PARTIRA’ A FINE FEBBRAIO MERIDIANA FLY

Decollerà alla fine di Febbraio l’operazione Meridiana Fly. “Fermeremo le macchine Meridiana la notte tra il 27 e il 28 febbraio - annuncia Massimo Crippa, direttore commerciale di Eurofly - e questo segnerà il passaggio del ramo aviation di Meridiana in Eurofly. Dopo un’ora gli aeromobili voleranno sotto l’egida Meridiana Fly”. L’operazione, che coinvolgerà nel complesso 36 aeromobili, comporterà anche lo spostamento della sede dell’azienda a Olbia. “Dal punto di vista industriale questo progetto prevede un apporto di 40 milioni di euro da parte dell’azionista di maggioranza - entra nel dettaglio Crippa -, con un ulteriore apporto di 30 milioni di euro da parte del mondo finanziario”. Apporto che verrà fornito dall’Aga Khan Fund for Economic Development: “Volendo far rientrare nei tempi previsti l’operazione e non avendo ancora raccolto la somma prevista, l’Akfed provvederà così a elargire un prestito ponte per l’equivalente di 30 milioni di euro”. Obiettivo finale dell’operazione, “l’integrazione dei servizi di linea e charter nell’ottica di una maggior produttività degli aeromobili”. Nasce così un nuovo modello ibrido “che vuole racchiudere in sé alcuni aspetti dei vettori low cost, dei full carrier e dei vettori charter - spiega Crippa -. Il codice operativo rimarrà quello di Meridiana, ma in questo modo ci caratterizziamo rispetto al panorama italiano”.

Cambia il modello di business ma resta invariata la strategia distributiva di Meridiana Fly. “Meridiana e Eurofly dispongono già di un sistema di distribuzione integrato - spiega Massimo Crippa- e per il momento non intendiamo variarlo”. Non è escluso che la compagnia possa evolvere i propri canali distributivi in un futuro, “ma questo potrebbe essere uno step successivo, da valutare una volta testata l’efficienza della nostra operatività”.

(www.ttgitalia.com)

Articolo scritto da JT8D il 22 Feb 2010 alle 6:51 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus