila Euro.

Al netto di quanto già in precedenza rilevato, non si evidenziano altre ingiunzioni o azioni esecutive intraprese da parte dei creditori, notificate al 30 giugno 2006 né, a tale data, iniziative di sospensione dei rapporti di fornitura.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE PREDILIGONO VOLI E NOLEGGIO AUTO CON IL PROGRAMMA DELTA SKYBONUS

Tempo di lettura: 3 minuti

Delta Air Lines, che offre un programma di incentivazione dedicato alle piccole e medie imprese, ha effettuato una ricerca sull’uso del programma e le preferenze sui premi richiesti dalle PMI in Europa. Le aziende iscritte al programma SkyBonus possono accumulare punti ogni volta che volano con Delta ed utilizzarli poi per richiedere premi come voli, passaggi di classe o noleggio auto. Secondo la ricerca condotta da Delta, le piccole e medie imprese preferiscono utilizzare i punti accumulati per prenotare voli premio in Italia (85%), Gran Bretagna (91%), Francia (100%) e Germania (63%), mentre le aziende preferiscono utilizzarli per le auto a noleggio in Spagna (100%) e Irlanda (43%)…
“Un approccio standardizzato nella gestione di un programma fidelizzazione per le PMI non funziona- commenta Thomas Brandt, General Manager di delta.com & Self-Service International. “Se da un lato la totalità delle piccole e medie imprese spagnole al momento del riscatto dei punti sceglie il noleggio auto, l’85% delle PMI italiane sceglie di usufruire di voli premio, una percentuale che sale addirittura al 100%  tra le PMI francesi. Delta ha lavorato a lungo per realizzare un programma globale dedicato alle PMI che fosse flessibile, in modo da offrire le soluzioni di viaggio preferite dalle aziende in ciascun mercato-.

Il sito SkyBonus (www.delta.com/skybonus), come parte del vasto programma di rinnovamento del prodotto Delta, è stato aggiornato con una grafica interamente nuova e originale, ma soprattutto sono stati apportati miglioramenti e aggiunti servizi, tra i quali:

L’aggiunta di un secondo “Amministratore-, ovvero di una seconda persona incaricata all’interno della PMI di gestire on-line il programma, per consentire una gestione più semplice;
Nuove funzionalità informative, per esempio l’invio di un’e-mail di benvenuto per i nuovi soci e la possibilità per l’Amministratore principale di ricevere notifiche via e-mail di tutte le attività dell’account (acquisto voli, richiesta premi, ecc);
Elaborazione e accredito su base settimanale dei biglietti e possibilità di accedere più velocemente ai punti e ad altri vantaggi;
La possibilità di aggiungere note all’atto della richiesta dei premi per avere un archivio completo;
Una procedura di registrazione semplificata.

SkyBonus è stato sviluppato per offrire maggiore flessibilità e più scelta alle PMI, tenendo in considerazione la varietà delle esigenze d’affari e di viaggio di questo segmento di mercato. Un numero crescente di piccole e medie imprese effettua voli transatlantici, ma non sempre la classe di viaggio prescelta è la business: per questo, SkyBonus consente alle PMI di accumulare punti in base alla tariffa del biglietto e non in base alla classe di servizio.

“Tutti i premi che Delta offre con SkyBonus sono potenziali risorse a disposizione dell’impresa, che può utilizzarle per affari, per uso personale o per i collaboratori. L’azienda può decidere di usare i punti per noleggiare auto per i propri clienti o per richiedere voli per il personale come parte di un programma di incentivazione. SkyBonus offre alle PMI flessibilità e tante possibilità di scelta- dice Thomas Brandt.

Il programma SkyBonus è interamente basato su internet e le aziende possono registrarsi on-line nel sito www.delta.com/skybonus. Ogni volta che l’azienda acquista un volo Delta o in codeshare di una compagnia partner, è sufficiente inserire i dettagli del volo nel sito SkyBonus e il totale dei punti accumulati viene aggiornato e reso disponibile all’azienda.

I punti accumulati con SkyBonus possono essere utilizzati per scegliere tra oltre 20 premi, tra i quali voli, autonoleggio, accessi alle lounge aeroportuali e status SkyMiles Medallion, un livello elevato del programma frequent flyer di Delta. Con l’offerta di una vasta selezione di premi, l’azienda può optare per quello che ritiene abbia maggior valore ed utilità.

Per ogni volo effettuato con Delta, le PMI accumulano punti con SkyBonus e, al tempo stesso, il singolo passeggero  accumula miglia sul suo programma frequent flyer SkyMiles.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

VOLA… CON IL CUORE

Tempo di lettura: 1 minuto

Il 16 agosto 2006 Sweet Years prende quota e si fa protagonista di un originalissimo evento su un volo diretto a Zanzibar ed operato con un Boeing 757-200ER di Air Italy, compagnia aerea guidata dal comandante Giuseppe Gentile.
L’evento, una sfilata in piena regola su un’insolita passerella, presenterà le proposte più cool dell’estate 2006, che saranno indossate per l’occasione dagli assistenti di volo.
Il volo sarà, così, metafora di un ponte verso le tendenze giovani e più spiritose del momento a dimostrazione del fatto che è continua la ricerca da parte del vettore di trovare forme di intrattenimento per i propri passeggeri, sempre di alta qualità e rigorosamente “Made in Italy-.

T-shirt e canotte dal gusto trendy, ma anche shorts, micro-gonne e cappelli coloratissimi accompagneranno i viaggiatori in un divertente viaggio all’insegna dello Sweet Years way of life in una specialissima presentazione che sarà ripresa da Oltremoda, programma del palinsesto Rai dedicato al fashion world.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

POLTRONE DOTATE DI MEMORIA A BORDO DELLA NUOVA BUSINESS DI AMERICAN AIRLINES

Tempo di lettura: 4 minuti

American Airlines ha appena presentato la sua nuova Business Class di prossima generazione alla mostra-congresso internazionale della National Business Travel Association (NBTA) di Chicago.
La nuova Business sarà installata su entrambe le tipologie di aeromobili che caratterizzano la flotta  American Airlines: i Boeing B767-300 e i B777; questa vasta ristrutturazione – eseguita presso il Centro di manutenzione dell’American Alliance a Fort Worth in Texas – avrà termine nei primi mesi del 2007 per quanto riguarda i B767, a seguire, si procederà anche sui B777 nel corso del nuovo anno. L’-upgrading- è previsto anche per la Prima Classe dei B777, dove saranno installate le nuovissime poltrone Flagship Suite.
La progettazione della nuova Business Class del Boeing 767-300 vuole rispondere a criteri di maggior comfort, flessibilità e privacy nell’ambito di una strategia che mira a offrire ai passeggeri prodotti e servizi di alta qualità a bordo.

Le poltrone, dal design ergonomicamente avanzato, sono disposte secondo lo schema 2-2-2 e sono totalmente innovative. Infatti sono completamente regolabili e reclinabili e consentono al passeggero di personalizzare le impostazioni in base alle proprie preferenze personali. Il passeggero può infatti regolare individualmente ogni componente della poltrona (seduta, schienale, poggiagambe e poggiatesta), secondo una serie di posizioni diverse. E’ possibile selezionare una delle posizioni predefinite a schienale diritto, leggermente reclinato o completamente abbassato, per poi personalizzare ulteriormente le impostazioni in base alle proprie preferenze personali. La poltrona è dotata di una memoria per le impostazioni che consente al passeggero di tornare velocemente alla posizione preferita nel corso del viaggio.

La nuova poltrona si estende fino a una lunghezza di 195,6 centimetri. Con il divisorio alzato e il bracciolo esterno abbassato, la poltrona conta 58,4 centimetri di larghezza. Inoltre, unica nel suo genere, la poltrona può scorrere in avanti mentre è in posizione verticale e questo consente al passeggero di spostarsi in avanti in una posizione sfalsata rispetto al compagno di fila, aumentando così privacy e comfort. Lo scorrimento in avanti consente inoltre al passeggero di avvicinarsi al tavolino e alla presa di corrente posizionata sullo schienale della poltrona antistante, più comoda e più facilmente accessibile rispetto a quella posizionata sul pavimento o sotto la poltrona. Un gancio sullo schienale e un beauty case che fa anche da borsa portascarpe sono l’ideale per tenere i propri effetti personali a portata di mano. Le poltrone orientate in avanti e i lussuosi piumoni garantiscono privacy e morbido calore per tutta la durata del volo.

Altra novità sono i tavolini pieghevoli interbloccanti. L’innovativo design del tavolino prevede due piani diversi: uno si abbassa dallo schienale del sedile antistante, l’altro si alza dalla console centrale. I due tavolini possono essere utilizzati separatamente o insieme per creare una superficie più ampia durante il pasto o lavorare. L’impianto di illuminazione è all’avanguardia e consente di orientare la luce nel modo più confortevole..

Anche l’intrattenimento di bordo diventa più sofisticato. Infatti, sui voli internazionali con B767-300, esiste un dispositivo portatile dotato di monitor da 10,6 pollici che il passeggero può posizionare sullo schienale oppure sistemarlo nell posto migliore in base alla posizione scelta per il sedile. Sono disponibiliI le cuffie Bose® QuietComfort® 3 Acoustic Noise Cancelling®, che consentono di eliminare rumori e fruscii per un’esperienza audio o video davvero completa. L’intrattenimento offre a richiesta una scelta di 14 film, 10 ore di programmi televisivi e notiziari precaricati, 50 CD musicali, 15 video muisicali e un’ampia scelta di giochi. Le lingue disponibili variano in base alla destinazione e al tipo di velivolo e possono essere: inglese, spagnolo, portoghese, francese, tedesco, giapponese e cinese.

Le cappelliere sono più grandi e con aperture più funzionali in quanto progettate per accogliere anche i trolley, in modo tale che i passeggeri possano sistemare e riprendere i propri bagagli più agevolmente.

American Airlines, che è stata la prima compagnia aerea a liberalizzare le normative sull’uso dei telefoni cellulari e ad introdurre il servizio di telefonia satellitare a bordo,  continuerà ad offrire ai passeggeri dei voli internazionali una connettività a banda larga in tempo reale e continuerà ad impegnarsi attivamente in tal senso per aumentare il numero delle opzioni disponibili.

I passeggeri hanno sempre apprezzato l’eccellente cucina e i prestigiosi vini della Business Class di American. Il Panel degli chef di American ha studiato un menu che comprende ad esempio la bistecca del Cowboy firmata Stephen Pyles con ragù al chili rosso, cipolle e fagioli e stinco di agnello con coulis di pomodoro.

A partire da settembre, American introdurrà altre novità anche  nei menu della Premium Class : pane artigianale, un piatto di antipasto e cioccolatini dopo-cena. A degno completamento del pasto, American vanta una carta con 18 vini diversi selezionati appositamente per i diversi mercati. Per maggiori dettagli sui cibi e i vini internazionali di American consultare il sito  HYPERLINK “http://www.aa.com/dining” www.aa.com/dining.

Infine, lo scopo finale di questo “lifting- di alto livello è di rendere l’esperienza di viaggio in Business Class più confortevole e personalizzata in base alle esigenze di ogni passeggero.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

L’EUROPA CHIAMA ALLA TRASPARENZA SUI PREZZI DEI BIGLIETTI AEREI : ASSAEROPORTI RISPONDE E ANNUNCIA L’OPERAZIONE VERITA’

Tempo di lettura: 3 minuti

Il Presidente di Assaeroporti, recentemente eletto nel Board of Directors di ACI Europe, ing. Domenico Di Paola plaude all’iniziativa varata dal Commissario europeo ai trasporti, Jacques Barrott, che mira fra l’altro a porre fine alla pubblicità “ingannevole- sui prezzi dei biglietti. 
“La Comunità Europea sta varando una serie di provvedimenti diretti ad armonizzare la tematica del trasporto aereo in tutti i Paesi della Comunità – dice Di Paola. E’ per questo motivo che riteniamo fondamentale giungere ad una valutazione oggettiva di tutta questa complessa tematica facendo piena trasparenza con uno studio già commissionato a Certet/Bocconi, Luiss e PriceWaterhouseCooper. Lo studio, che definiamo “operazione verità-, coglie  in pieno lo spirito con cui la Comunità Europea sta spingendo tutti i componenti della filiera del trasporto aereo alla massima chiarezza nell’esposizione dei prezzi praticati. E naturalmente, appena sarà ultimato, coinvolgeremo le associazioni dei consumatori. Finalmente si potrà far luce e comunicare correttamente ai passeggeri tutte le voci che compongono il prezzo del biglietto aereo.-
Non sembra andare nella stessa direzione della chiarezza, quanto piuttosto in quella di uno studio di parte invece,  la  recente analisi sul sistema di regolazione dei rapporti fra aeroporti e vettori commissionata da Assaereo.  Al di là delle premesse incoraggianti sulla necessità di affrontare i problemi in un ottica di sistema per un mercato che offre interessanti opportunità di espansione, in realtà si finisce con il    fare  solo i conti in tasca  agli aeroporti, e farli male oltretutto, come se fosse tutto lì il problema.

Si afferma che i servizi aeroportuali sono sempre più cari e la loro incidenza sul costo del biglietto aereo domestico è quasi raddoppiata.  Ebbene la misura delle tasse di imbarco è rimasta ferma al  decreto ministeriale del novembre del 2000  che ne ha fissato la misura aeroporto per aeroporto, senza da allora nemmeno l’adeguamento all’inflazione. La voce più cospicua che viene caricata sul biglietto in maniera occulta non riguarda gli aeroporti, ma è il  supplemento per il carburante (Fuel Surcharge), che viene accorpato dalle compagnie aeree  nella dicitura “Tasse e Supplementi- . A far aumentare l’indice generale è, anche, la tassa per la sicurezza e controllo su bagagli a mano introdotta nel 2003  a seguito delle  nuove norme sulla sicurezza  che hanno comportato, anche per effetto  della tragedia delle torri gemelle, un adeguamento delle infrastrutture e dei dispositivi della sicurezza. – chiarisce Di Paola.

Secondo i primi risultati dello studio ancora in  corso di Assaeroporti che sarà consegnato a breve al Ministro Bianchi,un biglietto Alitalia a tariffa aperta per un volo di sola andata da Roma Fiumicino a Milano Linate, viene proposto così  al consumatore:  Tariffa della Tratta Euro 209,00 + Tasse e Supplementi Euro 44,02 =  Prezzo del biglietto Euro 253,02. La dicitura “Tasse e Supplementi- comprende nel caso preso ad esempio  ben Euro 32,00 di supplemento per il carburante (c.d. Fuel Surcharge) caricato sul costo del biglietto. Vengono poi aggiunti Euro 2,00 di “Addizionale-  di competenza comunale e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ai sensi della L. 350 del 23 dicembre 2003 e della L. 43 del 31 marzo 2005) e solo i restanti Euro 10,02 rappresentano gli effettivi costi aeroportuali, per i quali il termine “Tasse- risulta quantomeno improprio trattandosi di spese legate ad un servizio usufruito. Più appropriato appare il termine “Tariffe-.

“Invocare la legge 248/05 sui requisiti di sistema, che presenta fra le sue lacune più gravi proprio il mancato confronto con l’Europa, come la panacea per regolamentare le tariffe è quanto mai pretestuoso e anacronistico – conclude Di Paola- Il vero spartiacque nella gestione del sistema tariffario aeroportuale  in modo più trasparente e congruo sono i contratti di programma previsti già dalla delibera Cipe del 2000 che si proponeva di regolamentare il sistema,ma che non è stata ancora applicata.

Categoria: Enti e Istituzioni

BRITISH AIRWAYS RILANCIA NELLA SFIDA ALLE LOW COST

Tempo di lettura: 2 minuti

British Airways lancia il guanto di sfida alle low cost e taglia fino al 70% le tariffe point to point da tutta Europa verso l’aeroporto di Londra Gatwick. Dall’Italia si vola a partire da 19 euro (tariffa valida per singola tratta, tasse e supplementi esclusi). Una competizione che a livello europeo interesserà più di 30 rotte di cui sette in Italia.
Questa significativa riduzione avviene a soli tre mesi dal lancio del nuovo sistema tariffario che ha introdotto la possibilità di prenotare singole tratte di viaggio ed ha eliminato, di fatto, tutte le restrizioni sui biglietti garantendo la possibilità ai passeggeri di cambiare la propria prenotazione, a prescindere dalla tariffa acquistata, fino al giorno della partenza.
 
Mark Moscardini, Direttore Commerciale British Airways Italia e Malta ha commentato: “Tutti conoscono la qualità del prodotto e dei servizi British Airways. Con questa rivoluzione, da oggi, offriremo a tutti la possibilita’ di viaggiare con noi ad un prezzo mai proposto prima d’ora da una compagnia full service. Vogliamo che i nostri passeggeri godano del servizio che conoscono ed apprezzano ad un prezzo incredibilmente appetibile-.
 
“Siamo determinati – continua Moscardini –  a far si che British Airways diventi la prima scelta anche di quei passeggeri che scelgono principalmente in base al costo del biglietto  e che oggi, con queste tariffe, possono avere un servizio completo allo stesso prezzo di un volo low cost-.
 
Offrire la possibilità di volare a Londra con British Airways spendendo l’equivalente di due biglietti per il cinema con pop-corn significa promuovere un nuova cultura del trasporto aereo nella quale al concetto di basso costo non si associ univocamente quello di basso servizio.
 
Oltre alla possibilità di partire e atterrare negli aeroporti più centrali, tutti i passeggeri che scelgono British Airways per volare a Londra hanno infatti a loro disposizione numerosi vantaggi tra cui: servizi di catering gratuito con open bar, assegnazione del posto prima della partenza, possibilità di effettuare il check-in online nelle 24 ore precedenti la partenza, possibilità di stampare direttamente a casa o in ufficio la propria carta d’imbarco, elevata indennità per il trasporto di bagagli a mano, possibilità di iscriversi all’Executive Club e guadagnare BA Miles

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

ACCORDO FRA ROLLS-ROYCE E AIRBUS PER I MOTORI DEL NUOVO AEREO A350 XWB

Tempo di lettura: 2 minuti

Rolls-Royce ha sottoscritto un accordo preliminare per la fornitura di un motore di nuova generazione destinato ad equipaggiare il nuovo bireattore A350 XWB lanciato da Airbus. Il motore, sesta variante della serie Trent, sarà in grado di fornire la propulsione a tutte le versioni dell’aereo attualmente proposte.
“Al termine di una fattiva discussione con Airbus, siamo giunti a un accordo-quadro preliminare per la realizzazione di un nuovo membro della famiglia Trent da installare sull’A350 XWB- ha dichiarato Mike Terrett, Presidente della divisione Civil Aerospace di Rolls-Royce, annunciando l’accordo durante il salone aeronautico di Farnborough.

“L’ingresso in questo programma è significativo per Rolls-Royce. Si ampliano in questo modo i nostri eccellenti rapporti di lavoro con Airbus con una nuova, importante iniziativa, realizzando una solida base per il nostro intento di conservare la posizione di Rolls-Royce quale principale fornitore di motori per il mercato dei velivoli widebody di nuova generazione-.

Anche il progetto di questo motore si baserà sull’architettura a tre alberi esclusiva di tutti i grandi propulsori Rolls-Royce, utilizzata sull’intera famiglia Trent e sulla precedente serie RB211. Questo nuovo programma è soggetto all’approvazione del CDA.

Varianti del motore Trent equipaggiano attualmente tre velivoli Airbus. Il Trent 700 è leader del mercato per l’A330, con una quota del 44% degli ordini e 29 clienti/operatori. Il Trent 500 è l’unico propulsore delle versioni maggiori del quadrimotore A340, entrato in servizio commerciale nel 2002. Il Trent 900 è attualmente l’unico motore installato sull’A380 nel corso delle prove di volo condotte con successo.
   
Rolls-Royce è azionista principale del consorzio International Aero Engines (IAE) che produce il motore V2500 per gli aerei della serie A320. IAE conta più di 100 clienti in 35 paesi, con oltre 5.000 motori consegnati o ordinati e in attesa di consegna.

Il portafoglio ordini di Rolls-Royce ammonta a 24,4 miliardi di sterline (circa 36,4 miliardi di euro) e il fatturato ha raggiunto l’anno scorso i 6,6 miliardi di sterline (circa 9,8 miliardi di euro), con una quota del 53% originata dal settore aerospaziale civile.

Categoria: Industria

PRINCIPALI ANNUNCI BOEING A FARNBOROUGH 2006

Tempo di lettura: 2 minuti

Di seguito i principali risultati annunciati da Boeing durante il salone aeronautico di Farnborough 2006.
Boeing Commercial Airplanes (BCA)
La compagnia indonesiana Lion Air ha ordinato 30 Boeing 737-900ER, convertendo in ordini fermi precedenti diritti di acquisto. Gli aerei oggetto della transazione hanno un valore di listino di oltre 2,2 miliardi di dollari e saranno consegnati tra il 2010 e il 2012.
La compagnia kuwaitiana LoadAir Cargo ha ordinato due 747-400ER cargo per un valore di listino di 494 milioni di dollari. Entrambe le consegne nel 2009.
Emirates SkyCargo ha sottoscritto un accordo per l’acquisto di dieci 747-8 cargo.
Aviation Capital Group (ACG), una controllata di Pacific LifeCorp, ha ordinato 14 Boeing 737-800 per un valore di listino di poco meno di 1 miliardo di dollari.
La società di leasing statunitense Pegasus Aviation Finance ha ordinato sei Boeing 787-8, per un valore di listino di circa 918 milioni di dollari. Le consegne inizieranno nel 2009. Questo ordine è il risultato di un accordo tra Boeing, Pegasus Aviation e Blue Panorama: la compagnia aerea italiana ha infatti deciso di cedere il suo precedente ordine per quattro 787-8 alla società californiana, da cui prenderà poi in leasing i quattro esemplari.
La  società di leasing ILFC ha ordinato sei 737-800, due 777-300ER e due 787 Dreamliner, per un valore di listino di circa 1,2 miliardi di dollari. Le consegne dei 737 e dei 777 inizieranno a fine 2009, mentre quelle del 787 all’inizio del 2012.
La compagnia indiana Flyington Freighters ha sottoscritto un accordo per l’acquisto di dieci 777 cargo.
La compagnia spagnola Futura International Airways ha ordinato tre 737-800 e sottoscritto diritti di acquisto per altri tre esemplari. Gli aerei oggetto di ordine fermo hanno un valore di listino di 210 milioni di dollari e saranno consegnati tra il 2009 e il 2010.
Integrated Defense Systems (IDS)
USAFE, la forza aerea statunitense in Europa, ha assegnato a Boeing un contratto del valore di 31 milioni di dollari per l’addestramento dell’equipaggio di volo in sei basi europee, tra cui quella di Aviano, in provincia di Pordenone, dove sono stanziati gli F-16.
Boeing ha condotto con successo il primo test in volo su un AWACS aggiornato ai requisiti del Block 40/45, il più esteso programma di ammodernamento nella storia della flotta E-3 AWACS degli Stati Uniti.
Boeing ha annunciato il nuovo programma C-130 Total Life Extension (TLE) che allunga fino a 30 anni la vita operativa di questi aerei da trasporto.

Categoria: Industria

AEROPORTO DI OLBIA: NUOVO COLLEGAMENTO OLBIA-GINEVRA CON LA LOW COST EASYJET

Tempo di lettura: 1 minuto

Il 22 Luglio è partito il nuovo collegamento Olbia – Ginevra con easyJet, compagnia aerea a basso costo leader in Europa, il volo avrà frequenza giornaliera e tariffe a partire da Euro 30,99 per un volo di sola andata, tasse incluse. Con il nuovo volo verso Ginevra diventano ben 3 le rotte operate da easyJet in partenza da Olbia. easyJet collega l’aeroporto di Olbia Costa Smeralda con Berlino e Londra Gatwick. L’apertura di questi collegamenti ha ampliato il numero di turisti internazionali in arrivo al Costa Smeralda, +22% nei primi sei mesi dell’anno e +45% nel 2005.
Porta di ingresso per le Alpi, Ginevra è una meravigliosa città situata sulle rive del lago più grande dell’Europa centrale. La sua bellezza e il suo fascino, insieme alla posizione invidiabile, rendono Ginevra una meta turistica in tutte le stagioni. Il centro dista solo 6 km dall’aeroporto. In autobus è raggiungibile in una decina di minuti.
Le prenotazioni possono essere effettuate sul sito internet della compagnia e presso la biglietteria low cost dell’Aeroporto Olbia Costa Smeralda.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

AEROPORTO DI BOLOGNA: CHINNI DIRETTORE GENERALE FINO A MARZO 2007

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Consiglio d’Amministrazione di Aeroporto ‘G. Marconi’ di Bologna spa ha avviato oggi il percorso di avvicendamento del direttore generale dell’Aeroporto di Bologna.
In un clima di piena collaborazione e di sentita riconoscenza per l’alta attività profusa dal dott. Chinni in oltre 23 anni di incarico alla direzione generale, si avvia a conclusione un’esperienza il cui valore è iscritto nella storia dello sviluppo del ‘Marconi’, che con il suo essenziale contributo ha raggiunto una dimensione intercontinentale fino a sfiorare i 4 milioni di passeggeri.
“Si tratta – precisa il Presidente Gian Carlo Sangalli – di un passaggio impegnativo per l’aeroporto, anche perché la sostituzione di un profilo come quello del dott. Umberto Chinni non è mai semplice. Ci facilita il compito poter contare ancora nei prossimi mesi sulla sua esperienza e competenza manageriale. Il Cda, in accordo con i soci, provvederà ad individuare la figura adeguata per dirigere lo scalo e gestirne l’ulteriore sviluppo, con il ruolo che gli stessi soci concorderanno debba avere.-

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

SINGAPORE AIRLINES COLLEGA DA OGGI MILANO CON SINGAPORE

Tempo di lettura: 1 minuto

E’ stato inaugurato ieri il nuovo volo intercontinentale della compagnia Singapore Airlines che collegherà Milano Malpensa con Singapore, l’hub più dinamico del Sud Est asiatico e importante gateway per le destinazioni dell’Asia e del Pacifico Sud Occidentale.
I voli da Milano a Singapore opereranno il martedì, il giovedì e il sabato con aeromobili Boeing 777-200ER, configurati con 30 posti Business e 225 Economy. Ogni posto sarà equipaggiato con “Krisworld- il più sofisticato servizio di intrattenimento a bordo che offre più di 550 opzioni tra film, brani musicali, programmi TV, news e giochi. La business class avrà le comode poltrone-letto “Space Bed-. Salgono a 67 le destinazioni intercontinentali dirette di linea di Malpensa.
“L’arrivo della Singapore Airlines è un nuovo importante traguardo per Malpensa. – ha sottolineato il presidente di Sea, Giuseppe Bencini – che sottolinea ancora una volta la capacità dell’hub milanese di attrarre i vettori più prestigiosi. D’altra parte nel Nord Italia si vende il 70% dei biglietti internazionali e Malpensa è l’hub del terzo bacino economico europeo. Per Milano da oggi si aprono le porte dell’Australia e di tutto il Pacifico Sud Occidentale – ha continuato Bencini – e si conferma l’impegno di Sea rivolto costantemente verso l’offerta di servizi sempre più qualificati ed efficienti.-

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

IN UMBRIA E LOMBARDIA I CAMPIONATI DI VOLO LIBERO

Tempo di lettura: 2 minuti

Dal 23 al 29 luglio a Suello (Lecco) si disputeranno gli Internazionali d’Italia, competizione valida per il Campionato Italiano di parapendio ed inserita nel calendario della Federazione Aeronautica Internazionale. Circa 120 i piloti ammessi, 80 italiani e 40 stranieri provenienti da tutto il mondo, compresa una quota rosa attorno al 10%. Organizzatori il Team Parapendio Lecco, Parapendio Club Scurbatt e Aero Club Lecco.
La competizione interesserà i cieli delle province di Lecco, Bergamo e Como ed in particolare l’area del monte Cornizzolo, sopra Suello, dal quale avverranno i decolli verso le ore 13. Atterraggi ai piedi dello stesso monte per chi riuscirà a ritornarci, visto che manches di 50-100 km in queste competizioni sono del tutto normali e che il record europeo di parapendio si attesta a 305 km.
Subito dopo lo splendido comprensorio del Montecucco, a Sigillo (Perugia) ospiterà dal 30 luglio al 6 agosto piloti italiani e non per il Trofeo Internazionale Montecucco, valido come Campionato Italiano di deltaplano.
Sigillo ed il parco del Montecucco rappresentano un pezzo di storia del volo libero, uno dei primi siti ad ospitare voli in deltaplano oltre 30 anni or sono. Grazie a particolari condizioni geografiche ed areologiche, da qui è possibile volare fino a Todi, Gubbio, Assisi ed oltre, attraverso paesaggi tra i più suggestivi del centro Italia.
Nelle gare di volo libero, in deltaplano o parapendio, i piloti devono completare un percorso contrassegnato da punti salienti del territorio, detti “boe-, e confermarne l’aggiramento tramite GPS. Vince ed ottiene più punti chi impiega minor tempo. L’accumulo di punti per ogni giornata di gara forma la classifica finale.
Questi mezzi, privi di motore, si sostengono sfruttando le correnti ascensionali d’aria calda; percorrono lunghi tragitti, come nel caso del record mondiale di deltaplano stabilito in ben 700 km. Un deltaplano ultima generazione supera i 100 km/h, mentre l’equivalente parapendio tocca i 60.

Categoria: Eventi e Manifestazioni