BOEING TRAINING: MENO SIMULATORI “FULL FLIGHT”

Migrare l’addestramento dei piloti dai simulatori “full flight” a quelli statici. È una delle proposte avanzate da Sherry Carbary, vice presidente dei servizi addestrativi di Boeing Commercial Aircraft nel corso del convegno Asia Pacific Aviation Training Symposium (APATS) svoltosi la settimana scorsa a Hong Kong. Secondo Carbary il settore deve essere unito - spiega il riassunto diffuso da Boeing - per ridurre i costi addestrativi, aumentare l’efficienza e adottare programmi di formazione basati sulle competenze. «Data la tecnologia oggi disponibile e quella che lo diverrà domani, le compagnie aeree devono riconsiderare l’addestramento da fare con i simulatori e ciò che può essere fatto in modo più efficiente con apparati addestrativi fissi e sistemi di apprendimento basati sul web.» Sempre secondo Carbary, la versione beta del programma Boeing per la Multi-crew Pilot License (MPL) avrebbe confermato di poter formare primi ufficiali da zero. Boeing ritiene che il passaggio dall’accumulazione di ore di volo ad una competenza dimostrata sarà la strada per dare alle compagnie aeree i piloti di jet di linea necessari per la crescita delle flotte nei prossimi venti anni.

(G. Alegi - www.dedalonews.com)

Articolo scritto da JT8D il 14 Set 2009 alle 6:18 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus