ALITALIA: TENUTO CDA PER APPROVAZIONE PRIMA TRIMESTRALE 2007

Si è riunito oggi il Consiglio di Amministrazione di Alitalia, sotto la presidenza del presidente Berardino Libonati presso la sede della Società. Il CDA ha approvato la relazione consolidata del primo trimestre 2007 del Gruppo Alitalia. I risultati del primo trimestre del 2007, sia in termini di crescita dei livelli di traffico e di provento sia in termini di miglioramento del risultato economico rispetto all’analogo periodo del 2006, hanno confermato un miglioramento dell’attività industriale del Gruppo, come segnalato in sede di relazione consolidata trimestrale al 31 dicembre 2006. Le principali variabili economiche e finanziarie consolidate relative al trimestre, sintetizzate di seguito, sono state redatte in conformità con i principi contabili internazionali (IAS/IFRS) e considerano, rispetto al periodo a raffronto, un diverso perimetro aziendale a valle del consolidamento di Volare all’interno del Gruppo.

I ricavi netti consolidati del primo trimestre 2007 sono stati pari a 1.061 milioni di euro con un incremento di 73 milioni (+7,4%) rispetto al corrispondente periodo del precedente esercizio. Ciò principalmente in ragione dell’incremento del traffico passeggeri e merci e del consolidamento della controllata Volare, assente nel periodo a raffronto. 
Il costo per consumi di materiali e servizi (escluso il carburante) è stato pari a 662 milioni di euro con un aumento di 27 milioni di euro rispetto al corrispondente trimestre del 2006 principalmente imputabile all’incremento di attività passeggeri e merci e al consolidamento della controllata Volare, assente nel periodo a raffronto.
Il costo del personale è stato pari a 203 milioni di euro, con un incremento di 12 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2006 (+6,2%) derivante principalmente dal consolidamento della controllata Volare. 
Il costo per acquisto di carburante, attestatosi a 223 milioni di euro, ha registrato un incremento di 7 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno. Tale dato deriva principalmente dal saldo tra i maggiori costi derivanti dall’incremento dell’attività passeggeri e merci e dal consolidamento della controllata Volare e i minori costi determinati dal favorevole effetto valutario.
La perdita operativa consolidata del primo trimestre 2007 è stata pari a 107 milioni di euro, con un miglioramento di 21 milioni di euro rispetto alla perdita del corrispondente trimestre dello scorso esercizio (pari a 129 milioni di euro).
Si ricorda che  il corrispondente periodo del 2006 aveva beneficiato di maggiori componenti positive derivanti sia dalla valutazione al fair value delle operazioni derivate di copertura sul carburante (23 milioni  nel 2006 e 7 milioni nel 2007) sia da alcune plusvalenze essenzialmente relative ad alienazione di flotta (circa 11 milioni nel primo trimestre 2006). Va inoltre ricordato che il primo trimestre del 2006 era stato maggiormente condizionato in negativo dagli scioperi di inizio anno. Da rilevare inoltre che il risultato operativo del primo trimestre 2007 sconta il consolidamento della perdita di Volare, pari a circa 7 milioni di euro e che il periodo in esame è caratterizzato da una bassa stagionalità.Il risultato prima delle imposte per il primo trimestre 2007 è stato negativo per 147 milioni di euro, in miglioramento di 10 milioni di euro circa rispetto al corrispondente trimestre del precedente esercizio.
La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2007 è stata pari a 1.025 milioni di euro con un peggioramento rispetto al 31 dicembre del 2006 di 33 milioni di euro. 
La forza puntuale del Gruppo al 31 marzo 2007 era di 11.178 unità, in aumento di 304 unità (+2,8%% circa) rispetto al 31 marzo 2006, in ragione del consolidamento di Volare assente nel periodo a raffronto (la forza puntuale di Volare è pari a 568 unità).  .  
La flotta operativa del Gruppo al 31 marzo 2007 risulta composta da 186 aeromobili dei quali 156 dedicati al breve-medio raggio e 30 al lungo raggio. Per quanto concerne l’evoluzione del traffico e del network nel settore passeggeri, nel primo trimestre 2007 in termini complessivi si rileva un incremento della capacità offerta pari al 2,7% (1.248 milioni di tonnellate chilometro offerte  rispetto ai 1.215 milioni del corrispondente trimestre del 2006).
La variazione è risultata particolarmente concentrata sul settore internazionale con un incremento della capacità offerta rispetto ai primi tre mesi del 2006 pari al 7,3%. L’incremento complessivo dell’offerto ha trovato riscontro in un più che proporzionale aumento del trasportato, pari al +5,6% (873 milioni di tonnellate chilometro trasportate rispetto agli 827 milioni del corrispondente trimestre del 2006). L’incremento del traffico, rilevato su tutti i settori di rete, è stato particolarmente evidente sul settore internazionale con un incremento del traffico del 10,5%.
In termini globali, il coefficiente di riempimento si è perciò attestato al 69,9%, con un miglioramento di 1,9 punti percentuali rispetto al periodo a raffronto. Il livello del provento unitario (yield) è risultato nel periodo in esame sostanzialmente in linea (-0,4%) rispetto ai livelli dei primi tre mesi del 2006.
In coerenza con quanto espresso in termini di crescita dei livelli di traffico e di profilo dello yield, il valore assoluto dei proventi del traffico passeggeri ha registrato un incremento dell’8% (da 764 a 825 milioni di euro) con un aumento di 61 milioni anche in ragione del consolidamento dei proventi passeggeri della controllata Volare (pari a 15 milioni nei primi tre mesi del 2007).
Da rilevare inoltre la performance positiva del comparto merci che nei primi tre mesi del 2007 ha registrato, rispetto al medesimo periodo dello scorso anno, una crescita significativa sia in termini di capacità offerta (+25,3%) sia in termini di trasportato (+33,4%).
Relativamente alla prevedibile evoluzione della gestione, si ritiene allo stato di poter confermare per il 2007 il conseguimento di un risultato operativo in miglioramento rispetto a quello del precedente esercizio. E’ inoltre da rilevare che, come già precedentemente rappresentato, le analisi finanziarie prospettiche confermano che i livelli di liquidità sono stati valutati sufficienti alla copertura dei fabbisogni generati dalla gestione operativa, finanziaria e per investimenti per oltre dodici mesi a partire da oggi. Nel corso della riunione del Consiglio di Amministrazione prevista per il prossimo 23 maggio verrà esaminato il progetto di Bilancio della Società al 31.12.2006. Relativamente a quest’ultimo, si informa come sia in atto un’analisi della congruità dei valori contabili degli asset, segnatamente della flotta, per verificare gli stessi rispetto a quelli di mercato nell’attuale contesto. Si evidenzia che i risultati di tale analisi, se negativi, comporterebbero una compressione non del risultato operativo trimestrale, di cui alla presente relazione, ma del risultato dell’esercizio 2006.

 

(Comunicato stampa Alitalia)

 

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 15 Mag 2007 alle 10:41 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus