VENEZIA: DISAGI PER SCIOPERO SECURITY

Ritardi e disagi all’aeroporto Marco Polo di Venezia in seguito alla giornata di sciopero del personale addetto alla vigilanza indetto dai sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Ugl. Sciopero che la Save, dati i pesanti ritardi dei voli in partenza, considera sproporzionato cosi’ come inconsistenti le ragioni della protesta. In una nota la Save respinge un metodo che definisce “unilaterale e illegittimo”, riservandosi “di tutelare i propri interessi in tutte le sedi opportune”. La Commissione di Garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi pubblici essenziali - ricorda la societa’ che gestisce il Marco Polo - aveva invitato le organizzazioni sindacali “a revocare lo sciopero a causa di alcune irregolarita’ nella durata. Nonostante cio’ - continua la Save - le organizzazioni sindacali hanno indetto ugualmente la giornata di protesta”.

 

La societa’ respinge le richieste avanzate dai sindacati e sottolinea che “il contratto integrativo aziendale scade nel 2008; la retribuzione degli addetti alla sicurezza aeroportuale e’ gia’ stata incrementata di oltre il 10% rispetto a quanto previsto dagli accordi precedenti ed e’ superiore all’8% rispetto a qualunque altra societa’ di vigilanza operante sul territorio, ponendo cosi’ Save Security al primo posto in termini di costo del personale operativo; il numero di giornate effettuate dal personale in regime di straordinario e’ pari a quattro su base annuale; l’incidenza percentuale delle ore straordinarie e’ pari al 4 % delle ore effettuate annualmente dal singolo dipendente”.

(ANSA).

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 20 Feb 2007 alle 12:27 am.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Scioperi e Sindacale


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus