I VETTORI CONTRO L’UE PER I PROVVEDIMENTI ANTI-EMISSIONI

IACA Le compagnie aeree bocciano la proposta votata dalla commissione Ambiente del Parlamento europeo di anticipare di un anno, vale a dire nel 2011, l’inserimento del trasporto aereo nel sistema di scambio di emissioni (Ets) previsto dall’Ue. A preoccupare i vettori sono le spese: il provvedimento, secondo la Iaca (associazione internazionale dei vettori aerei), comporterà un costo extra di 15 miliardi di euro per tutte le aviolinee che utilizzano gli scali nei 27 Paesi dell’Unione. Secondo la commissione, le compagnie devono rispettare un limite alle emissioni di Co2 prodotte e pagare per il primo anno il 25% delle autorizzazioni a emettere Co2 (invece del 10 proposto dai ministri Ue). Nel testo è stata cancellata la proposta che imponeva alle compagnie il pagamento dell’intera quota dell’autorizzazione. Il contributo, dal 2013, dovrà, invece, aumentare progressivamente per adeguarsi a quello previsto per gli altri settori. “Il Parlamento europeo deve evitare di imporre misure costose che non hanno alcun beneficio ambientale e che potrebbero privare le compagnie aeree di fondi da investire in nuovi piani” ha dichiarato John Hanlon, segretario generale di Elfaa, associazione europea delle low cost.
(ttgitalia.com)

APPROFONDIMENTI:

-sito IACA - International Air Carrier Association

Articolo scritto da mcgyver79 il 29 Mag 2008 alle 8:28 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Cronaca, Enti e Istituzioni - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus