GLOBAL AERONAUTICA CONSEGNA LA PRIMA MID FUSELAGE DEL 787

Global Aeronautica LLC, oggi celebra la consegna della prima sezione mediana della fusoliera del Boeing 787 Dreamliner. La sezione, lunga 84 piedi, rappresenta grossomodo il 50% dell’intera fusoliera dell’aereo.
“E’ una ‘prima’ eccitante per la nostra giovane società,” ha dichiarato Randy Smith, Chief Operating Officer di Global Aeronautica.  “Siamo orgogliosi di avere una parte fondamentale nel processo di assemblaggio creato da Boeing per il programma 787.”    
La ‘mid-fuselage’ del 787 include la sezione 43 (costruita dalla Kawasaki Heavy Industries); la sezione 11/45 (il vano del carrello centrale e il center wing box, costruiti da KHI e Fuji Heavy Industries e unite da FHI); e le sezioni 44 e 46, la fusoliera centrale (costruita da Alenia Aeronautica).

 
Il lavoro di Global Aeronautica sulla mid fuselage del primo 787 è iniziato ufficialmente il 15 gennaio, quando Boeing ha ricevuto a North Charleston le sezioni costruite da KHI e FHI provenienti da Nagoya. E’ stata la prima consegna di un ciclo di trasporti per Boeing effettuati utilizzando il Dreamlifter, una versione modificata del 747-400. Dopo la prima consegna hanno seguito le sezioni 44 e 46, costruite da Alenia Aeronautica nello stabilimento di Grottaglie in Italia. Le singole sezioni, costruite prevalentemente con materiale composito, sono lunghe dai 23 ai 33 piedi e hanno un diametro di 19 piedi, all’interno del quale verranno contenuti i sedili per i passeggeri, i vani di carico, i sistemi avionici, il serbatoio centrale di carburante, i sistemi di gestione del carburante e i sistemi di controllo ambientale. Lo stabilimento di 334 mila piedi quadrati di Global Aeronautica è stato costruito su un area di 240 acri nei pressi dell’Aeroporto Internazionale di Charleston e include 225 mila piedi quadrati di areee di produzione.

 

(Comunicato stampa GLOBAL AERONAUTICA LLC)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 16 Mag 2007 alle 7:05 pm.
Categorie: Industria


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus