RONCHI DEI LEGIONARI: CHIUSO UN BUON 2006

Ronchi dei Legionari, 17 Gennaio - E’ stato un anno importante, il 2006, per l’aeroporto di Ronchi dei Legionari. Un anno positivo, nel corso del quale si sono potuti raggiungere risultati notevoli. Uno su tutti il numero dei passeggeri che, nei dodici mesi appena trascorsi, hanno utilizzato lo scalo del Friuli Venezia Giulia: 677.106, il 10% in più rispetto al 2005 ed un record assoluto nella storia dell’aeroporto regionale. Per quanto riguarda i voli utilizzati, oltre il 60% dei passeggeri ha volato sui collegamenti nazionali, mentre circa il 40% su quelli internazionali: nel 2000, erano l’80% sui voli nazionali ed il 20% su quelli internazionali. Le compagnie aeree che lo scorso anno hanno operato sullo scalo di Ronchi dei Legionari sono state 57: di queste, 24 hanno servito ben 30 rotte regolari, 11 destinazioni di linea e 19 charter.

Per quanto riguarda più nello specifico l’attività del 2006, hanno volato sulle destinazioni domestiche come Roma, Milano, Napoli, Genova, Torino ed Olbia 394.165 persone, l’11% in più rispetto al 2005, mentre sulle tratte internazionali, quali Monaco, Belgrado, Tirana, Londra e Francoforte, si sono imbarcati e sono sbarcati 201.418 passeggeri, con un aumento del 10,1%. La destinazione più utilizzata in assoluto è stata quella di Roma Fiumicino, con il 46,5% degli utenti, seguita da Londra Stansted con il 16,7% e da Milano Malpensa con il 14,6%. Poco più sotto Monaco di Baviera con il 13,7%. Particolarmente importante è stata ancora una volta l’attività charter, frutto del lavoro svolto all’estero dalla Società di Gestione, in sintonia anche con Turismo FVG. Verso il Friuli Venezia Giulia, specialmente dal Nord Europa, ma anche da Tel Aviv e Toronto, hanno volato 37.986 passeggeri, con una crescita del 49,5% rispetto all’estate precedente, mentre hanno raggiunto le più gettonate mete turistiche 12.908 persone, in questo caso con una flessione del 3,9%. Complessivamente il traffico charter ha movimentato 50.894 passeggeri, con un aumento del 31% rispetto al 2005. Le direttrici che hanno registrato il maggior traffico sono state Dublino, Stoccolma, Rejkyavik ed Helsinki, a riprova dell’importanza dei mercati nordeuropei per il turismo regionale. Ed un balzo in avanti lo ha fatto anche il settore cargo con 1.022 tonnellate di merce e posta movimentate e con un aumento rispetto al 2005 del 23,2%. Buoni risultati anche sotto il profilo dei voli: 17.283 movimenti aerei, con un aumento del 4,2% rispetto ai dodici mesi precedenti. Il 2006 potrà essere ricordato positivamente anche per l’avvio dei voli low cost da e per Tirana e Francoforte, per quelli stagionali per Olbia, per la ripresa dei collegamenti con Napoli ed il consolidamento di quelli per Genova e Torino. Sul fronte dei charter, poi, da sottolineare il volo con Capo Verde e l’inedito collegamento con Tokyo, oltre ad un sensibile rafforzamento sui mercati dei Paesi del nord Europa. E, tra i risultati raggiunti nel 2006, va ricordata la concessione per la gestione quarantennale dello scalo e, non ultima, l’inaugurazione del nuovo bar-ristorante al primo piano dell’aerostazione passeggeri.

(Positive Climb)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 20 Gen 2007 alle 12:33 am.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus