FIRMATO ATTO DI PERFEZIONAMENTO DEL CONTRATTO DI PROGRAMMA TRA ENAC E SAVE

Dopo la firma del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di approvazione del contratto tra l’Enac e la Save, società di gestione dell’Aeroporto di Venezia, nel pomeriggio di oggi il Direttore Generale dell’Enac Alessio Quaranta ha firmato con Save l’atto di perfezionamento del contratto stipulato in ottobre. I contratti di programma regolamentano il rapporto tra lo Stato, rappresentato dall’Enac, e la società a cui è stata affidata la gestione dello scalo. Da una parte assicurano alle società di gestione di avere certezza delle entrate necessarie allo sviluppo del piano degli investimenti, dall’altra permettono all’Enac di disporre di strumenti più incisivi per svolgere il proprio ruolo di vigilanza e controllo sull’attuazione degli investimenti stessi che le società di gestione si impegnano a realizzare durante il periodo contrattuale.

Il Commissario Straordinario dell’Enac Vito Riggio evidenzia: “Con il perfezionamento odierno del contratto con Save si dà completa attuazione alla deroga alla normativa vigente in materia di regolazione tariffaria, prevista dalla Legge n. 102 del 3 agosto 2009 e successive modifiche. Con la stipula dei contratti in deroga, infatti, le società di gestione dei più importanti scali italiani - Roma Fiumicino, Roma Ciampino, Milano Malpensa, Milano Linate e Venezia - potranno rivitalizzare gli investimenti necessari per un efficace sviluppo del settore, anche in prospettiva dell’atteso incremento della domanda del trasporto aereo sul sistema nazionale dell’aviazione civile”. Il contratto di programma con la società Save con il relativo aggiornamento tariffario sullo scalo di Venezia entreranno in vigore, secondo i termini di legge, dopo sessanta giorni dalla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale.

(Ufficio Stampa ENAC)

Articolo scritto da JT8D il 28 Dic 2012 alle 5:32 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Enti e Istituzioni - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus