ANA: OTTIMI RISULTATI PER L’ANNO FINANZIARIO 2011

ANA, il più grande gruppo aeronautico del Giappone, ha concluso lo scorso 31 marzo 2012 un ottimo anno finanziario. L’utile di esercizio e il risultato operativo degli ultimi 12 mesi hanno raggiunto livelli record, e riflettono le misure intraprese dal gruppo per stimolare la domanda e contenere i costi in uno scenario economico globale complesso. A dispetto delle possibili difficoltà che la compagnia dovrà affrontare nei prossimi 12 mesi, ANA prevede un ulteriore sviluppo positivo per l’anno finanziario in corso (1 aprile 2012 - 31 marzo 2013), puntando a migliorare le sue performance soprattutto grazie al suo ruolo di network carrier e all’investimento nel mercato dell’aviazione low cost in Giappone con una propria compagnia.

Nell’anno finanziario conclusosi alla fine di marzo 2012 la compagnia ha registrato una crescita del 43% dell’utile di esercizio, che ha raggiunto circa 883 milioni di euro. Il fatturato è cresciuto di circa il 4%, arrivando a circa 12,86 miliardi di euro, mentre l’utile netto è aumentato del 20,9%, per una cifra di 255,9 milioni di euro. ANA corrisponde agli azionisti un dividendo di 4 yen per azione.

Nei mesi passati la compagnia giapponese ha reagito positivamente alle sfide dell’attuale situazione economica - rappresentate dall’aumento dei costi del greggio, dalla fluttuazione dei cambi e dalla crisi in Europa - grazie ad una strategia atta a stimolare la domanda e migliorare la competitività, e varando un programma di riduzione dei costi che ha raggiunto ad oggi un valore di circa 270 milioni di euro e che continuerà in futuro. ANA, inoltre, è diventata la prima compagnia aerea al mondo ad operare con l’innovativo B787 Dreamliner, lanciando i primi voli sul mercato domestico nel novembre 2011 e inaugurando, lo scorso gennaio, la prima rotta intercontinentale da Francoforte a Tokyo/Haneda.

(Ufficio Stampa All Nippon Airways)

Articolo scritto da JT8D il 10 Mag 2012 alle 5:44 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus