CAI-ALITALIA: I RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE

Dieci milioni di passeggeri trasportati, riempimento medio del 59%, ricavi per 1.276 mln di euro, ma anche una perdita operativa netta di 273 mln. Quindi trasportato «sostanzialmente in linea con le attese» ma risultato inferiore del 6% al budget. Sono i dati consolidati di gruppo del primo semestre presentati oggi dall’a.d. Rocco Sabelli al cda Alitalia-CAI, con un’analisi che conferma l’obbiettivo di pareggio entro tre anni dall’avvio delle attività. Sotto il profilo operativo, nel secondo trimestre le cancellazioni medie giornaliere sono dell1% ma la puntualità è di poco più del 70%, quasi dieci punti meno dell’obbiettivo. Nessun dato è stato fornito per l’intero semestre. «A condizionare tale situazione è, soprattutto, la performance delle partenze dall’Aeroporto di Roma Fiumicino con effetti sull’intera rete», dice Alitalia che annuncia «un importante progetto integrato, teso al rinnovamento della logistica, dei processi e dei sistemi delle proprie operazioni di scalo sull’aeroporto romano.»«Significativamente migliore rispetto alle previsioni» la posizione finanziaria netta di 770 mln, con 370 mln di cassa e 490 mln di liquidità comprese le linee di credito non utilizzate. Il debito sulla flotta è di 949 mln.
La compagnia insiste molto sul contesto negativo di mercato, con un calo medio del 30% secondo IATA, la ricostruzione del portafoglio prenotazioni e le difficoltà di integrare le ex concorrenti Alitalia ed Air One. L’integrazione operativa tra le due compagnie - aggiunge l’azienda in una nota - comprende oggi network e politiche commerciali, call center, sistemi informatici per le operazioni e le prenotazioni, acquisto e accettazione, manutenzione, centri controllo operazioni e funzionamento di Fiumicino.
Altra chiave di lettura suggerita da CAI è la tendenza al miglioramento. Il riempimento è cresciuto dal 51% del primo trimestre al 65% del secondo e luglio, isolatamente, fa intravedere il 72% e 2,2 mln di passeggeri. Le perdite operative sono scese da 210 mln el primo trimestre a 63 mln nel secondo. La quota di mercato «attraverso il canale intermediato» è del 50% in Italia e del 20% all’estero, ancora inferiore alla somma di Alitalia ed Air One del 2008 ma sette punti superiori rispetto alla partenza in gennaio.

Il cda ha esaminato anche i rapporti con l’amministrazione straordinaria della vecchia Alitalia-LAI. In caso di mancato accordo con Augusto Fantozzi per le rate da versare entro la scadenza del 14 agosto si passerà all’arbitrato, con decisione attesa entro l’11 settembre. In compenso l’11 luglio è stato concluso un contratto per i servizi di amministrazione, finanza, sistemi informativi e gestione del personale della vecchia Alitalia.

(G. Alegi - www.dedalonews.com)

Articolo scritto da JT8D il 30 Lug 2009 alle 11:01 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus