ALITALIA: RESA NOTA POSIZIONE FINANZIARIA A FEBBRAIO 2007

Alitalia rende noti i dati della posizione finanziaria al febbraio 2007. I dati, riflettono l’esito di rilevazioni gestionali che. I commenti, di seguito riportati, relativi alle più significative variazioni intervenute nei due periodi a raffronto, fanno riferimento alla situazione del Gruppo. Peraltro, in considerazione dell’incidenza ampiamente preponderante delle consistenze della società Alitalia su quelle totali di Gruppo, detti commenti, di fatto, sono sostanzialmente rappresentativi anche degli andamenti afferenti la sola Capogruppo; eventuali andamenti particolari a livello Capogruppo  trovano comunque debita evidenza in specifiche note di commento. La posizione finanziaria netta del Gruppo al 31 gennaio 2007 è stata pari a 1.101 milioni di Euro con un incremento dell’indebitamento netto di 75 milioni di Euro (+7,3%) rispetto all’analoga situazione al 31 dicembre 2006, pubblicata in data 28 gennaio 2007: tale andamento è indotto dalla tipica stagionalità degli incassi e dei pagamenti nel mese in esame.

 

La posizione finanziaria netta della Capogruppo Alitalia al 31 gennaio 2007, inclusiva anche dei crediti finanziari netti a breve termine nei confronti delle Controllate, è stata pari a 1.073 milioni di Euro con un incremento dell’indebitamento netto di 75 milioni di Euro (+7,5%) rispetto all’analoga situazione al 31 dicembre 2006. Le disponibilità ed i crediti finanziari a breve  al 31 gennaio 2007, a livello Gruppo ed Alitalia, risultano pari rispettivamente a 645 e 684 milioni di Euro (al 31 dicembre 2006 i corrispondenti importi erano pari a 726 e 762 milioni di Euro). Al 31 gennaio 2007 sono risultati in essere, a livello di Gruppo, leasing finanziari (pressoché per intero afferenti gli aeromobili in flotta e in larghissima parte in capo alla Capogruppo per 129 milioni di Euro) le cui quote capitali, inclusive del valore di riscatto, sono pari a  144 milioni di Euro (di cui 16 milioni di Euro rappresentativi della quota capitale corrente in scadenza nei dodici mesi successivi alla data di riferimento e per 14 milioni di Euro riconducibili alla Capogruppo). Per contro, lo stesso dato al 31 dicembre 2006 era pari a 148 milioni di Euro (di cui 19 milioni di Euro in scadenza nei dodici mesi successivi alla data di riferimento); le corrispondenti evidenze al 31 dicembre 2006 per la Capogruppo risultavano rispettivamente pari a 132 e 16 milioni di Euro. Si segnala altresì che l’indebitamento bancario esistente è pressoché per intero assistito da garanzie reali (ipoteche su aeromobili) ovvero da garanzie personali (prevalentemente garanzie rilasciate da agenzie per il credito all’esportazione). I relativi contratti di finanziamento prevedono clausole legali standard di risoluzione contrattuale. In nessun contratto è previsto, per il mantenimento del credito erogato, il rispetto di specifici indici patrimoniali/economici/finanziari. Si evidenzia che, nel corso del mese di gennaio 2007, sono stati effettuati rimborsi di finanziamenti a medio/lungo termine per un importo complessivo di circa 3 milioni di Euro. 
Con riferimento ai debiti di natura finanziaria, tributaria e previdenziale non si evidenziano al 31 gennaio 2007, tanto per la Capogruppo quanto per le altre società del Gruppo, situazioni di scaduto o irregolarità dei pagamenti.
Per quanto attiene ai debiti di natura commerciale, non si segnalano, sempre con riferimento alla data del 31 gennaio 2007, situazioni di scaduto o irregolarità di pagamenti per Alitalia e per le altre società del Gruppo, ad eccezione di quelle correlate a partite in contestazione.
Con riferimento a queste ultime, si evidenzia in particolare il sussistere di scaduti verso un solo gestore aeroportuale a fronte di addebiti per controverse fattispecie per un ammontare complessivo pari, al 31 gennaio 2007, a circa 82 milioni di Euro.
Si segnala inoltre che i decreti ingiuntivi notificati (già opposti o comunque in fase di opposizione) e tuttora pendenti sono i seguenti: a) da un gestore aeroportuale per un totale di circa 15,9 milioni di Euro (n° 7 decreti); b) da un fornitore di servizi informatici per circa 812 mila Euro (n° 1 decreto); c) da un professionista per circa 534 mila Euro (n° 1 decreto); d) da una ditta appaltatrice di lavori di ristrutturazione per circa 635 mila Euro (n° 1 decreto);  e) da un fornitore di filmati da trasmettere a bordo degli aeromobili per circa 909 mila Euro (n° 1 decreto); f) infine, da fornitori per un totale di circa 110 mila Euro (n° 6 decreti).
Al netto di quanto già in precedenza rilevato, non si evidenziano altre ingiunzioni o azioni esecutive intraprese da parte dei creditori, notificate al 31 gennaio 2007 né, a tale data, iniziative di sospensione dei rapporti di fornitura.

 

(Comunicato stampa Alitalia)

 

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 28 Feb 2007 alle 10:16 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus