IBERIA: AUMENTANO I COLLEGAMENTI TRA ITALIA E AMERICA CENTRALE

A partire dal 1 giugno, Iberia aumenterà da sette a dieci i suoi voli settimanali verso l’America Centrale, per cui offrirà un volo quotidiano per Costa Rica e tre settimanali per Guatemala e Panama. Questo aumento consentirà alla linea aerea spagnola di soddisfare la crescente domanda esistente in Italia per viaggiare verso queste destinazioni, che nel 2006 ha significato il trasporto di un 28,4 per cento in più di passeggeri rispetto all’anno precedente. Inoltre, la Business Plus è cresciuta di un 15,7 per cento. I voli di Iberia per l’America Centrale sono diretti da Madrid, dove la compagnia possiede il principale centro di operazioni, e dove i clienti provenienti dall’Italia possono trovare i collegamenti in modo facile e rapido grazie al fatto che la compagnia ha concentrato tutti i suoi voli nel nuovo Terminal 4 dell’aeroporto.

 

Iberia offre 14 voli quotidiani a Madrid dagli aeroporti di Bologna, Milano, Roma e Venezia, e a Madrid ci si può collegare ai voli diretti e quotidiani verso 17 destinazioni dell’America Latina e 4 negli Stati Uniti, oltre a 10 città in Africa e in Medio Oriente e altre 35 destinazioni in Spagna. Tutti i voli di Iberia con l’America latina si realizzano con aerei Airbus 340, delle versioni 300 e 600. Tutti questi sono dotati della categoria Business Plus, dotata di poltrone che si trasformano in letti piatti, un sistema di intrattenimento su richiesta o un menù gastronomico con le migliori ricette mediterranee del prestigioso chef Sergi Arola e una carta dei vini molto completa, tra gli altri servizi a bordo.
Dal sito Internet, www.iberia.com, i clienti della compagnia possono ottenere i migliori prezzi per volare verso tutte le sue destinazioni, oltre a iscriversi nel programma di passeggeri frequenti Iberia Plus e consultare informazioni sulla linea aerea.

 

(COMUNICATO IBERIA)

 

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 18 Mag 2007 alle 1:34 pm.
Categorie: Senza categoria


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus