ENAC: PRESENTATO A ROMA “AEROPORTI DEL MEZZOGIORNO”

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha illustrato oggi, a Palazzo Chigi, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Romano Prodi e del Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi la recente pubblicazione dell’ENAC dal titolo “AEROPORTI DEL MEZZOGIORNO”. In apertura dell’incontro il Presidente dell’ENAC, Vito Riggio, dopo aver ringraziato il Presidente Prodi e le autorità presenti, ha sottolineato come il programma degli aeroporti del Sud sia un esempio dell’intervento e delle capacità delle autorità locali.
Ha ricordato come il ritardo del sistema aeroportuale del Mezzogiorno fosse, fino a qualche anno fa, addirittura quarantennale ed ha quindi ribadito i progressi compiuti negli ultimi anni, ringraziando tutte le componenti del settore e soprattutto l’ENAV per la collaborazione in materia di sicurezza.

 
Il Presidente Riggio ha parlato di “un grande salto di qualità nei rapporti e nei collegamenti internazionali” e ha evidenziato come il Mezzogiorno abbia potenzialità molto elevate in materia di trasporto aereo che andrebbero a contribuire ulteriormente alla sviluppo dell’economia del territorio.
Il quaderno oggi presentato costituisce una fotografia aggiornata delle realtà aeroportuali del Mezzogiorno d’Italia e degli investimenti che sono stati realizzati negli ultimi anni, la maggior parte dei quali attraverso finanziamenti disposti con normative nazionali e con fondi europei, per un totale di circa 1 miliardo di Euro.
Le Fonti di finanziamento sono state: PON Trasporti 2000-2006; Regioni Obiettivo 1 (FAS); Stato (Articolo 17 legge 135/1997); Stato (altre leggi di settore); Privati (Società di gestione Obiettivo 1).
“AEROPORTI DEL MEZZOGIORNO” raccoglie dati, statistiche, informazioni di servizio, progetti realizzati e progetti in via di ultimazione, in termini di tempi, di costi e di stato di attuazione per i seguenti aeroporti:
SARDEGNA: Cagliari, Olbia, Alghero
CAMPANIA: Napoli, Salerno Pontecagnano
PUGLIA: Bari, Brindisi, Foggia, Taranto Grottaglie
CALABRIA: Lamezia Terme, Reggio Calabria, Crotone.
SICILIA: Catania, Palermo, Trapani, Lampedusa, Pantelleria, Comiso
Si dà conto, con un criterio di trasparenza, anche degli importanti investimenti realizzati dal Paese per queste opere, con il fine di rendere partecipe chi viaggia dei cambiamenti in corso in ambito aeroportuale. Il testo enumera per ogni singola realtà utili indicazioni sulla società di gestione, sulla capacità aeroportuale, sui servizi ai passeggeri, sui collegamenti con le città, sui vettori che operano sullo scalo e sulla storia dell’aeroporto. In apertura di pubblicazione sono riportati alcuni interventi istituzionali del Ministro dei Trasporti Alessandro Bianchi, del Ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, del Coordinatore della Commissione Infrastrutture, Mobilità e Territorio della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome Ennio Cascetta, del Presidente dell’ENAC Vito Riggio e del Direttore Generale dell’ENAC Silvano Manera.
Nell’introduzione del quaderno il Presidente Riggio ha sottolineato, in particolare, l’importanza di un bacino di traffico come quello del Mezzogiorno, capace di servire, nel 2006, un’utenza di 25 milioni di passeggeri e che ha avuto un tasso di crescita del 50% negli ultimi cinque anni. A fronte dei nuovi e moderni investimenti infrastrutturali l’aeroporto, secondo il Presidente Riggio, si deve sempre e comunque mettere al primo posto la sicurezza e l’efficienza dei servizi offerti, nel rispetto del passeggero e della sua centralità nel sistema del trasporto aereo.
Il Direttore Generale, il Comandante Manera, ha evidenziato, invece, il ruolo strategico degli aeroporti del Mezzogiorno come volano per l’economia ed il turismo del territorio, oggi resi ancora più accessibili proprio grazie ai nuovi investimenti e all’ammodernamento del settore aviazione civile. All’interno della pubblicazione, ogni singolo aeroporto viene descritto in dettaglio secondo una suddivisione tematica in paragrafi. La parte intitolata “Il progetto” riporta le caratteristiche dello scalo, le coordinate aeronautiche (codici internazionali, posizionamento geografico, caratteristiche delle piste, radioassistenze, assistenze luminose), le opere necessarie per realizzarlo, lo stato di attuazione dei lavori e il termine previsto per la loro conclusione.
Nella parte “Il progetto” vengono indicati gli investimenti che sono stati fatti sull’aeroporto, suddivisi per interventi nelle zone aerostazione e passeggeri, nelle aree delle infrastrutture di volo, nell’implementazione della security.
Sempre in questa sezione sono riportati cenni in merito alla progettazione e all’architettura dell’opera, con gli eventuali aeroporti internazionali che sono stati presi a modello, nonché la scelta dei materiali usati per i lavori.
Le nuove infrastrutture aeroportuali realizzate, infatti, sono state progettate con una particolare attenzione all’armonizzazione con il territorio e all’abbattimento di ogni tipo di vincolo e di barriere ambientali.
Il paragrafo dedicato a “La storia” descrive le origini dell’aeroporto, il contesto storico-temporale in cui è stato costruito ed i personaggi che hanno avuto un ruolo chiave per la sua realizzazione ed evoluzione.
A queste nozioni si aggiungono anche schede informative sui servizi presenti nello scalo, come i numeri utili, le biglietterie aeree, la ristorazione, i negozi, gli uffici informazioni delle compagnie aeree, le società di autonoleggio e così via, con lo scopo di diventare un pratico manuale di consultazione per il passeggero.
Sono riportati, inoltre, i dati di traffico degli ultimi anni, i vettori che operano sullo scalo, nonché i principali collegamenti nazionali ed internazionali serviti.
Un’altra scheda dal titolo “La società di gestione” riguarda, infine, la società titolare della gestione e dell’esercizio dell’aeroporto, con le indicazioni relative alle attività svolte e alla composizione azionaria della società stessa.

 

(Comunicato stampa ENAC)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 12 Giu 2007 alle 9:39 pm.
Categorie: Eventi e Manifestazioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus