NASCE “I LOVE MALPENSA”: IL MOVIMENTO DI CHI HA MILANO MALPENSA NEL CUORE

i love MXPNella complessa partita che vincola le prospettive dell’aeroporto internazionale di Milano Malpensa alle sorti di Alitalia entra - in punta di piedi ma ben deciso a farsi sentire - I Love Malpensa, un movimento d’opinione trasversale che vuole dare voce a chi desidera che Milano Malpensa mantenga il suo ruolo di moderna e comoda porta d’accesso al mondo.
Il movimento, che non ha etichette e intende restare estraneo alle diatribe politiche, si è dotato di un proprio organo di comunicazione sul web - www.ilovemalpensa.com - dove sono stati elencati 10 motivi per cui Milano Malpensa merita di essere apprezzata, amata e difesa. Chiunque vorrà, potrà sottoscrivere il “manifesto” di I Love Malpensa utilizzando il form presente sul sito internet.
Il sito di I Love Malpensa ha scelto di stare dalla parte del turista e del viaggiatore qualsiasi, dell’uomo della strada e dei lavoratori delle imprese legate all’aeroporto, preferendo i toni soft, la piena comprensibilità, le ragioni immediate del cuore e della praticità alle asprezze verbali, all’aridità delle cifre e ai sofisticati calcoli finanziari.
Nei prossimi giorni, inoltre, I Love Malpensa debutterà con la sua prima iniziativa pubblica, organizzando un pacifico e colorito blitz all’interno di una nota stazione ferroviaria di Milano.
Il sondaggio e la raccolta di firme che si svolgeranno nell’affollata stazione milanese saranno un’ulteriore occasione per amplificare e far pesare l’opinione dei cittadini nel dibattito sul futuro di Milano Malpensa.
I Love Malpensa è un’iniziativa promossa da easyJet, che vede il movimento d’opinione come ulteriore testimonianza di un impegno imprenditoriale, industriale e finanziario che, in capo a soli due anni, ha portato l’importante compagnia europea low cost a diventare il secondo operatore a Milano Malpensa.

(Comunicato Stampa Easyjet)

Articolo scritto da mcgyver79 il 4 Apr 2008 alle 1:40 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Cronaca - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus