4 NUOVI VOLI DA TORINO PER RYANAIR

Poker di nuovi collegamenti per il network da Torino di Ryanair. È stato annunciato, in una conferenza stampa congiunta tra la low cost irlandese, la Regione Piemonte e la Sagat, società di gestione di Caselle, la joint venture per l’ampliamento dell’offerta del vettore dallo scalo subalpino. “I nuovi voli per Bari, Brindisi e Madrid prenderanno il via a partire da gennaio 2010 - annuncia Lesley Kane, responsabile marketing e vendite per l’Europa di Ryanair -. Dall’estate 2011 si aggiungerà un’altra destinazione, al momento in via di definizione”. Il progetto, di durata biennale, si pone l’obiettivo di movimentare 400mila pax per il vettore e implica “un investimento da parte nostra pari a 1,5 milioni di euro l’anno - spiega Mercedes Bresso, presidente della Regione Piemonte -. A questa operazione si affianca anche quella relativa allo scalo di Cuneo Levaldigi, per cui stiamo lavorando, sempre in accordo con Ryanair”.

“Ci aspettiamo di superare Alitalia entro il 2012″. Con queste parole Lesley Kane, responsabile marketing e vendite per l’Europa di Ryanair ha sottolineato l’impegno del vettore sull’Italia. “Da e per il bacino italiano abbiamo ci poniamo l’obiettivo di movimentare 18 milioni di pax nel 2009 - spiega -, di cui 4 milioni solo nel network domestico”. Una dichiarazione di guerra fatta in occasione del lancio dei nuovi voli dallo scalo torinese: “Il volo che partirà nell’estate 2011 dovrebbe essere a vocazione marcatamente incoming” prosegue Kane. Questo non significa però che il vettore intenda fare dello scalo di Caselle una propria base operativa: “Di sicuro l’impegno biennale, da qui all’autunno 2011 - aggiunge Maurizio Montagnese, presidente della Sagat, società di gestione dell’aeroporto -, è propedeutico perché Torino possa in un futuro diventare una base della low cost”.

(www.ttgitalia.com)

Articolo scritto da JT8D il 1 Ott 2009 alle 5:56 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus