MERIDIANA LANCIA UN NUOVO VOLO TRA ROMA E NEW YORK

Dal 16 Novembre, grazie ad un accordo di code share con Eurofly, il network di Meridiana si arricchisce di due collegamenti settimanali fra Roma Fiumicino e New York JFK. I voli saranno operati da modernissimi aeromobili Airbus A330-220 della flotta Eurofly, con una configurazione di 256 posti in economica e 26 in business class. Gli orari prevedono il decollo il venerdì e la domenica alle 17,50 da Roma Fiumicino con l’arrivo all’aeroporto JFK alle 21,25, mentre il volo da New York parte sempre il venerdì e la domenica alle ore 22,55, con arrivo a Roma Fiumicino alle 13,10 del giorno dopo. La durata del volo è di circa 9 ore.
 

 
Per i clienti Meridiana in partenza da Cagliari, Olbia e Verona sarà possibile quindi raggiungere la Grande Mela con uno scalo a Roma, avvalendosi interamente dei servizi della Compagnia e approfittando di orari appositamente studiati per garantire una comoda coincidenza a Fiumicino.
La tariffa lancio di sola andata, prevista per questo collegamento è pari ad euro 149 tutto incluso, è acquistabile sul sito internet della Compagnia www.meridiana.com oppure contattando il call center al numero 89 29 28. Inoltre, sul sito del tour operator del Gruppo Meridiana, www. wokita.com è possibile organizzare tutti gli altri servizi collegati al proprio viaggio, sia di lavoro sia di piacere, scegliendo direttamente online pacchetti di viaggio studiati appositamente per i vari target di clientela interessati alla Grande Mela.  
Meridiana, dopo l’inaugurazione estiva dei nuovi collegamenti in code share con Eurofly, con le isole greche e spagnole, con questo nuovo volo fra Roma e New York, amplia ulteriormente il suo network internazionale e si prepara ad una stagione invernale ricca di novità offrendo per la prima volta alla sua clientela un volo di lungo raggio.

 

(Comunicato stampa Meridiana)

 

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 4 Ago 2007 alle 10:36 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus