INCONTRO ENAC - WIND JET: APPLICATA UNA SANZIONE DI 20 MILA EURO ALLA COMPAGNIA AEREA. LA SICUREZZA DEL VOLO CATANIA - ROMA MAI STATA IN DUBBIO

L’ENAC rende noto che nel pomeriggio di oggi, presso la Direzione Generale dell’Ente, ha avuto luogo un incontro con i vertici della compagnia low cost Wind Jet in seguito ai disservizi relativi ai voli Catania-Roma e Roma-Catania avvenuti nella notte tra il 28 e il 29 febbraio.
Nel corso dell’incontro l’ENAC ha constatato in primo luogo che il volo in partenza da Catania e diretto all’aeroporto di Fiumicino si è svolto nell’assoluto rispetto delle norme di sicurezza, sia nella fase di avvicinamento allo scalo romano sia in quella di rientro a Fontanarossa.
I vertici di Wind Jet hanno spiegato che le condizioni meteorologiche su Fiumicino sono peggiorate successivamente al decollo dell’aereo da Catania. Il comandante del volo, vista anche la chiusura degli aeroporti di Roma Ciampino e di Napoli, ha preso la decisione di far rientro all’aeroporto di Fontanarossa.

Wind Jet ha affermato di aver fornito l’assistenza prevista dal Regolamento CE 261/04 sia ai passeggeri in attesa a Fiumicino sia a quelli rientrati a Catania. L’ENAC ha tuttavia eccepito che non tutte le forme di assistenza previste sono state adottate ed ha applicato una sanzione di 20 mila euro alla compagnia.

Nel corso della riunione i vertici di Wind Jet si sono assunti l’impegno a migliorare la propria organizzazione presso gli scali serviti al fine di rispondere pienamente ai requisiti di assistenza ai passeggeri come previsto dal Regolamento CE 261/04. La compagnia aerea ha nel frattempo provveduto a inviare una dettagliata lettera di scuse a tutti i passeggeri coinvolti nei disservizi offrendo nel contempo un biglietto aereo gratuito per voli nazionali serviti dal vettore stesso.

L’ENAC ha preso atto degli impegni e degli intenti compiuti dal vettore aereo.

Articolo scritto da admin il 29 Feb 2008 alle 8:22 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus