Archivio del Gen 2009

ALITALIA: GLI STIPENDI DEI VERTICI PER IL 2009

Tempo di lettura: 1 minuto

SabelliDi 800.000 Euro sarà l’ammontare dello stipendio di base per il 2009 dell’amministratore delegato e direttore generale di Alitalia, Rocco Sabelli, decisa dal consiglio di amministrazione di Cai (Compagnia aerea italiana). Lo riporta oggi “Il Sole 24 Ore”. Qualora la società centrasse gli obiettivi fissati dal cda, Sabelli avrà diritto ad un ulteriore premio variabile, e potrà guadagnare fino a due milioni lordi all’anno, inclusa la quota fissa per i tre anni di mandato.

Importo diverso per il presidente Roberto Colaninno, che ha invece le deleghe per le relazioni esterne, il controllo (audit) e la segreteria del cda. Lo stipendio fisso annuo ha un valore di 300.000 senza bonus.

Previsti, invece, 150.000 Euro all’anno per il vice-presidente (senza poteri) Salvatore Mancuso.

(Avionews)

APPROFONDIMENTI:

– sito Alitalia

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Cronaca - Tags: , ,

INTERVISTA DI MIMMO MANCINI A MD80.IT

Tempo di lettura: 6 minuti

Il grande Mimmo Mancini ha rilasciato a Md80.it una intervista, che siamo lieti di pubblicare.

D. Mimmo, ormai da tempo e diversamente da prima, sono definitivamente esplosi voli low-cost. I ritmi sono relativamente serrati per gli Equipaggi. Come pensi sia cambiato il lavoro dell’Assistente di Cabina?
============================================================
R. Io credo che i ritmi per chi fa oggi questo lavoro siano molto serrati, piloti ed assistenti di volo sono sottoposti ad una pressione mai riscontrata nel passato, di conseguenza il lavoro stesso e’ totalmente stato stravolto nella sua essenza. Leggi il resto dell’articolo

Categoria: Interviste - Tags: ,

ATR CHIUDE BENE IL 2008 E PREVEDE PER L’ANNO IN CORSO RICAVI OLTRE 1,4 MILIARDI DI EURO

Tempo di lettura: 1 minuto

Atr chiude il 2008 con ricavi record: 1,3 miliardi di euro, e ordini per 42 nuovi aerei più 14 opzioni. Lo ha annunciato l’amministratore delegato Stèphane Mayer a Parigi. Per la joint venture paritetica tra Alenia Aeronautica (gruppo Finmeccanica) ed Eads, il portafoglio ordini a fine 2008 è stato pari a 169 aerei, pari «a due anni e mezzo di produzione», mentre le consegne sono cresciute del 25% a 55 velivoli. Per il 2009 la società stima ricavi superiori a «1,4 miliardi» e «oltre 60 consegne». Tuttavia, ha sottolineato Mayer, «pianificare il 2009 è veramente difficile visto l’incertezza che regna sull’industria aeronautica».

(www.ilsole24ore.com)

Categoria: Industria - Tags: , ,

AIR BERLIN: PRIMA CERTIFICAZIONE CAT IIIB PER L’ATTERRAGGIO DI BOEING 737

Tempo di lettura: 1 minuto

Air Berlin sarà la prima compagnia aerea in Europa ad effettuare avvicinamenti in CAT IIIB con i suoi Boeing 737NG. D’ora in avanti le operazioni di atterraggio con visibilità ridotta per nebbia fino a 75 m saranno già possibili. I Boeing dell’Air Berlin potranno effettuare operazioni di atterraggio anche con condizioni meteo avverse, casi nei quali in precedenza i velivoli dovevano essere deviati verso altri aeroporti.
La flotta di Boeing dell’Air Berlin, che conta più di 40 velivoli, ha ricevuto dall’Ufficio Federale dell’Aeronautica Civile la certificazione per l’avvicinamento strumentale di questa categoria.

(Ufficio stampa AirBerlin)

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , ,

AERONAUTICA: TRASPORTO DI BAMBINI PALESTINESI DA TEL AVIV ALL’ITALIA

Tempo di lettura: 2 minuti

C-130J10 bambini palestinesi saranno trasportati in Italia con un velivolo C130-J della 46^ Brigata Aerea di Pisa. L’arrivo è previsto domani in tarda serata presso l’aeroporto di Firenze oppure, se le condizioni meteorologiche saranno proibitive, a Pisa. L’iniziativa è stata coordinata dal C.O.I. Difesa (Comando Operativo di vertice Interforze) di Roma, dal C.O.F.A. (Comando Operativo delle Forze Aeree) di Poggio Renatico (FE) in stretta collaborazione con il Ministero Affari Esteri di Roma.
Il C 130J con destinazione principale Beirut per una missione di supporto logistico per la missione “LEONTE” seguirà la sua missione per Tel Aviv (aeroporto Ben Gurion) avendo fatto scalo precedentemente a Cipro e lì attenderà che siano portati i bambini dei quali molti hanno necessità di essere barellati.
I bambini saranno successivamente trasportati all’Ospedale Pediatrico Meyer di Firenze dove riceveranno le necessarie cure e assistenza medica specialistica di livello superiore e, per alcuni di loro, interventi chirurgici associati a diverse cause tra le quali problematiche tumorali, cardiache e neurologiche.
Durante le fasi del volo sarà presente un team medico della C.R.I. (Croce Rossa Italiana) a cui si affiancherà un team medico militare composto da un cardiologo ed un anestesista/rianimatore entrambi dell’Infermeria Principale dell’Aeronautica Militare di Pratica di Mare (Roma) con l’attrezzatura necessaria per tenere stabilizzati i bambini. Saranno allestite all’interno del velivolo due postazioni di terapia intensiva e rianimazione.
Il team dell’Infermeria Principale, di recente costituzione, possiede conoscenze e competenze specifiche sulle diverse tipologie di velivoli in uso ed è aggiornato ed addestrato sugli aspetti aerofisiologici del trasporto e sulle possibili conseguenze patofisiologiche derivanti dall’esposizione ai fattori esterni intrinsechi dell’ambiente aeronautico quali ipossia, ipobarismo, accelerazioni, vibrazioni, microclima, rumore.

(Comunicato Stampa Aeronautica Militare Italiana)

APPROFONDIMENTI:

– sito Aeronautica Militare Italiana

Categoria: Aeronautica - Tags: , ,

AMMARAGGIO DI UN A320 US AIRWAYS NEL FIUME HUDSON, TUTTI SALVI

Tempo di lettura: 2 minuti

Un aereo dell’Us Airways, decollato dall’aeroporto La Guardia, uno degli aeroporti newyorchesi, alla volta di Charlotte in North Carolina, è finito nell’Hudson, il fiume che costeggia New York ad ovest di Manhattan. L’aereo ha tentato, riuscendovi un ammaraggio. Così mentre galleggiava, intorno alla carlinga, diversi traghetti hanno potuto prestare i primi soccorsi. Secondo la Faa, le autorità che regolano i cieli Usa, il volo è il numero 1549 e a bordo c’erano più di 150 persone tra passeggeri e uomini dell’equipaggio. LA DINAMICA – Sarebbe stato un «bird strike», l’urto con uno stormo di volatili in fase di decollo, all’origine dell’incidente: l’aeromobile avrebbe incontrato uno stormo di volatili che risucchiati dalle turbine avrebbero messo fuori uso entrambi i motori (i bimotori sono certificati per poter decollare anche con un solo propulsore funzionante). Non si è trattato di uno schianto perché i piloti hanno fatto scendere l’aereo gradualmente sull’acqua. A New York ha appena nevicato e le acque dell’Hudson, molto profonde nel punto dell’impatto, sono gelide.

IL TESTIMONE – Uno dei passeggeri dell’aereo, Alberto Panero, intervistato dalla Cnn in un edificio sulla 42ma Strada di Manhattan dove sono stati trasferiti i passeggeri dopo essere stati tratti in salvo, ha detto sono riusciti a passare direttamente dall’aereo a scialuppe di salvataggio: «Poco dopo il decollo – ha raccontato – abbiamo sentito un forte scoppio e il velivolo ha cominciato a scuotersi tutto. Sembrava che fosse fuori controllo c’era molto fumo e dopo alcuni secondi, il comandante ci ha detto di «prepararci all’impatto. Non posso credere che sia riuscito a far scendere senza incidenti l’aereo». Panero ha descritto scene di paura, ma di rapida azione dei soccorsi nell’Hudson. Gran parte dei passeggeri recuperati sono stati portati in un improvvisato centro d’accoglienza a Manhattan, affacciato sul fiume, avvolti da coperte ma in buone condizioni.

LE ALTRE TESTIMONIANZE – «Eravamo appena decollati quando abbiamo capito che qualcosa stava andando storto perché l’aereo ha cominciato una virata come per tornare all’aeroporto» ha raccontato un passeggero alla Cnn, «l’ammaraggio è stato morbido e sono quasi sicuro che tutti quelli che erano a bordo sono riusciti a uscire dalla carlinga e a essere soccorsi dalle imbarcazioni che hanno circondato l’aereo». A bordo, ha aggiunto, c’erano molti bambini. Molti hanno usato gli scivoli di emergenza come gommoni e altri sono stati soccorsi dopo che si erano arrampicati sulle ali. L’Airbus non riusciva a prendere quota dopo il decollo, secondo una testimone, citata dall’Associated Press. «Perché vola così basso?», si è chiesta Barbara Sambriski. «E poi ha fatto splash, è finito sull’acqua».

(corriere.it)

APPROFONDIMENTI:

– sito US Airways

Categoria: Cronaca, Incidenti/Inconvenienti - Tags: , , ,

DECOLLA LA NUOVA ALITALIA. PRIMO VOLO ALLE 6:30

Tempo di lettura: 3 minuti

AZE’ decollata la nuova Alitalia. Il primo volo nazionale della nuova compagnia di bandiera  (l’AP2853)  Il volo, partito alle 6.30, con venti minuti di ritardo e atterrato all’aeroporto di Roma Fiumicino alle 7.25, segna il battesimo della nuova compagnia italiana.

A bordo del volo 159 passeggeri tra cui molti politici, costretti ad una lavataccia dalla soppressione dei due collegamenti successivi di Alitalia tra Palermo e Roma. E a fare le spese dei primi tagli dei voli sono stati anche molti cittadini. “Non è un buon inizio – commenta Maria Caliri, docente universitaria palermitana in viaggio per New York – mi hanno avvertito solo ieri che il mio aereo delle 7.20 Alitalia per Roma era stato soppresso e che avrei dovuto prendere questo AirOne delle 6.10. Non mi pare un disservizio da poco”. “E temo – aggiunge – che ci saranno problemi, almeno per oggi, anche per l’accredito dei punti millemiglia Alitalia per chi ha volato AirOne”. “Sono disagi comprensibili – commenta Carmelo Rampolla, dirigente di una multinazionale, anche lui in viaggio per Roma – cerchiamo di essere ottimisti, sono certo che la privatizzazione porterà una maggiore efficienza”. Poco incline all’ottimismo il portavoce di Italia dei Valori Leoluca Orlando, tra i passeggeri. “Questa della nuova Alitalia – commenta – è un’operazione assolutamente negativa per il paese e a farne le spese saranno i cittadini, costretti a pagare il regalo che Berlusconi ha fatto ai suoi amici imprenditori”
Leggi il resto dell’articolo

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Cronaca - Tags:

SLOT SCADUTI, ENAC METTE A TERRA AIR ITALY

Tempo di lettura: 1 minuto

Air italyL’Enac ferma i voli di Air Italy da Linate. E a Milano si apre una guerra degli slot, le fessure o bande orarie che danno diritto ad atterrare e decollare da un aeroporto. Una contesa diversa dalla battaglia politica della Lega per liberalizzare i diritti di volo di Malpensa, ma significativa per lo sviluppo (o l’affossamento) della concorrenza nei cieli.
L’ente dell’aviazione ha comunicato l’«interdizione» alla compagnia a volare nelle tratte Linate-Napoli e Linate-Bari da oggi, lunedì 12 gennaio, «a causa della scadenza dell’autorizzazione provvisoria per l’utilizzo degli slot rilasciati dall’ente durante le festività invernali».
Air Italy ha cominciato questi voli il 23 dicembre, con un’autorizzazione valida fino a ieri. «La compagnia era stata autorizzata ad utilizzare alcuni slot disponibili, in quanto temporaneamente non utilizzati da Alitalia, per garantire i collegamenti tra Milano e Napoli e Bari durante un periodo di intenso traffico quale quello natalizio», ha precisato l’Enac.
Nella realtà le cose sembrano stare diversamente. La compagnia guidata da Giuseppe Gentile ha chiesto l’estensione dell’autorizzazione provvisoria a Linate oltre l’11 gennaio, in quanto la capacità di Linate è sottoutilizzata. Questo in seguito alla riduzione di voli, circa il 30% su tutta la rete, programmata dalla «nuova Alitalia». La compagnia, risultante dalla somma tra la polpa dell’ex vettore pubblico e Air One, decollerà il 13 gennaio con circa 670 voli al giorno, rispetto ai 1.050 fatti dai due vettori nel gennaio 2008.

(ilsole24ore.com)

APPROFONDIMENTI:

– sito Air Italy

– sito ENAC

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Cronaca, Enti e Istituzioni - Tags: , , , , ,

AEROPORTO MALPENSA: PROBLEMATICA DELLA LIBERALIZZAZIONE DEI COLLEGAMENTI

Tempo di lettura: 1 minuto

ENAC

 In riferimento alla problematica della liberalizzazione dei collegamenti dell’aeroporto di Malpensa, l’ENAC nel ricordare che tutti i collegamenti intracomunitari sono liberalizzati per i vettori comunitari, segnala che finora ha autorizzato, in linea con gli indirizzi del signor Ministro delle Infrastrutture e Trasporti, tutti i collegamenti extracomunitari richiesti anche al di fuori degli accordi bilaterali vigenti.
Tali autorizzazioni sono state rilasciate in via provvisoria, in vista della rinegoziazione degli accordi bilaterali medesimi.
Analogamente ENAC continuerà a prendere in considerazione ulteriori richieste di collegamenti tra Malpensa e paesi non comunitari.

(Comunicato Stampa ENAC)

APPROFONDIMENTI:

– sito ENAC

Categoria: Annunci, Enti e Istituzioni - Tags: , ,

VIAGGIO NELL’AEROPORTO FANTASMA DI SALERNO

Tempo di lettura: 4 minuti

Aeroporto di Salerno Lo scorso agosto, all’indomani del decollo del primo volo commerciale, stampa e politici locali lo avevano salutato come il nuovo «volano dell’economia campana» e il presidente della provincia di Salerno Angelo Villani era andato anche oltre dichiarando che lo scalo avrebbe assunto velocemente una «funzione strategica in un’ottica di attrattività del sistema turistico a livello nazionale e internazionale». Ma a soli quattro mesi da queste dichiarazioni entusiaste, «l’Aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi» ha sospeso tutte le tratte commerciali e ad atterare sullo scalo situato nel comune di Pontecagnano-Faiano nelle ultime due settimane sono stati solo jet privati e piccoli charter. A causare l’attuale sospensione dei voli sono gli scontri e i dissidi tra il Consorzio Aeroporto Salerno (compagnia che gestisce lo scalo, formata da importanti enti locali del territorio e che possiede il 91 % delle azioni della «Società Aeroporto di Salerno Spa»), la Gan (Global aviation network), società di Fiumicino che fino a poche settimane fa organizzava i voli di linea e la Orion Air, compagnia aerea spagnola alla quale la Gan si è rivolta per il noleggio degli aerei.
Leggi il resto dell’articolo

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Approfondimenti, Cronaca - Tags:

INCONVENIENTE AEREO PER FERNANDO ALONSO

Tempo di lettura: 1 minuto

AlonsoSolo un po’ di spavento, per fortuna, oltre che il jet privato seriamente danneggiato: Fernando Alonso ha chiuso le sue vacanze in Kenya con un piccolo incidente aereo che non ha comunque avuto conseguenze fisiche per lo spagnolo e per la moglie, con lui sull’apparecchio. Tutto è avvenuto all’aeroporto di Malindi: nel fare manovra per imboccare la pista di decollo, l’ala del velivolo ha impattato contro una palazzina andando poi in pezzi.

La velocità ridotta a cui è avvenuto lo scontro ha evitato guai anche al pilota dell’aereo, Alberto Fernandez e agli altri due passeggeri, i cognati dello spagnolo Ander Astrain e Marta del Rosario. Il gruppo Alonso era reduce da qualche giorno nella tenuta di Flavio Briatore, il “Lion in the sun”, a pochi chilometri da Malindi. Una vacanza molto riservata e non attorniata dalla consueta mondanità che in genere circonda il boss Renault: Fernando e i suoi parenti erano gli unici invitati di Capodanno di Briatore e della moglie Elisabetta Gregoraci. Giorni rilassati chiusi col botto: e con un sospiro di sollievo, specie dei ferraristi…

(sportmediaset.it)

Categoria: Cronaca, Incidenti/Inconvenienti - Tags: , , ,

IL 36° STORMO TORNA A DIFENDERE LO SPAZIO AEREO ITALIANO

Tempo di lettura: 1 minuto

Il 5 gennaio 2009 il 36° Stormo di Gioia del Colle (BA) dopo quasi 5 anni entra nuovamente a far parte del servizio di allarme nazionale e Nato con i velivoli Eurofighter Typhoon (F2000), un compito che portera’ l’importante base pugliese a diventare il punto focale della difesa aerea del sud mediterraneo. Alle ore 12.00 dello stesso giorno il personale del 36° Stormo iniziera’ ufficialmente ad essere impiegato nel servizio di difesa aerea nazionale, primario compito dell’Aeronautica  Militare garantito per 24 ore al giorno e 365 giorni l’anno. Lo comunica lo Stato Maggiore dell’Aeronautica  Militare. In dotazione al 36° Stormo a partire dal 1° ottobre del 2007, gli Eurofighter sono stati assegnati agli equipaggi del XII gruppo volo che, attraverso un serrato addestramento necessario alla ripresa del servizio di allarme, hanno raggiunto in poco meno di un anno l’ambizioso traguardo delle mille ore di volo. Questo addestramento non ha coinvolto i soli equipaggi di volo ma l’intera base che ha dovuto subire profonde trasformazioni procedurali ed infrastrutturali. Una trasformazione passata anche attraverso il contestuale trasferimento del 156° Gruppo volo caccia bombardieri presso il 6° Stormo di Ghedi (BS). Il 36° stormo affianchera’ nel servizio di difesa aerea nazionale il 4° stormo di Grosseto, il 5° stormo di Cervia (RA) ed il 37° stormo di Trapani.

(Comunicato Stampa Aeronautica Militare Italiana)

(un Eurofighter dell’Aeronautica Militare e, dietro, un AWACS, velivolo radar della NATO, impiegato per la difesa dello spazio aereo. Foto TROUPE AZZURRA)

Categoria: Aeronautica, Cronaca - Tags: , ,

AIR DOLOMITI PUBBLICA LIBRO SULLA PAURA DI VOLARE

Tempo di lettura: 1 minuto

E’ con molto piacere che riportiamo sul nostro portale questa importante iniziativa di Air Dolomiti: la pubblicazione di un libro sulla paura di volare.

‘Volate sempre rilassati’ è un libro che affronta il fenomeno dell’aerofobia.

Il progetto nasce dalla consapevolezza che molti viaggiatori soffrono di questo disagio e spesso sono costretti ad utilizzare l’aereo come mezzo di trasporto, vivendo quindi con ansia l’esperienza del volo.
La paura di volare infatti è molto diffusa: questo volume nasce da voci competenti e mira a venire incontro ai viaggiatori più diffidenti.

Ricco di immagini, di spiegazioni e consigli, il volume è il risultato dell’esperienza e professionalità di due importanti figure: quella del Comandante Fabio Cassan, in forza in Air Dolomiti da molti anni e con esperienza di trainer e quella della psicologa Laura del Fabro, da anni attiva nell’organizzazione di seminari per volare rilassati.

Con semplici istruzioni e qualche raccomandazione alla fine del libro la paura svanirà lasciando posto al fascino e alla voglia di esplorare un mondo ricco di suggestioni.

Il volume è acquistabile anche da questo link

(Air Dolomiti – Spazio Italia)

 

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , , ,

UN VOLO VERDE COL KEROSENE E L’OLIO DI SEMI

Tempo di lettura: 3 minuti

B747L’aeronautica sta vivendo dei giorni molto verdi. Martedì un Jumbo jet ha volato per due ore sulla Nuova Zelanda con la più alta concentrazione di carburanti ecologici mai sperimentata su un velivolo di linea; la propulsione è stata fornita da olio vegetale di jatropha mescolato al kerosene. Mercoledì 7 gennaio l’esperimento sarà ripetuto negli Stati Uniti con una mistura di jatropha e di alghe e di nuovo il 30 di questo mese in Giappone usando l’olio di camelina. L’industria del trasporto aereo in tutto il mondo è sotto pressione per consumare meno carburante ed emettere meno anidride carbonica. Una grande spinta all’uso di carburanti alternativi è venuta dal balzo dei prezzi del petrolio che a luglio ha superato i 147 dollari al barile, ma anche adesso che c’è un riflusso al di sotto dei 40 dollari lo stimolo non è venuto meno; le prospettive a lungo termine del prezzo del greggio inducono a insistere con la ricerca di alternative e in ogni caso bisogna ridurre l’emissione di CO2.
Leggi il resto dell’articolo

Categoria: Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Cronaca - Tags: , , , ,