IATA: DAL 2008 ADDIO BIGLIETTO TRADIZIONALE

Nel 2008 chi prendera’ un aereo in qualsiasi parte del mondo non dovra’ piu’ preoccuparsi di ritirare, conservare e portare il biglietto in aeroporto. L’obiettivo annunciato oggi a Londra dalla IATA, l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo, e’ infatti quello di rendere la vendita dei biglietti interamente online entro la fine di quest’anno. Secondo Giovanni Bisignani, direttore generale e amministratore delegato dell’organizzazione, che conta fra i suoi membri 250 compagnie in 136 Paesi, ”entro 347 giorni riusciremo a vendere il 100% dei biglietti tramite web, con un risparmio per le aziende di 3 miliardi di dollari. Prima della fine del 2006 eravamo al 72%, con performance incredibili come quella della Cina che e’ passata dal 10% al 90% nell’arco di un solo anno.

 

Per questo siamo molto fiduciosi e certi di raggiungere l’obiettivo”. Anche per i passeggeri, usare il cosiddetto ‘e-ticketing’ comporta almeno due vantaggi: piu’ facilita’ nel cambiare, spostare o cancellare voli gia’ prenotati e non dover affrontare le interminabili trafile per recuperare i tagliandi persi. Nonostante l’ottimismo del direttore generale della IATA, pero’, ci sono due ombre che rischiano di mandare in frantumi il sogno dell’associazione: mentre nel Medio-Oriente l’acquisto dei biglietti online alla fine del novembre scorso era ferma al 15% delle vendite totali, in Russia usare la rete e’ addirittura illegale. Entrambi i problemi, secondo Bisignani, sono risolvibili in tempi brevi: ”Il Medio-Oriente e’ indietro solo a causa di un divario tecnologico che ormai si sta riducendo, mentre in Russia le autorita’ competenti mi hanno assicurato che cambieranno al piu’ presto la legge”.

(ANSA).

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 18 Gen 2007 alle 7:59 pm.
Categorie: Enti e Istituzioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus