ENAC LANCIA APP GRATUITA PER PASSEGGERI CON DISABILITA’ E A MOBILITA’ RIDOTTA

Oggi, 3 dicembre, in occasione della “Giornata Internazionale dei diritti delle persone con disabilità”, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile si fa promotore di un’iniziativa legata alla realizzazione di un’ applicazione multimediale che nasce con l’obiettivo di diffondere informazioni pratiche sull’utilizzo del mezzo aereo da parte dei passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta (PRM). L’applicazione - App - potrà essere scaricata gratuitamente e utilizzata a partire dal gennaio 2013 su tre diverse piattaforme: Apple, Android e Windows Phone. Sarà disponibile nella versione in italiano, inglese, spagnolo e francese.

Il progetto si affianca a numerose altre iniziative realizzate dall’Enac in applicazione e a supporto delle normative comunitarie volte a facilitare l’utilizzo del mezzo aereo alle persone con disabilità o a mobilità ridotta, ricorrendo ai vari strumenti di comunicazione più in uso. I contenuti della App costituiranno una guida multimediale in grado di fornire informazioni sul tema dell’assistenza speciale e riprendono i temi già trattati nelle sezioni dedicate sul sito dell’Enac www.enac.gov.it.

L’applicazione, infatti, affiancherà il passeggero in modo diretto e efficace, utilizzando uno degli strumenti più in voga nella comunicazione moderna, al fine di mettere in evidenza le tutele e i diritti che spettano ai passeggeri a ridotta mobilità. Tra i contenuti della App, ricordiamo: Cosa è l’assistenza speciale e a chi è rivolta; Chi sono i passeggeri a mobilità ridotta (PRM); A chi e quando si deve richiedere l’assistenza; Chi fornisce l’assistenza in aeroporto e in volo; Cosa accade se l’assistenza non è stata richiesta; Cosa fare in caso di assistenza negata o non adeguata; Consigli pratici.

(Ufficio Stampa ENAC)

Articolo scritto da JT8D il 3 Dic 2012 alle 6:24 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze, Enti e Istituzioni - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus