BOEING 737-800 KENYA AIRWAYS PRECIPITA IN CAMERUN

Le autorità del Camerun hanno iniziato ricerche nel sud del paese dell’Africa occidentale per cercare di ritrovare il Boeing 737 delle linee aeree del Kenya scomparso oggi poco il decollo da Douala. Lo si è appreso da fonti vicine all’Agenzia per la sicurezza e la navigazione aerea in Africa (Asecna). Le fonti hanno detto che un segnale di un radiofaro di soccorso dell’aereo scomparso è stato captato oggi verso le 02:00 locali (le 03:00 italiane) da un satellite. Le fonti non hanno fornito altri dettagli sulla localizzazione del segnale di soccorso.
Due elicotteri dell’aeronautica camerunese hanno iniziato a sorvolare un vasto settore situato a sud di una linea tracciata fra Douala e la capitale del Camerun, Yaoundé, 250 km più a est. Tutte le brigate della gendarmeria nella zona sono state mobilitate, hanno detto le fonti. Le fonti hanno detto che il Boeing 737-800 della Kenya Airways, che era in volo fra Abidjan e Nairobi, è scomparso con 115 persone a bordo poco dopo il decollo la notte scorsa da Douala, dove aveva fatto scalo, mentre era sulla regione si abbatteva una tempesta.
C’erano almeno 29 stranieri, di cui almeno otto occidentali, a bordo del Boeing 737 della Kenya Airways precipitato la notte scorsa in Camerun con 115 persone a bordo. Lo si apprende dalla lista dei passeggeri resa nota dalla compagnia aerea keniana. Nell’elenco non c’é alcun italiano, ma la compagnia ha detto che deve ancora essere stabilita la nazionalistà di sei passeggeri. Secondo la lista resa nota in un comunicato della Kenya Airways, a bordo c’erano 79 africani, 21 asiatici, sette europei e un americano. Gli europei elencati sono cinque britannici, uno svizzero e uno svedese. A bordo dell’aereo, ha detto la compagnia, c’erano 105 passeggeri (e non 106 come detto in precedenza da altre fonti) e nove membri dell’equipaggio. (ANSA)

Articolo scritto da Leonardo De Marchi il 5 Mag 2007 alle 1:02 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus