CHIUSURA PISTA FONTANAROSSA: PRONTI A PARTIRE DA SIGONELLA

Il piano Sigonella 2012 predisposto da SAC è ormai pronto a partire. Oggi la presentazione ufficiale alla stampa da parte dell’Ad Nico Torrisi, del Direttore Generale SAC Renato Serrano e del Direttore Enac Ct Vincenzo Fusco. Nonostante i lavori straordinari alla pista, che sarà inagibile dalla mattina del 5 novembre - dopo la partenza dei primi voli da Fontanarossa che a seguire si posizioneranno su Sigonella - alle ore 24 del 5 dicembre, l’Aeroporto di Catania Fontanarossa “resta aperto” solo per le operazioni di check-in e controlli di sicurezza (partenze) e ritiro bagagli (arrivi). Si atterra e si decolla da Sigonella collegata a Fontanarossa da autobus navetta per il trasporto dei passeggeri e da furgoni per i bagagli.

Usurata da 50 anni di attività, la pista di Fontanarossa con i suoi 2560 metri di lunghezza sarà trasformata in un grande cantiere a cielo aperto dove squadre di operai specializzati lavoreranno H24 (notte e giorno, anche di domenica) per ricostruirla dalle fondamenta (scavando fino a 48 cm di profondità) e per accelerare il più possibile la riconsegna del manufatto. Si tratta di lavori straordinari di riqualificazione dell’Air Side che comprendono anche la realizzazione delle strip laterali di sicurezza.

Nei 30 giorni dei lavori – come è noto – i voli partiranno e arriveranno dalla pista della vicina base militare di Sigonella grazie a un accordo sottoscritto dall’Aeronautica Militare, dall’Enac e dalla società di gestione dello scalo di Catania, che sostiene gli ingenti oneri finanziari dell’operazione. Un caso unico, in Italia quello dell’aeroporto “aperto” con la pista interessata da lavori di manutenzione straordinaria. Di solito lo scalo chiude e il traffico viene spostato su aeroporti vicini. Non poteva accadere così per Catania dove Fontanarossa (il più grande della Sicilia e del Sud Italia, sesto fra gli scali italiani con circa 7 milioni di passeggeri all’anno) è per i siciliani di sette province l’unica infrastruttura dell’isola che garantisce la mobilità e il superamento della marginalità geografica.

Sul sito della SAC è pubblicato da venti giorni sia il Piano dei Voli - condiviso con le compagnie aeree che hanno accettato di spostarsi a Sigonella – sia le Istruzioni per il Volo, ovvero il vademecum bilingue (Ita/Eng) con tutte le informazioni relative a tempi, modi e luoghi utili ai passeggeri in transito su Fontanarossa. Una campagna informativa anche su supporti cartacei che interessa anche il Terminal per consentire a passeggeri e visitatori, occasionali o “frequent flyers”, di documentarsi sulle procedure in vigore dal 5 novembre.

“Per Sigonella 2012 – dice l’Ad Nico Torrisi che ha ringraziato la Direzione Enac di Catania e tutto il personale del Gruppo SAC impegnato fino al 5 dicembre nel piano di trasferimento dei voli – SAC mette in campo ingenti risorse in termini di uomini e mezzi per tenere fede al proprio senso di responsabilità nei confronti della Sicilia e dei siciliani. Saranno 30 giorni complessi e intensi. Disguidi e ritardi saranno presumibilmente inevitabili nonostante l’impegno di tutti. Per questo chiediamo ai passeggeri la massima collaborazione e, soprattutto, tolleranza. Il premio per questi 30 giorni di pazienza sarà un aeroporto perfettamente in regola con gli standard di sicurezza internazionali a disposizione dei siciliani e dei milioni di turisti che arriveranno in Sicilia nei prossimi anni”.

I primi voli mattutini di lunedì 5 novembre partiranno e arriveranno regolarmente da Catania Fontanarossa per posizionarsi nelle ore a seguire su Sigonella da dove saranno operativi per i successivi 30 giorni. Prima partenza alle 9.55 per Milano Linate (a seguire Roma Fiumicino alle 10.00). Primo arrivo alle 7.55 da Linate (da Fiumicino alle 8.45).

(Ufficio Stampa SAC)

Articolo scritto da JT8D il 31 Ott 2012 alle 7:17 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus