10 ANNI DI CRESCITA A MILANO MALPENSA PER STAR ALLIANCE

Dieci anni di crescita e di investimenti ininterrotti per i vettori Star lliance all´aeroporto di Milano Malpensa a supporto dei viaggiatori d´affari del Nord Italia. Nel 1998, anno di apertura del nuovo Terminal, 6 vettori Star Alliance operavano 168 frequenze settimanali verso 11 aeroporti, prevalentemente in Europa. Oggi, a sette anni di distanza, 10 vettori Star Alliance servono lo scalo di Malpensa mettendo a disposizione dei viaggiatori italiani 484 frequenze settimanali verso 12 scali Europei e 2 intercontinentali. Grazie all´armonizzazione degli orari di voli i passeggeri trovano rapide coincidenze presso gli hub dei diversi vettori per raggiungere una delle 855 destinazioni servite da Star Alliance in 155 paesi.

“Il contributo dato dai vettori facenti parti di Star Alliance alla crescita di Malpensa è chiaramente dimostrato dalla crescita delle frequenze settimanali, passate da 168 a 484 e del numero di destinazioni servite, salite a 14. A questo dato si aggiunge anche la crescita della capacità offerta: diversi vettori infatti hanno nel corso degli anni utilizzato aeromobili sempre più capienti per servire l´aeroporto milanese passando per esempio dall´utilizzo di aeromobili Embraer da 45 posti agli Airbus da 110 e più”, ha dichiarato Patrick Trancu, portavoce di Star Alliance. “Star Alliance oggi assicura ai chi viaggia per affari o per piacere da Malpensa un´ampia scelta di soluzioni per giungere alla propria destinazione finale. Per raggiungere Tokio da Milano ad esempio è possibile scegliere tra ben 9 vettori Star Alliance. La forte presenza dell´alleanza a Malpensa, destinata ancora a crescere come dimostrato ieri dall´annuncio di uno dei vettori dell´alleanza, ha avuto in questi anni delle significative ricadute economiche sia sulla società di gestione aeroportuale, che ha visto i propri ricavi derivanti dai vettori facenti parte l´alleanza più che triplicare, sia sulle società Che offrono i servizi di handling. L´ingresso di 4 nuovi vettori in Star Alliance previsto nei prossimi 18 mesi non potrà che portare nel tempo ulteriori benefici all´aeroporto milanese. Grazie a Star Alliance, Milano e il suo aeroporto di Malpensa sono oggi pienamente integrate nel più ampio network di destinazioni servite al mondo”.
“Nei piani futuri” ha spiegato Trancu, “rientra anche la volontà di trovare un accordo con SEA per il consolidamento della presenza Star Alliance a Malpensa con un´area biglietteria e check- in dedicate così da rafforzare ulteriormente la nostra visibilità presso lo scalo milanese in linea con quanto Star Alliance sta facendo in altri importanti aeroporti nel mondo. Questo si tradurrebbe in un migliore servizio per i passeggeri e in un´ottimizzazione dei costi per i vettori facenti parte l´alleanza”.
“Ma lo sviluppo delle nostre attività a Malpensa comporta necessariamente anche una revisione dei costi per servizi aeroportuali a carico dei vettori. E´ inoltre necessario”, ha concluso Trancu “un potenziamento dell´infrastruttura aeroportuale con la disponibilità di un numero maggiore di banchi di check-in durante gli orari di picco, l´introduzione di varchi preferenziali per il controllo di sicurezza per i passeggeri di business e prima classe e un netto miglioramento del sistema di gestione dei bagagli. Il tutto senza oneri aggiuntivi per le compagnie aeree”.
Oltre alla forte presenza a Milano Malpensa, i vettori Star Alliance, assicurano voli da e per 25 aeroporti in Italia serviti con oltre 1.200 frequenze settimanali. Grazie alla capillare rete di collegamenti e all´ampia scelta di vettori Star Alliance che operano voli nel nostro paese, i Passeggeri italiani possono raggiungere con grande facilità e con un numero minimo di scali qualsiasi angolo del pianeta: 855 destinazioni in 155 paesi.
Utilizzando uno dei 13 hub internazionali dell´alleanza dislocati in 4 continenti i passeggeri che scelgono Star Alliance sono certi di trovare ovunque coincidenze rapide grazie alla completa armonizzazione degli orari di volo, un servizio di assistenza di prim´ordine, la riprotezione automatica in caso di ritardi o disagi e priorità nello smistamento bagagli. Tutto questo garantisce un viaggio confortevole e tranquillo a prescindere dalla classe di volo. I viaggiatori che scelgono Star Alliance possono inoltre beneficiare dei programmi di fidelizzazione offerti dai diversi vettori. Volando con Star Alliance è infatti possibile accumulare miglia sul programma di fidelizzazione di qualsiasi membro dell´alleanza e spenderle successivamente con qualsiasi altro partner. Fondata nel 1997 come la prima vera alleanza tra compagnie aeree a livello mondiale per offrire ai passeggeri una rete globale di collegamenti ed una confortevole esperienza di viaggio, Star Alliance opera oltre 16.000 voli giornalieri verso 855 destinazioni in 155 paesi. Star Alliance è stata nominata Best Airline Alliance da Business Travel nel 2003 e 2006 e da Skytrax nel 2003 e 2005. Le compagnie aeree facenti parte dell´alleanza sono: Air Canada, Air New Zealand, ANA, Asian Airlines, Austrian Airlines, bmi, LOT Polish Airlines, Lufthansa, Scandinavian Airlines, Singapore Airlines, South African Airways, Spanair, SWISS, TAP Portugal, THAI, United e US Airways. La rete globale di collegamenti è completata dai vettori regionali Adria Airways (Slovenia), Blue1 (Finlandia) e Croatia Airlines. Air China, Shanghai Airlines e Turkish Airlines entreranno a fare parte di Star Alliance a breve, mentre EgyptAir farà il suo ingresso nel 2009. Per maggiori informazioni www.staralliance.com. Per meglio servire le esigenze dei passeggeri italiani e internazionali, i vettori Star Alliance Lufthansa, Austrian Airlines, Swiss, TAP Portugal, Croatia Airlines, Adria Airways, Spanair, British Midland, Air Canada e US Airways si avvalgono di accordi bilaterali con AirOne, la prima compagnia aerea privata italiana con una rete di collegamenti che serve 23 destinazioni nazionali e internazionali.

 

(POSITIVE CLIMB)

 

Articolo scritto da Carlo Dedoni il 9 Nov 2007 alle 12:12 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus