IATA: MIGLIORARE IL TRAFFICO AIUTA AMBIENTE

Tempo di lettura: 1 minuto

L’Associazione internazionale del trasporto aereo (Iata) ha lanciato oggi un nuovo appello per una migliore gestione del traffico aereo alfine di ridurre le emissioni di C02, tra i principali gas ad effetto serra. ”Ogni minuto di volo risparmiato riduce il consumo di carburante di una media di 62 litri e le emissioni di Co2 di 160 chilogrammi. I governi fanno in fretta a rendere le vacanze piu’ care istituendo nuove tasse in nome dell’ambiente. Ma sono lenti nel migliorare le infrastrutture”, ha detto oggi il direttore generale e amministratore delegato della Iata Giovanni Bisignani, in un discorso alla Conferenza della ‘Civil Air Navigation Services Organisation’ (Canso), a Maastricht (Olanda).

 

Bisignani ha citato numerosi esempi dall’approccio per Hong Kong che dura 25 minuti piu’ del necessario del volo da Johannesburg a Londra che potrebbe esser ridotto di dieci muniti, ha affermato. Poi e’ tornato ad insistere sull’importanza di realizzare il Cielo Unico Europeo. L’Europa – ha detto – ha una moneta unica, ma 34 centri di controllo del traffico aereo, una realta’ che costa 3,3 miliardi di euro all’anno alle compagnie aeree e 12 milioni di tonnellate di C02 all’ambiente.

(ANSA)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 13 Feb 2007 alle 6:55 pm.
Categorie: Enti e Istituzioni




I commenti sono chiusi.