ALITALIA: SCIOPERO GENERALE IL 19 GENNAIO

Roma, 20 dicembre 2006 - I sindacati si preparano al blocco totale delle attività Alitalia e a una manifestazione nazionale a Roma il 19 gennaio prossimo. Una nota unitaria delle sigle presenti presso al compagnia di bandiera sottolinea che «l’adesione convinta e pressochè totale allo sciopero del giorno 15 dicembre dimostra ancora una volta la tensione, la preoccupazione, la determinazione dei lavoratori Alitalia. Un segnale però che il Governo ad oggi non ha raccolto, dimostrando poca attenzione verso il mondo del lavoro oltre che la volontà di eludere gli impegni assunti a riguardo lo scorso 10 ottobre dal Presidente del Consiglio Prodi. L’assenza di confronto», sottolineano i sindacati, ci induce a proseguire nel percorso di mobilitazione dei lavoratori”.

Nelle prossime ore, afferma il comunicato, “il sindacato incalzerà il Governo per ottenere il confronto. Allo stesso tempo ci dichiariamo disponibili ad un immediato responsabile confronto con chi, in queste ore, riflette sulla possibilità di partecipare al bando in preparazione al Ministero dell’Economia. Resta inteso però che l’inaccettabile atteggiamento aziendale che nega i rinnovi dei contratti di lavoro, prosegue il processo di dismissione industriale, reitera le violazioni contrattuali, aggiunto alla negazione del confronto da parte del Governo impone la prosecuzione della mobilitazione”.

Per questo, a partire dai prossimi giorni saranno convocate nuove assemblee dei lavoratori e nuove iniziative di sensibilizzazione della opinione pubblica, delle forze politiche e dei livelli istituzionali. “Tutto ciò”, affermano le organizzazioni di settore, “in preparazione del blocco di tutte le attività del Gruppo Alitalia e di una manifestazione nazionale che si terrà a Roma il 19 gennaio 2007. Auspichiamo un riscontro immediato in assenza del quale”, conclude la nota” il Governo si assumerà la responsabilità della paralisi delle attività aeree del paese che proseguirà fino alla risoluzione della vertenza”.

 (www.quotidiano.net)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 21 Dic 2006 alle 4:42 pm.
Categorie: Opp. lavoro / Scioperi / Sindacale


Lista Commenti (2)

  1. italo
    29 Dicembre 2006 alle 7:17 am

    Non riesco propio a capire questi scioperi. Ma e’m mai possibile che nessun lavoratore Alitalia si rende conto che stanno fallendo anche per colpa del loro menefreghismo e del modo in cui trattano i passeggeri. Li inviterei a volare su altre compagnie per capire come si lavora. Non parliamo poi delle assurdita’ di trattamento che hanno come albrghi extra lusso da 400$ a notte nelle citta’ di riposo, assunzioni a Roma per lavorare a Milano, una cosa vergognosa. Io, come migliaia di altri passeggeri, ho deciso di non volare piu’ Alitalia fino a che non diventeranno “civili” il personale di terra e di volo

  2. Luca
    31 Dicembre 2006 alle 3:24 am

    Poi questi scioperi contro la crisi aziendale, contro la mancanza di garanzie per il futuro fanno ridere ma la finalita’ e’ molto chiara: in poche parole vorrebbero che lo stato ricapitalizzi senza risparmiare e garantendo che lo fara’ anche in futuro, l’unico modo mi sembra per accogliere le richieste dei sindacati.

Invia un Commento

Devi effettuare il log-in per inviare un commento.