IATA: IL BLOCCO DEI VOLI COSTA 200 MILIONI DI DOLLARI AL GIORNO

Costa oltre 200 milioni di dollari al giorno, per le compagnie aeree, la paralisi dei cieli per l’eruzione del vulcano islandese. È quanto afferma la Iata facendo un primo resoconto di queste difficilissime giornate negli aeroporti dell’Europa. Eurocontrol prevede che alla fine della giornata di oggi risulteranno cancellati circa 17mila voli (oltre il 60% dei 28mila voli che giornalmente solcano i cieli europei). Ieri erano stati annullati quasi 8mila voli. Ripercussioni anche in Italia con 59 voli cancellati a Fiumicino e 45 a Bologna. In Belgio la chiusura dello spazio aereo è stata prolungata almeno fino alle 10 di domani, in Olanda fino alle 6. In Gran Bretagna oggi non si vola. Dopo le 18 potrebbero riprendere solo i collegamenti tra la Scozia e l’Irlanda. In Svezia e in Norvegia decollerà qualche volo domestico, ma i tre hub della scandinavi, Oslo, Copenaghen e Stoccolma, sono chiusi. In Francia restano chiusi 25 aeroporti. Questa sera alle 20 dovrebbero riaprire gli aeroporti di Parigi Charles de Gaulle e Orly. In Germania sono chiusi gli aeroporti di 11 città.

(www.ttgitalia.com)

Articolo scritto da JT8D il 16 Apr 2010 alle 6:05 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze, Enti e Istituzioni - Tags: , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus