ENAC: RIUNIONE CON ALPI EAGLES

Si è svolta nel pomeriggio di oggi una riunione con la compagnia Alpi Eagles in merito ai numerosi disservizi che negli ultimi tempi sono stati creati dal vettore. L’incontro era finalizzato a valutare se la compagnia avesse intrapreso le azioni correttive richieste. L’ENAC, infatti, aveva dato alla compagnia un ultimatum di quindici giorni per attivare il piano di rientro ed evitare la sospensione della licenza.
L’ENAC ha verificato che Alpi Eagles ha attivato gli interventi richiesti. Nello specifico, la società ha attribuito le deleghe di Accountable Manager, il massimo responsabile nei confronti dell’ENAC per tutte le certificazioni e la rispondenza del vettore ai requisiti di qualità e sicurezza, ad una nuova figura che avrà piena responsabilità, autonomia e poteri operativi, organizzativi e finanziari.

 

 

La compagnia ha ridefinito l’assetto organizzativo con l’avvicendamento dei post holder, le figure di responsabilità nei settori operazioni volo, gestione tecnica e assicurazione qualità. Il vettore ha avviato la riduzione del numero delle rotte servite per garantire l’operatività e per far crescere i tempi di rotazione tra un volo e l’altro. Inoltre, la Alpi Eagles ha acquisito un nuovo aeromobile da utilizzare come riserva nei casi di eventuali problemi tecnici ad aeromobili già in uso. La compagnia, infine, si è impegnata a migliorare l’assistenza ai passeggeri in caso di disservizi, ritardi e cancellazioni, mediante l’individuazione di un rappresentate del vettore in ogni singolo scalo che si occuperà di attuare tempestivamente quanto stabilito dal Regolamento Comunitario in materia e dalla Carta del Diritti del Passeggero. L’ENAC verificherà i risultati concreti delle azioni correttive intraprese mantenendo un controllo elevato sulla compagnia soprattutto in queste fasi di riavvio dell’organizzazione e dell’operativo.

(COMUNICATO STAMPA ENAC)

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 28 Giu 2007 alle 10:49 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Enti e Istituzioni


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus