IBAR CONTRO ADEGUAMENTO AUTOMATICO TARIFFE AEROPORTUALI

L’articolo 21bis del decreto cosidetto “milleproroghe” approvato dalla Camera e ora all’esame del Senato aggancia i diritti aeroportuali al tasso programmato di inflazione: una previsione contestata con decisione da IBAR, l’associazione che unisce le 76 principali compagnie aeree di linea, italiane e straniere, che operano in Italia, che sottolinea l’aumento del fatturato e degli utili dei gestori aeroportuali negli ultimi anni. «Quando tutti sono chiamati a combattere l’aumento dei prezzi, il decreto vorrebbe regalare i soldi dei consumatori-viaggiatori a società di gestione aeroportuale che già registrano elevati utili», afferma il presidente interinale Roberto Antonucci.


La disposizione - spiega in una nota IBAR - va nella direzione opposta alla determinazione delle tariffe aeroportuali con contratti di programma, sulla base di criteri oggettivi da parte di CIPE e ENAC. Secondo IBAR, nonostante l’aumento del costo del carburante tra il 2000 e il 2007 le compagnie aeree avrebbero portato la tariffa media da 9,7 a 8,65 centesimi per chilometro volato. Le tariffe per i servizi aeroportuali offerti in regime di monopolio - dice l’associazione - dovrebbero consentire ad un operatore efficiente di coprire i suoi costi e realizzare un utile sufficiente per poter reperire i capitali che servono per investimenti necessari allo sviluppo del sistema. Il CIPE, l’ENAC, le compagnie aeree, le società aeroportuali e le associazioni dei consumatori - prosegue IBAR - lavorano insieme studiare un sistema «oggettivo e prevedibile» per raggiungere lo scopo. «Un aumento tariffario arbitrario, scollegato dai reali costi e dalle reali necessità non trova nessuna giustificazione e rischia di nuocere alla crescita di un settore vitale per l’economia», aggiunge Antonucci. «Buttare nel cestino un lavoro serio e avanzato per tornare all’arbitrio è quantomai inopportuno. Non solo, il provvedimento stimola l’inflazione e disincentiva l’efficienza dei gestori aeroportuali. Ci affidiamo al buon senso dei Senatori della Repubblica.»

(G. Alegi, dedalonews.it)

APPROFONDIMENTI:

- Sito IBAR - Italian Board Airline Representatives 

Articolo scritto da mcgyver79 il 27 Feb 2008 alle 8:40 am.
Categorie: Cronaca, Enti e Istituzioni - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus