FAA ED EASA EMANANO PRESCRIZIONE DI AERONAVIGABILITA’ PER LA SOSTITUZIONE DEI PITOT SU A330/A340

È stata pubblicata nei giorni scorsi la Airworthiness Directive (prescrizione di aeronavigabilità) definitiva con la quale la Federal Aviation Administration statunitense impone la sostituzione di alcuni i pitot di produzione Thales con un modello Goodrich. La AD scaturisce - senza mai citarlo - dall’incidente dell’Airbus A330-200 sparito nell’Atlantico in Giugno , nel quale l’autopilota ricevette dati di velocità inaffidabili, tanto da spingere i piloti Air France a chiedere l’immediata sostituzione dei pitot Thales. Altri casi analoghi si erano verificati su altri velivoli Airbus equipaggiati con pitot Thales. Il provvedimento FAA non attribuisce al pitot l’incidente Air France, sul quale l’indagine tecnica da parte del BEA francese è ancora in corso, ma richiede comunque la sostituzione del pitot Thales legandola ad altre segnalazioni di eventi non catastrofici occorsi ad altri aerei. Quel modello di pitot - scrive ora la FAA - «non ha ancora dimostrato lo stesso livello di robustezza per sopportare i cristalli di ghiaccio ad alta quota dei pitot Goodrich P/N 0851HL.

Anche EASA ha pubblicato una prescrizione di aeronavigabilità: dal 7 gennaio 2010 gli Airbus A330/A340 non potranno più montare alcun pitot Thales AA, mentre la presenza del modello BA sarà limitata alla sola posizione del primo ufficiale con obbligo di montare i pitot Goodrich nelle altre due. È quanto prescrive la Airworthiness Directive (prescrizione di aeronavigabilità, AD) adottata dalla European Aviation Safety Agency (EASA) dopo circa un mese di consultazioni. La proposta è leggermente meno rigida di quella della FAA americana (leggi sopra) , che ha completamente vietato i pitot Thales. In luglio EASA aveva precisato che la sostituzione era «una misura precauzionale» e che la proposta era stata «concordata con Airbus». Ora EASA ribadisce che i pitot BA sono stati nuovamente provati in galleria del vento «senza identificare alcun aspetto di sicurezza» nell’ambito dei parametri di certificazione per l’impiego in condizioni di ghiaccio

(G. Alegi - www.dedalonews.com)

Articolo scritto da JT8D il 9 Set 2009 alle 6:12 pm.
Categorie: Enti e Istituzioni, Incidenti/Inconvenienti, Industria - Tags: , , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus