Archivio del dom Apr 2010

DALLE ORE 7 DI DOMANI LUNEDI’ 19 APRILE RIAPRE LO SPAZIO AEREO ITALIANO

Tempo di lettura: 1 minuto

Domani alle 7 riapre lo spazio aereo italiano, per tutti i voli, come indicato nel seguente comunicato di ENAC:

“L’Enac comunica che, sulla base del Bollettino “Met Office – Volcanic Ash Advisory Centres”, circa lo stato della nube vulcanica islandese, è risultato confermato il miglioramento della situazione sull’area del Nord Italia.
Pertanto l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha disposto la riapertura dell’intero spazio aereo italiano a tutti i voli, a partire dalle ore 7:00 antimeridiane (ora italiana) di lunedì 19 aprile.”

(Ufficio Stampa ENAC)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Enti e Istituzioni - Tags: , , , , ,

CENERE VULCANICA: TEST POSITIVI PER LE COMPAGNIE. ORA SI CHIEDE DI RIESAMINARE LE MISURE PRESE

Tempo di lettura: 2 minuti

Il portavoce della Lufthansa, Aage Duenhaupt, ha riferito che la compagnia tedesca ha fatto volare dieci aerei (tra Airbus A340 e Boeing 747-400) da Monaco di Baviera a Francoforte, per lo più su una quota di 3.000 metri (ovvero ben al di sotto dello strato di ceneri vulcaniche) ma con puntate fino a 8.000 metri di quota.    “Tutti gli aerei – ha detto Duenhaupt – sono stati ispezionati al loro arrivo a Francoforte e non presentavano danni né ai finestrini della cabina di pilotaggio, né alla fusoliera né ci sono state conseguenze per i motori”.  (Fonte: ANSA)

Dopo KLM, anche Air France ha comunicato che i voli test effettuati fin’ora non hanno dato problemi: la stessa cosa ha fatto Air Berlin, che in un comunicato è stata durissima verso il blocco, affermando che la chiusura è avvenuta unicamente sulla base di una simulazione al computer e criticando il fatto che non vi siano state misurazioni reali della quantità di cenere ad esempio con palloni sonda. Niki Lauda ha effettuato un volo test con un A320 Niki sui cieli di Salisburgo e Vienna, anch’esso senza nessun problema durante il volo o riscontrato a terra durante le verifiche. Lauda ha compiuto il volo con altri due piloti, mentre è rimasto a terra un gruppo di giornalisti che erano stati invitati a partecipare all’evento, ma il cui imbarco è stato vietato dall’organismo austriaco di controllo del volo. In generale le compagnie aeree aderenti all’AEA, in base ai molti test effettuati oggi in Europa e tutti con esito positivo, chiedono ora un immediato riesame delle misure finora adottate in Europa e chiedono di valutare se le misure finora adottate siano effettivamente proporzionate con i  rischi reali.

(Staff Md80.it)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Enti e Istituzioni - Tags: , , , , ,

LA SPAGNA RIAPRE AI VOLI

Tempo di lettura: 1 minuto

La Spagna ha riaperto tutti gli aeroporti del nord e dell’est del paese. Al momento inoltre non ci sono più restrizioni di volo nello spazio aereo spagnolo. Anche la Serbia e la Croazia hanno riaperto gli spazi aerei. Come hanno ripreso i voli da sei aeroporti del nord e del centro della Polonia. Gli aeroporti francesi a nord della linea Nizza-Bordeaux rimarranno chiusi almeno fino a martedì mattina, mentre sono stati riaperti gli aeroporti del sud del Paese.

(Fonte: ANSA.it)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , , , ,

NUBE VULCANICA: KLM OPERERA’ OGGI ALTRI NOVE VOLI TEST

Tempo di lettura: 1 minuto

KLM opererà oggi altri nove voli test, portando a dieci il totale dei voli effettuati. Questo in seguito al positivo riscontro del volo di test effettuato ieri, in cui non si sono incontrati problemi e dove si è rilevata una buona qualità dell’atmosfera. Sulla base di queste informazioni, l’autorità olandese di trasporto aereo, Inspectie verkeer en Waterstaat (IVW), ha concesso il permesso di operare ulteriori voli di prova oggi, Domenica18 aprile. KLM spera di riprendere le operazioni il più rapidamente possibile, in modo che i passeggeri possano essere trasportati alle loro destinazioni, pur chiaramente mantenendo come priorità la sicurezza delle operazioni. Il primo volo è decollato da Düsseldorf alle ore 06.30. A bordo dell’aereo non vi erano passeggeri. Altri sette aerei a Düsseldorf verranno portati uno alla volta a Schiphol nella giornata di oggi.

“Si tratta di voli di prova”, ha sottolineato il Presidente e CEO di KLM Peter Hartman. “Questo non significa che il traffico aereo normale è stato ripreso. La questione sarà decisa dalle autorità olandesi del trasporto aereo, in consultazione con le autorità europee “. Se tutti i voli verranno operati senza intoppi, KLM si augura di ricevere il permesso di riprendere parte delle sue operazioni il più rapidamente possibile. KLM lavorerà in stretto contatto con Lufthansa, che ha operato 10 voli di prova.

(Ufficio Stampa KLM)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , , , , ,

NUBE VULCANICA IN EUROPA: VOLO DI TEST KLM SENZA NESSUN PROBLEMA

Tempo di lettura: 1 minuto

KLM ha effettuato ieri dalle 19.45 alle 21 un volo di test con un Boeing 737-800, in modo da rilevare se vi siano le condizioni di sicurezza per volare. Il volo si è svolto senza nessun problema; dopo il volo il velivolo è stato trasferito in un Hangar per un attento esame tecnico, i cui risultati saranno trasmessi alle autorità aeronautiche competenti. Il CEO di KLM ha dichiarato che non vi sono ragioni per sospettare che qualcosa non vada, e non si sono rilevati problemi o irregolarità sia durante il volo che durante l’ispezione iniziale a terra. Se le successive ispezioni confermeranno ciò, KLM si dichiara pronta a riportare sette aeroplani da Dusseldorf ad Amsterdam, e spera che arrivino i permessi per poter riprendere le operazioni e trasportare i passeggeri verso le loro destinazioni.

Il velivolo ha volato fino a 41.000 piedi, e KLM aspetta i risultati completi finali dell’esame tecnico entro domani mattina.

(Ufficio stampa KLM)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , , , , ,

NUBE VULCANICA: LA SITUAZIONE PREVISTA PER OGGI

Tempo di lettura: 1 minuto

Secondo il comunicato di Eurocontrol, oggi sarebbero attesi in Europa più di 24000 voli, ma le stime indicano che ne giungeranno circa 4000.

Al momento attuale, i servizi di controllo del traffico non vengono forniti agli aeromobili civili nella maggior parte dello spazio aereo europeo, cioè Austria, Belgio, Croazia, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, gran parte della Francia, la maggior parte di Germania, Ungheria, Irlanda, Italia settentrionale, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Romania, Serbia, Slovenia, Slovacchia, Spagna del nord, Svezia, Svizzera, Ucraina e Regno Unito. In alcuni di questi settori lo spazio aereo superiore è disponibile, a seconda della zona e della contaminazione. Tuttavia, come ricordavamo ieri, è difficile accedere a questo spazio perchè molte delle aree circostanti sono interdette. In Europa meridionale, comprese alcune parti di Spagna, Portogallo, zona meridionale dei Balcani, Italia meridionale, Bulgaria, Grecia e Turchia, gli spazi restano aperti e si svolgono quindi i voli.

(Fonte: Eurocontrol)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Enti e Istituzioni - Tags: , , , ,

NUBE VULCANICA: ENAC DISPONE VOLO DI RICOGNIZIONE SULLE AEROVIE ITALIANE

Tempo di lettura: 2 minuti

ENAC ha disposto l’effettuazione di un volo di ricognizione per verificare lo stato delle aerovie interessate dalla nube:

“L’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha autorizzato l’Enav (Azienda italiana per l’Assistenza al Volo) ad effettuare stamattina un volo di ricognizione per controllare direttamente lo stato delle aerovie italiane interessate dalla nube vulcanica proveniente dall’Islanda.
Il volo viene effettuato da un velivolo Cessna Citation 2 del Reparto Radiomisure dell’Enav, con equipaggio di condotta comandato dallo stesso Dirigente Operazioni Volo dell’azienda.
La rotta della missione disposta dall’Enac prevede il decollo dell’aereo Enav da Ciampino nella mattinata odierna, la prosecuzione del velivolo sulla rotta Bolsena-Ferrara, con stabilizzazione a varie quote ed un avvicinamento all’aeroporto di Venezia Tessera; da qui l’aereo Enav riattaccherà direttamente per svolgere quindi un avvicinamento a Milano Linate, da dove, ugualmente senza atterrare, effettuerà il rientro a Ciampino attraversando a varie quote lo spazio aereo italiano lungo la direttrice Pisa-Grosseto.
Al termine di questo volo di ricognizione, il Cessna Citation 2 dell’Enav verrà condotto negli hangar di manutenzione di Ciampino per essere minuziosamente ispezionato; i motori verranno sbancati ed analizzati per verificare il loro stato di usura e l’eventuale presenza di particelle della nube vulcanica, anche nell’olio del motore.
Il Presidente dell’Enac, Vito Riggio, ha inoltre chiesto al Capo del Dipartimento per la Protezione Civile, Guido Bertolaso, di poter disporre prima possibile – attraverso l’Istituto Italiano di Vulcanologia – di appositi sensori in grado di rilevare e misurare la presenza di ceneri vulcaniche in quota, non rilevabili via radar. Ciò al fine di raccogliere al più presto ulteriori dati ed elementi di analisi da poter affiancare a quelli del bollettino europeo ed ai modelli matematici forniti a livello comunitario da Eurocontrol.”

(Ufficio Stampa ENAC)

Categoria: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori, Enti e Istituzioni - Tags: , , , , , , , ,