ACCORDO DI CODE SHARING TRA AIR ONE E SPANAIR

Spanair ed Air One hanno firmato un accordo di  collaborazione commerciale che prevede il codesharing da Torino e Barcellona, grazie al quale i passeggeri delle due compagnie possono usufruire di collegamenti della compagnia partner.  I clienti di Air One giunti a Barcellona potranno proseguire per Madrid e Oviedo, i clienti di Spanair arrivati a Torino potranno raggiungere Roma e Napoli. L’accordo tra le due compagnie, che permette di offrire nuove destinazioni ai propri passeggeri, rientra nelle reciproche strategie di alleanze commerciali e pone le premesse per futuri accordi. I clienti potranno usufruire di benefici per i frequent flyer program, come accumulo di punti sui rispettivi programmi fedeltà, accesso alle “VIP lounges”, itinerari One-ticket e check-in diretto dei bagagli.

“Questa nuova operazione di code-share apre una porta sull’Italia e sulle città cosmopolite di Torino, Roma e Napoli fornendo un facile accesso attraverso il centro Spanair a Barcellona , che è attualmente impegnato in un importante programma di espansione” parla Emilio Monagas, responsabile di Spanair per Alliances & Government Affairs. Aggiunge: “Attraverso questo accordo, Air One e Spanair offriranno un servizio diretto ai passeggeri, e, allo stesso tempo, forniranno comfort e convenienza sia a bordo che a terra”. “Siamo molto orgogliosi di aver raggiunto un accordo con Spanair; pensiamo che questo sia il primo passo per un proficuo e duraturo progetto di collaborazione che spinge a rafforzare la presenza di Air One e Spanair nell’arena europea. Spagna e Italia hanno un notevole e crescente flusso del traffico sia per affari che per il tempo libero: insieme, creeremo nuove opportunità e valore aggiunto per i nostri viaggiatori” dice Giorgio de Roni, Direttore Marketing, Network, Pianificazione e Sviluppo business di Air One.

(Positive Climb)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 20 Gen 2007 alle 12:16 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus