NUOVO TERMINAL A NAPOLI

Inaugurato il nuovo terminal dell’aeroporto di Napoli. Nel corso della cerimonia sono stati presentati da Mauro Pollio, amministratore delegato BAA Italia e dal presidente ENAC Vito Riggio, tutti gli investimenti infrastrutturali realizzati dal 1998 ad oggi dalla società di gestione dell’aeroporto di Napoli, che hanno completamente riconfigurato l’intero scalo passeggeri. Gesac - società di gestione dell’aeroporto internazionale di Napoli - ha già investito, ad oggi, circa 209 milioni di euro, di cui 118 auto finanziati e 91 finanziati con fondi pubblici (In particolare, degli investimenti finanziati con fondi pubblici circa 66 milioni di euro sono stati investimenti realizzati con i Fondi PON 2006/2013) per lo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi e continuerà a realizzare una serie di lavori di ampliamento e di ottimizzazione che riguarderanno tutte le aree aeroportuali, per uno scalo al servizio del passeggero ancor più funzionale, sicuro e confortevole.

Capodichino - foto Repubblica.it


«Il terminal inaugurato oggi - ha dichiarato il presidente dell’ENAC, Vito Riggio - è una fondamentale infrastruttura aeroportuale del Mezzogiorno realizzata con i fondi strutturali, affidati dal Ministero dei Trasporti all’ENAC e da questi, grazie ad accordi con le Regioni, ad imprese private, a cominciare dalle società di gestione degli aeroporti come Gesac. Il risultato dell’azione dell’ENAC, pur a fronte di risorse contenute - è stato eccellente, come hanno riconosciuto sia l’Unione Europea, sia gli organi di controllo come la Corte dei Conti. Sicurezza, operatività, ambiente e qualità del servizio sono stati i parametri su cui si è voluto far evolvere l’offerta aeroportuale di Napoli e del Sud, indirizzandola verso un assetto integrato, in grado di assicurare un livello di mobilità in linea con le attese dei cittadini e delle imprese, con tempi e costi competitivi, con una dotazione di servizi utili a favorire il migliore equilibrio tra domanda e offerta, rispondendo a standard ambientali e di sicurezza di livello europeo». «Lo scalo di Napoli - ha aggiunto Pollio - ha subito in questi anni un’importante trasformazione. Basti solo ricordare che cos’era questo aeroporto agli inizi degli anni ‘90. Con la privatizzazione ed il subentro di BAA, società inglese leader nel mondo nella gestione aeroportuale, che ha preso un chiaro impegno all’atto della privatizzazione, oggi il territorio può godere di un’infrastruttura di tutto rispetto soprattutto in termini di sicurezza e qualità del servizio offerto al passeggero, grazie soprattutto agli ingenti investimenti realizzati in questi anni. La nuova facciata esterna dell’aerostazione rappresenta dunque l’esempio più evidente di tale processo di ottimizzazione delle infrastrutture dello scalo. La privatizzazione dell’aeroporto di Napoli, primo aeroporto italiano ad essere privatizzato, ha rappresentato dunque un’operazione di successo, una sfida che gli enti locali e la BAA, hanno superato e vinto. Oggi, possiamo affermare di aver completamente adempiuto agli impegni assunti con il territorio, dotando la città e la nostra regione di un aeroporto europeo conforme ai più elevati standard internazionali».
invia l’articolo per posta elettronica.

(M. Landi, dedalonews.it)

 

APPROFONDIMENTI:

- sito GESAC - Aeroporto di Napoli Capodichino

Articolo scritto da mcgyver79 il 11 Gen 2010 alle 11:36 am.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus