Archivio del ven Lug 2006

INCIDENTE LINATE: RIDUZIONI CONDANNE IN APPELLO

Tempo di lettura: 2 minuti

Due condanne cancellate, una confermata e una ridotta: queste le principali decisioni prese dalla corte d’appello dopo tre ore e mezza di Camera di Consiglio nel processo di secondo grado per il disastro di Linate, che provocò 118 morti. Alla lettura della sentenza ci sono state proteste da parte dei parenti delle vittime.
In sede di appello, il procedimento era diviso in due tronconi, andati contemporaneamente a sentenza. L’unica condanna confermata è quella a sei anni e sei mesi che il tribunale aveva emesso nei confronti dell’ex presidente dell’Enav, l’ingegner Sandro Gualano, mentre da otto anni è stata ridotta a tre anni quella per l’uomo-radar Paolo Zacchetti. Assolti i direttori delle strutture aeroportuali milanesi Francesco Federico e Vincenzo Fusco che, in primo grado, avevano avuto rispettivamente sei anni e sei mesi e otto anni di reclusione. Questa la decisione per quanto riguarda il filone di imputati giudicati con il rito ordinario.
L’altra sentenza, relativa ai quattro imputati che, in primo grado, erano stati giudicati dal Gup con il rito abbreviato, ha visto la condanna di Fabio Marzocca a 4 anni e 4 mesi, mentre tre anni ciascuno sono stati inflitti ad Antonio Cavanna e Giovanni Lorenzo Grecchi. Per Sandro Gasparrini, assolto in primo grado, la Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso del pm.

Quando il presidente ha letto la parte del dispositivo in cui si annunciano le due assoluzioni, in aula molti dei parenti degli imputati hanno cominciato a gridare costringendo il giudice Antonio Caccamo a bloccarsi. Il più agitato appariva Pasquale Padovano, uno dei dipendenti della Sea che era rimasto gravemente ustionato nell’incidente. “Non è giustizia – ha gridato – andate a quel paese”. (Fonte:Ansa.it)

Categoria: Incidenti/Inconvenienti

DURA REAZIONE ALITALIA AL SI CONDIZIONATO

Tempo di lettura: 1 minuto

Roma, 6 lug – Dura reazione dell’Alitalia al si’ condizionatodell’Antitrust per l’acquisizione di Volare con la compagnia dibandiera che afferma che ”una validissima iniziativa industriale,aggredita da ben sei procedimenti giudiziari civili e due gradi digiudizio amministrativo a cui si e’ cumulata questa istruttoriaantitrust, va morendo nella surroga sempre piu’ piena delle aule digiustizia alle competenti sedi di politica industriale del settore deltrasporto aereo nazionale”.(ASCA) 

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

LUXAIR PUNTA AL LEISURE CON TARIFFE SCONTATE

Tempo di lettura: 1 minuto

Finora si è occupata prevalentemente del mercato business. Ma ora Luxair guarda anche al turismo leisure proponendo tariffe week end a partire da 214 euro.
Lo scopo è quello di facilitare la conoscenza del Granducato, che nel 2007 sarà una delle capitali europee e della cultura, ai turisti italiani offrendo condizioni di particolare favore.
La compagnia collega quotidianamente Lussemburgo con Roma 2 volte al giorno, Torino una volta e Milano Malpensa 3 volte al giorno. Opera anche voli stagionali con Rimini, Napoli, Catania, Cagliari e Lametia Terme.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

DUE APACHE USA ABBATTUTI IN IRAQ

Tempo di lettura: 1 minuto

-Baghdad, la notizia riportata dalla tv Al-Sharqiya- 
La tv irachena Al-Sharqiya riporta la notizia di due elicotteri Usa abbattuti nella zona di Moqdadiya, a nord-est di Baghdad. La tv satellitare araba Al-Arabiya ha dal canto suo trasmesso un video, già diffuso via Internet, in cui si vede il lancio di un razzo terra-aria che colpisce un elicottero americano: nel video si vede impresso il logo dell’esercito dei Mujahiddin.
I due aeromobili da combattimento abbattuti sono gli AH-64 Apache, precipitati sul villaggio di Al-Zur, dove da tre giorni sono in corso aspri combattimenti.

 

Categoria: Incidenti/Inconvenienti

CASSAZIONE, AIR EUROPE RISARCISCA AIR SEYCHELLES

Tempo di lettura: 2 minuti

ROMA – Air Europe non puo’ svolgere libera attivita’ commerciale nelle tratte che collegano l’Italia alle Seychelles, per questo deve risarcire la compagnia di bandiera delle isole africane, unica concessionaria del traffico aereo tra i due Paesi. Lo stabilisce la Corte di Cassazione che ha rigettato il ricorso del vettore italiano condannato nel 2001 dalla Corte di Appello di Roma a risarcire con circa 240 mila dollari Air Seychelles per non aver rispettato un accordo in base al quale la compagnia aerea italiana doveva compensare la perdita di traffico del vettore africano:
Air Europe, infatti, proponeva ai propri passeggeri voli dall’Italia verso le Seychelles. La compagnia italiana aveva proposto ricorso per Cassazione spiegando, tra l’altro, che gli accordi internazionali non disciplinano i cosiddetti voli ‘charter’, gli stessi per i quali Air Seychelles aveva chiesto il risarcimento per mancato guadagno.
Con sentenza n. 14973 la terza sezione civile della Suprema Corte ha rigettato il ricorso del vettore italiano spiegando che, come aveva opportunamente evidenziato la Corte d’Appello di Roma, ”in base all’accordo intercorso tra il governo italiano e quello delle Seychelles, i diritti di accesso allo spazio aereo di quel Paese vengono concessi con esclusivo riferimento alle compagnie aeree designate: pertanto l’accesso allo spazio aereo della Repubblica delle Seychelles e’ consentito esclusivamente a dette compagnie, nel cui novero la ricorrente non e’ compresa”.
Secondo i giudici supremi, la tesi proposta da Air Europe secondo cui gli accordi internazionali disciplinerebbero soltanto i voli di linea (e non i charter, voli in cui e’ specializzato il vettore italiano) ”non trova alcun fondamento testuale e non risponde alla ratio degli accordi stessi”.
Infine, spiegano i giudici di Piazza Cavour, la normativa sulla libera concorrenza citata dal ricorrente ha valore soltanto in Italia e non puo’ incidere sul territorio di altri Stati.
Oltre che al risarcimento di 238 mila dollari, Air Europe e’ stata condannata al pagamento di circa 10 mila euro per le spese di giudizio.(ANSA)

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

FIUMICINO, RICHIAMO POLARIA AD AIR ONE SU RITARDI

Tempo di lettura: 1 minuto

FIUMICINO – I ritardi e disservizi che si sono registrati nei giorni scorsi per alcuni voli Air One nell’aeroporto di Fiumicino hanno provocato un richiamo al vettore da parte della Polaria, che per ovviare ai disagi ed ai problemi operativi creatisi come conseguenza, aveva dovuto far intervenire personale e mezzi di altre societa’, Adr Handling ed Alitalia Airport.

La compagnia aerea Air One e’ stata sensibilizzata al ”rispetto delle procedure e della programmazione, ad evitare nuovi disservizi e turbative dell’ordine pubblico”.
La questione e’ stata affrontata – si e’ appreso – anche in sede del Comitato di Sicurezza aeroportuale.
I disservizi si erano verificati in particolare nelle serate di lunedi’ e martedi’ scorsi nelle operazioni aeroportuali di scalo della societa’ Eas che cura i servizi di terra per Air One, con ritardi accumulatisi per i voli in partenza.
Sempre lunedi’ si erano registrati ritardi anche nel corso della mattinata, con strascichi operativi nel corso della giornata.
Da ieri la situazione operativa per i servizi ed i voli della compagnia e’ andata normalizzandosi, salvo alcuni ritardi, in media di trenta minuti, registratisi solo nella prima mattinata di oggi per alcuni voli nazionali. (ANSA)

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori