SEMESTRALE, EADS RIVEDE AL RIALZO LE STIME PER L’ANNO

Sfide nel settore governativo contro miglioramenti in quello commerciale e nelle prospettive macroeconomiche. È questo il quadro nel quale EADS legge i risultati del primo semestre 2010, nel quale ha registrato un utile netto di 185 milioni di euro, dimezzato rispetto ai 378 mln di un anno fa nonostante il fatturato stabile a quota 20,3 miliardi (+100 mln). EADS vede però il bicchiere mezzo pieno, tanto da alzare le aspettative per ordini (con Airbus ai livelli dell’anno scorso ed Eurocopter in leggero calo), fatturato (che dovrebbe toccare i 44 mld), utili e flusso di cassa (un pareggio al lordo dei finanziamenti ai clienti e purché arrivino gli anticipi dell’A400), purché il rapporto euro/dollaro nella seconda metà dell’anno si mantenga a quota 1,35. All’ottimismo contribuisce il portafoglio ordini, oggi a 454,5 mld contro i 389,1 di fine 2009, alimentato dalla crescita di Astrium e di Airbus, che a sua volta si giova della rivalutazione del dollaro per 56 mld di euro. Il solo portafoglio militare vale 56,6 mld, in calo di 700 mln rispetto a fine 2009. La sostanziale stabilità nel numero di aerei ed elicotteri consegnati (250 e 249 rispettivamente) non risolve tutti i problemi, spiega il gruppo. Le prove di volo del trasporto militare A400M procedono meglio del previsto, salvo il Flight Management System (sistema di gestione del volo, FMS) che si trova in una posizione «critica, con più sfide del previsto». L’A380 «continua a pesare in modo significativo sui risultati di fondo». «Le nostre priorità sono chiare», ha commentato l’a.d. Louis Gallois. «Accrescere l’efficienza nella produzione dell’A380, sviluppare l’A350 e finalizzare l’emendamento del contratto A400M con i paesi clienti.»

(G. Alegi - www.dedalonews.com)

Articolo scritto da JT8D il 31 Lug 2010 alle 2:36 pm.
Categorie: Industria - Tags: , , , , , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus