AEA: SERVONO CAMBIAMENTI A MEDIO TERMINE

“Cambiamenti necessari sul medio termine nel trasporto aereo”. Si conclude con questo appello l’assemblea dell’Aea, l’associazione delle compagnie aeree europee, svoltasi a Dubrovnik e che ha fatto il punto sulla situazione del comparto. “Nel 2009 le compagnie Aea contano di movimentare 22 milioni di passeggeri in meno rispetto al 2008 - riporta una nota dell’associazione - con una conseguente contrazione del segmento premium”. Quanto ai conti, “ci si apettano perdite operative per 2,9 miliardi di euro, il 50% in più rispetto al periodo più nero vissuto dal comparto nel 2001 - prosegue la nota -. Nel corso dell’anno sono stati tagliati 35mila posti di lavoro, a cui si sommano altri 60mila posti di lavoro andati persi nell’indotto”.

L’Aea inoltre va all’attacco contro gli aumenti tariffari. “Gli aeroporti e i fornitori di servizi si comportano come monopoli incontrollati incrementando i costi e vanificando tutti gli sforzi delle compagnie aeree nella riduzione dei costi interni”. Queste le dure parole di Ivan Misetic, ceo di Croatia Airlines e chairman per il 2009 dell’Associazione delle major europee. L’Assemblea Aea, svoltasi nei giorni scorsi a Dubrovnik, rinnova così l’appello agli enti di vigilanza del settore perché si implementino le normative vigenti, con l’obiettivo di moderare i costi dovuti al controllo del traffico e alle tariffe aeroportuali. La reazione alla crisi da parte dei vettori è stata quella di abbassare la produzione nella stagione estiva, “ma con l’avvio della stagione invernale - sottolinea Misetic -, in mancanza di una ripresa concreta, ci troviamo dinanzi a una scelta difficile: o abbassare ancora la capacità o rischiare l’integrità dei nostri prodotti”.

(www.ttgitalia.com)

Articolo scritto da JT8D il 20 Ott 2009 alle 1:25 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Enti e Istituzioni - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus