BIRD STRIKE DEL 10 NOVEMBRE 2008 A CIAMPINO: AGGIORNAMENTO SU ISPEZIONE DEI MOTORI

 

In riferimento all’ispezione sui motori del B737 coinvolto nel Bird Strike a Ciampino, di cui avevamo già riferito sul nostro portale, ANSV ha diramato un aggiornamento:

Nell’ambito dell’ispezione in atto sui propulsori del B737 coinvolto in un bird strike, lo scorso 10 novembre 2008, sull’aeroporto di Roma Ciampino, l’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (ANSV) informa che, a seguito del disassemblaggio del motore destro, è stata confermata la presenza di materiale organico (uccelli) lungo i diversi moduli del motore.
Campioni di tale materiale organico sono stati prelevati per verificarne con certezza la compatibilità con la tipologia di uccelli (storni) che hanno impattato contro il velivolo. Non sono emerse rotture meccaniche dei diversi componenti e accessori del motore in questione. L’ispezione, effettuata presso gli stabilimenti della General Electic Aviation di Cardiff (Galles, UK), procede con il disassemblaggio del motore sinistro.
Si ricorda che all’ispezione, condotta sotto la supervisione del personale dell’ANSV, in quanto autorità investigativa competente per l’inchiesta tecnica relativa all’incidente occorso a Roma Ciampino, partecipano i rappresentanti delle autorità investigative di Francia (BEA), Irlanda (AAIU Irlanda) e Stati Uniti (NTSB), unitamente a rappresentanti della autorità dell’aviazione civile statunitense (FAA), della Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA), della compagnia aerea coinvolta nell’incidente, del costruttore del velivolo (Boeing) e del costruttore dei motori (CFM).
Si confida che dall’inchiesta in questione, la quale sta suscitando grande interesse in ambito internazionale, emergano risultati utili per mitigare le conseguenze negative derivanti dalle collisioni in volo con volatili. “

 

(ANSV)

 

 
   
 
   
 
   

Articolo scritto da JT8D il 14 Feb 2009 alle 3:30 pm.
Categorie: Incidenti/Inconvenienti - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus