TSA E CONTINENTAL AIRLINES HANNO ESTESO IL PROGRAMMA DI IMBARCO NON CARTACEO

paperless boardingLa Transportation Security Administration (Tsa) e la Continental Airlines hanno annunciato i piani per continuare la distribuzione del programma di imbarco ‘Senza carta’ presso lo scalo ‘Ronald Reagan’ di Washington, a Newark (New Jersey) e al ‘Logan’ di Boston nelle prossime settimane. Questo innovativo sistema permetterà ai passeggeri di ricevere le carte di imbarco in modo elettronico sui loro cellulari e palmari, e saranno poi esaminate dai rappresentanti della sicurezza della Tsa al posto di controllo, eliminando la necessità di un documento cartaceo.

Ogni carta d’imbarco non cartacea avrà un codice a barre bidimensionale insieme alle informazioni del passeggero e del volo che ne identificano il viaggiatore. I controllori dei documenti di viaggio della Tsa utilizzeranno degli scanner portatili per convalidare l’autenticità degli imbarchi senza carta inviati ai passeggeri del vettore aereo. La nuova tecnologia intensifica la capacità di scoprire i documenti falsi, migliorando il servizio al cliente e riducendo l’uso della carta.

La Tsa ha creato il concetto di come esaminare le carte di imbarco elettroniche e il vettore statunitense ha sviluppato un piano per la sua applicazione con una protezione mediante codifica dei pass per garantirne l’autenticità.

Il sistema è compatibile con lo standard globale della Iata (International Air Transport Association) composto dai codici a barre per le carte di imbarco. L’impegno congiunto tra la compagnia aerea e la Tsa consentirà all’industria del trasporto aereo di guardare avanti sempre più ad un procedimento di check-in elettronico.

Il primo documento non cartaceo è stato inaugurato a Houston nel dicembre del 2007 ed è ancora in corso.

(Avionews)

Articolo scritto da mcgyver79 il 30 Apr 2008 alle 8:27 am.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Approfondimenti, Compagnie Aeree / Alleanze, Enti e Istituzioni - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus