IL WARSAW CHOPIN AIRPORT SCEGLIE IL SERVIZIO ELISE DI AIRBUS

Varsavia Chopin Airport ha firmato un contratto per il servizio ELISE (Exact Interference Landing Simulation Environment) di Airbus, che aiuterà a migliorare ulteriormente le operazioni dell’aeroporto di Varsavia. ELISE è uno strumento di simulazione che verrà utilizzato in collaborazione con le aziende partner ARUP e Airsight: l’aeroporto di Varsavia è il primo cliente in Europa centrale e orientale per questo nuovo servizio di consulenza specialistica offerto da Airbus.

Sviluppata da Airbus in collaborazione con EADS Innovation Works - la sezione che si occupa di ricerca e sviluppo in EADS - insieme con la Ecole Nationale de l’Aviation Civile e la French Civil Aviation University, commercializzata da Airbus Business Nursery, questa tecnologia prevede le interferenze sul segnale degli impianti ILS di terra dell’aeroporto. Il segnale è infatti sensibile alle interferenze causate da oggetti vicino alla pista, quali altri aerei, edifici e oggetti vari. Il prevedere con precisione le interferenze, obiettivo per cui ELISE è finalizzato, consente di ottenere una high precision landing capability, garantendo le operazioni in tutte le stagioni, aumentando la capacità delle piste e riducendo le riattaccate. Consente inoltre l’ottimizzazione nell’utilizzo dello spazio a terra lato airside, dove gli edifici potranno essere costruiti in modo da non causare problemi all’ILS dell’aeroporto.

Questo accordo sottolinea l’impegno di Airbus nello snellire le operazioni, migliorare le performance operative e ridurre l’impatto ambientale del trasporto aereo. Permettere il miglior uso delle possibilità offerte dai moderni aeromobili, insieme agli aeroporti e agli enti ATC, è un fattore chiave al fine di migliorare le prestazioni operative a vantaggio di tutti i soggetti interessati.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 20 Apr 2012 alle 4:54 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus