Archivio del sab Ott 2006

SOSPESA PERCHE’ PORTAVA AL COLLO CATENINA CON CROCEFISSO

Tempo di lettura: 2 minuti

Sospesa dal servizio due settimane perché portava il crocefisso al collo: lo rivela il Daily Mail, precisando che l’azienda ha motivato tale provvedimento sostenendo che la piccola croce violava le regole sull’abbigliamento della compagnia aerea. Nadia Eweida, 55 anni, anglo-egiziana di fede cristiana copta, è stata sospesa dopo essersi rifiutata di togliere la croce, mentre i musulmani e i sikh sono autorizzati a lavorare con i loro turbanti e i loro veli. La donna da sette anni è addetta ai check in di British Airways all’aeroporto londinese di Heathrow.
La decisione dell’azienda, afferma il quotidiano, ha spinto la donna a considerare una denuncia per “discriminazione religiosa” del proprio datore di lavoro, che l’ha sospesa dal servizio per due settimane senza stipendio. “Non nasconderò certo la mia fede in Gesù”, ha affermato Eweida. “La British Airways – ha aggiunto la donna – permette ai musulmani di portare il velo e ai sikh di portare i turbanti, ed altri simboli religiosi ad altre religioni. Solo ai cristiani viene impedito di esprimere la propria fede”. British Airways ha comunicato che sulla vicenda è in corso un’indagine interna.
Un appello alla sospensione è previsto per la prossima settimana, haprecisato la British, sottolineando che quando i propri impiegatiportano la divisa, è consentito loro di portare simboli religiosi ogioielli al collo, ma che devono stare sotto ai vestiti. “Questa regolasi applica a tutti i gioielli e ai simboli religiosi portati appesi acatenine, e non riguarda specificamente le croci cristiane”, è statospiegato.
Secondo quanto riferito dal giornale, in un mese a Eweida èstato chiesto di togliersi il crocifisso, o di nasconderlo dietro alfoulard che le impiegate British portano al collo. La donna ha poichiesto l’autorizzazione dei propri superiori a portare il piccolocrocifisso, ma le è stata negata. Il 22 settembre scorso, l’impiegataha avuto un incontro con i dirigenti della compagnia, dopo il quale haricevuto una lettera della direttrice dei servizi per la clineteladella compagnia, che affermava: “Lei è stata sospesa perché non havoluto obbedire a una richiesta ragionevole. Le è stato chiesto dicoprire o rimuovere la sua croce con la catenina, ma si è rifiutata. Leregole sulle uniformi di British dicono che ornamenti di nessun tipodevono essere portati con la divisa”.

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

CHIUSURA AEROPORTO DI PERUGIA

Tempo di lettura: 1 minuto

Alitalia informa che l’aeroporto di Perugia rimarrà chiuso dalle 07:00 del 12 ottobre alle 20:00 del 22 ottobre 2006. Tutti i voli da e per Perugia sono stati riprotetti presso gli aeroporti di Roma Fiumicino e di Firenze.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

PILOTI IN MALATTIA, SWISS CANCELLA I VOLI. EPIDEMIA?

Tempo di lettura: 1 minuto

Saranno 112 i collegamenti soppressi da oggi fino al 28 ottobre.
Swiss International Airlines ha annunciato che da ieri fino al 28ottobre, circa il 2,7% dei suoi voli saranno cancellati, a causa delleassenze per malattia di molti dei suoi piloti. Il portavoce delvettore elvetico ha dichiarato che saranno in totale 112 i volisoppressi, e saranno quelli diretti verso Francoforte, Monaco,Duesseldorf, Birmingham, Milano, Varsavia e Bruxelles. Si preannunciano quindi disagi per i passeggeri, ed ha pocaimportanza che si tratti di una improvvisa pandemia di influenza tra ilpersonale della Swiss o se questo non sia lo strascico delle proteste edegli scioperi che hanno recentemente coinvolto i piloti dellacompagnia svizzera. (Avionews)

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori

AIRBUS: AUMENTA LA PRODUZIONE DI A320

Tempo di lettura: 1 minuto

Il costruttore europeo ha annunciato che dal 2007 produrrà 34 modelli ogni mese.
Il consorzio europeo Airbus, archiviate per una volta le polemiche sui ritardi nella consegna del tanto atteso A380, annuncia che a partire dal 2007, la produzione del velivolo A320 verrà aumentata, da 32 a 34 modelli al mese. Le richieste del’aereo sono in continuo aumento; la metà di questi verrà prodotta nella fabbrica di Tolosa, mentre l’altra restante parte uscirà dagli stabilimenti tedeschi di Amburgo. L’A320 è l’aereo passeggeri a medio raggio che è risultato essere quello che ha riscosso più successo nella produzione Airbus. (Avionews)

Categoria: Industria

L’AEROPORTO MARCONI SCRIVE AI SOCI PUBBLICI: DALLA FINANZIARIA NUOVI ED INSOSTENIBILI ONERI PER LE SOCIETA’ DI GESTIONE

Tempo di lettura: 2 minuti

Il presidente dell’Aeroporto di Bologna Gian Carlo Sangalli ha inviato oggi ai rappresentanti dei soci pubblici, il sindaco di Bologna Sergio Cofferati, la presidente della Provincia Beatrice Draghetti e il presidente della Regione Vasco Errani, una lettera aperta in cui chiede l’intervento degli stessi nelle sedi più opportune, per la cancellazione di alcuni articoli della Finanziaria 2007 riguardanti gli aeroporti.
Tali disposizioni, infatti, “comportano nuovi ed insostenibili oneri per le società di gestione aeroportuali, che già subiscono i nefasti effetti della legge 248/05- (sui cosiddetti ‘requisiti di sistema’). Esse inoltre “unitamente all’esclusione del settore aeroportuale dalle limitazioni del c.d. cuneo fiscale (art. 18), aprono un futuro di strutturale dissesto per l’Aeroporto di Bologna e per tutte le altre società di gestione aeroportuale, che risulteranno incapaci di sostenere la realizzazione e il mantenimento delle infrastrutture, pregiudicando le possibilità di sviluppo dell’intero sistema economico-.
Nel dettaglio, con gli articoli 15 e 16 della Finanziaria si introduce una distinzione tra beni immobili attribuiti dallo Stato per conseguire il perseguimento delle finalità istituzionali o comunque strumentali all’attività aeroportuale (ad esempio la pista) e beni immobili non strettamente connessi e non funzionali a tali attività (ad esempio i parcheggi auto), per cui Sab si troverebbe a dover interagire con due soggetti: Enac per gli immobili strumentali e Agenzia del Demanio per gli altri, senza regole chiare di coordinamento. Per dare un primo ordine di grandezza, l’introduzione di tale sistema metterebbe in discussione una quota pari al 40% del totale dei ricavi dell’Aeroporto.

Con l’articolo 214, inoltre, viene prevista la costituzione di un fondo alimentato dalle società di gestione per concorrere ai costi sostenuti dal Ministero dell’Interno per i servizi antincendio prestati negli aeroporti. L’impatto economico per Sab, sulla base di un primo calcolo, comporterebbe un onere aggiuntivo di un milione di euro all’anno.

Categoria: Aeroporti / Destinazioni

ZEPPELIN, IL GRANDE RITORNO

Tempo di lettura: 2 minuti

A Friedrichshafen, estremo Sud della Germania, un dirigibile Zeppelin porta a spasso i turisti sul lago di Costanza. Parente del dirigibile Hindenburg, legato alla tragedia del 1937, funziona però a elio, è sicurissimo e garantisce un’avventura dal fascino impareggiabile.
SULLA MACCHINA DEL TEMPO. Lo Zeppelin NT, bianco come il latte, è lungo appena 75 metri – l’Hindenburg ne misurava 250 – ma può vantarsi di essere oggi il dirigibile più grande al mondo. “NT- significa “New Tecnology-, a sottolineare una modernità che esternamente si percepisce solo osservando i due gruppi motore-elica laterali, e il complicato sistema propulsivo di poppa. L’involucro, realizzato assemblando elementi di laminato plastico a tre strati, contiene elio, un gas nobile più leggero dell’aria che garantisce una perfetta tenuta e lunga durata nel tempo.
L’Hindenburg, lo Zeppelin che il 6 maggio 1937 bruciò completamente in soli 32- durante l’atterraggio a Lakehurst, New Jersey, era invece gonfio di infiammabilissimo idrogeno: una scelta motivata non dall’incoscienza dei progettisti, ma dal rifiuto degli Usa di fornire elio al governo nazista. Da quel momento “Zeppelin- divenne sinonimo di tragedia, anche se quello dell’Hindenburg fu l’unico incidente capitato ai dirigibili tedeschi.
Oggi l’elio rende lo Zeppelin NT totalmente esente dal rischio d’incendi. Il fascino del volo in dirigibile è invece immutato: i turisti giungono a Friedrichshafen da tutto il mondo per godere dall’alto del lago di Costanza. Dopo un breve briefing sulle direttive di sicurezza e le procedure di accesso alla gondola (10,7 metri di lunghezza e 12 posti per i passeggeri) si sale dolcemente fino a 1000 piedi. Lo Zeppelin può allora iniziare la sua silenziosa passeggiata – la velocità massima è 125 km/h – tra acqua e montagne, mentre anche la fantasia dei passeggeri prende il volo…
(Sul numero di ottobre del mensile Volare)

Categoria: Eventi e Manifestazioni

NOMINA AL VERTICE DI BOEING COMMERCIAL AIRPLANES (BCA): LARRY DICKENSON È IL NUOVO VICE PRESIDENT SALES

Tempo di lettura: 1 minuto

Larry Dickenson è il nuovo vice president Sales di Boeing Commercial Airplanes (BCA).  Riferirà direttamente al presidente e amministratore delegato, Scott Carson. Dickenson, 63 anni, lascia dopo oltre 20 anni la carica di responsabile vendite BCA per l’area Asia-Pacifico e sostituisce alla guida dell’intera struttura commerciale di BCA proprio Scott Carson, nominato all’inizio di settembre al vertice della divisione aerei commerciali di Boeing.
Tra i suoi successi alla guida della struttura commerciale per l’Asia-Pacifico, ricordiamo il lancio del 787 con l’ordine di ANA, il più consistente per numero di esemplari che Boeing abbia mai ricevuto da un cliente di lancio di un suo aereo commerciale. Prima di lavorare per Boeing, Dickenson è stato dal 1983 responsabile dei programmi aeronautici di Texas Air Corporation, che all’epoca controllava  Continental e Eastern Airlines. Prima di questo incarico è stato responsabile commerciale di McDonnell Douglas (allora non ancora parte del gruppo Boeing) per Europa, Medio Oriente e Africa. Dickenson si è laureato in business administration alla California State University-Fresno e ha frequentato l’Advance Management Policy Institute presso la University of Southern California.

Categoria: Industria