MYAIR.COM LANCIA TRE NUOVI COLLEGAMENTI: VENEZIA - NAPOLI, BOLOGNA - BARCELLONA, BOLOGNA - PARIGI

Myair.com informa che a partire dal 29 ottobre saranno attivate tre nuove rotte: Venezia - Napoli; Bologna - Barcellona; Bologna - Parigi.
I voli sono prenotabili sin da ora, le tariffe partono da un centesimo, tasse e supplementi esclusi. Le destinazioni sono di primaria importanza, considerando i consistenti flussi di traffico che transitano tra questi poli: per tutti e tre il bacino di traffico non è solo business ma anche leisure. I voli, in totale 22 alla settimana, portano un nuovo valore sul mercato e costituiscono una spinta significativa allo sviluppo dei rispettivi rapporti commerciali e turistici.
Il collegamento Venezia-Napoli sarà effettuato nei giorni di lunedì, giovedì, venerdì e sabato.
Il collegamento Bologna-Barcellona opera il martedì, giovedì e sabato; mentre quello per Parigi opera il lunedì, mercoledì, venerdì e domenica.

Grazie alle convenienti tariffe low cost, il bacino d’utenza dei passeggeri di MyAir.com si amplia sempre di più, raccogliendo i consensi di coloro che prima d’ora non utilizzavano l’aereo in quanto mezzo di trasporto troppo costoso.

Le rotte di MyAir.com:

Da Milano, aeroporto di Orio al Serio, i voli di MyAir.com sono diretti a  Catania, Palermo, Bari, Brindisi, Reggio Calabria, Napoli, Madrid, Bucarest e Istanbul. Nei mesi estivi, MyAir.com opera voli stagionali diretti a Palma di Maiorca, Ibiza, Lampedusa, Creta, Rodi e Santorini.

Da Venezia, MyAir.com effettua collegamenti con Napoli (dal 29 ottobre), Parigi, Madrid, Barcellona, Bucarest. In estate MyAir.com attiva i collegamenti da Venezia per Ibiza.

Le rotte operate dallo scalo di Bologna coprono Parigi e Barcellona (entrambe dal 29 ottobre) Palermo, Catania, Brindisi, Lamezia Terme.

Tutto l’anno sono attivi i collegamenti per Bucarest in partenza da Napoli e da Roma Ciampino.

Articolo scritto da admin il 14 Ago 2006 alle 9:47 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus