PRESENTATO A TOLOSA L’ATR 72-600

ATR ha presentato il primo velivolo della nuova serie -600. Il prototipo dell’ATR 72-600, è stato mostrato nel corso di una cerimonia che si è svolta a Tolosa. Lanciata nell’ottobre 2007, la nuova serie -600 ha seguito il programma di sviluppo secondo il calendario prefissato per i due modelli, l’ATR 72-600 e l’ATR 42-600. L’ATR 72-600 presentato oggi, che ha iniziato la sua campagna di prove volo a luglio 2009, è equipaggiato con nuovi motori Pratt & Whitney 127M. Questi nuovi motori permettono una potenza termodinamica al decollo maggiorata del 5%, ottimizzando così le prestazioni su piste corte, nel caso di temperature calde e su piste ad alta altitudine. L’adozione della “funzione boost” permette l’uso della potenza aggiuntiva solo quando necessaria, se richiesta dalle condizioni al decollo. Con l’obiettivo di aumentare il carico dell’aereo, il peso massimo al decollo dell’ATR 72-600 può ora raggiungere 23.000 Kg.
Il primo velivolo della nuova serie entrerà in servizio nel 2011. Ad oggi ATR ha già registrato ordini per 59 nuovi aerei, 5 ATR 42-600 e 54 ATR 72-600.
L’ ATR 72-600 è anche il primo velivolo equipaggiato con una nuova suite avionica di ultima generazione, specificamente sviluppata per la serie -600. Il nuovo cockpit, che integra 5 schermi LCD, è anche attrezzato con un nuovo computer multi-funzione (MPC - Multi Purpose Computer) che consente l’integrazione ottimizzata di tutti i sistemi e una migliore e più veloce capacità di calcolo. Il nuovo MPC semplificherà inoltre le operazioni di manutenzione dell’aereo. L’avionica dell’ATR 72-600 integra un autopilota che sarà certificato CAT IIIA. Inoltre l’avionica del nuovo ATR -600 migliora le prestazioni di navigazione richieste (RNP), facilitando così avvicinamenti più diretti agli aeroporti, specialmente a quelli più congestionati, offrendo una riduzione ancora maggiore nel consumo di combustibile.

(M. Landi - www.dedalonews.com)

Articolo scritto da JT8D il 1 Ott 2009 alle 7:19 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus