QATAR AIRWAYS INTRODUCE IL NUOVO CARBURANTE GTL

Qatar Airways ha introdotto il nuovo carburante GTL (Gas to Liquid jet fuel). Si tratta del primo nuovo tipo di carburante per uso aeronautico ad essere approvato a livello mondiale negli ultimi due decenni. Il volo Qatar Airways 001, operato con un Airbus A340-600, è stato il primo a decollare dall’aeroporto di Doha verso Londra Heathrow con carburante GTL. “Qatar Airways conferma la sua leadership nel campo della gestione ambientale nel settore dell’aviazione” - ha detto Akbar Al Baker, amministratore delegato di Qatar Airways – “Il nuovo carburante GTL costituisce un’alternativa ai carburanti tradizionali nel pieno rispetto dei più elevati standard internazionali dell’aviazione. Siamo da sempre impegnati a rispettare gli standard ambientali più elevati oltre che sfruttare le opportunità più innovative provenienti dalla ricerca nel settore per aumentare l’efficienza dei nostri voli”.

Il nuovo carburante GTL Jet è una miscela che comprende kerosene paraffinico sintetico (KPS) fino al 50% e soddisfa gli stringenti requisiti ASTM-D-7566, oltre che gli standard riservati ai normali combustibili usati dai jet (Jet A-1). Il nuovo carburante nasce da una progetto congiunto avviato da Shell e Qatar Petroleum nel sito di Pearl, il più grande impianto GTL del Qatar. Nel GTL lo zolfo è praticamente assente e anche le emissioni di polveri sottili di questo carburante sono più basse rispetto ai carburanti tradizionali. Il GTL offre quindi significativi vantaggi per le compagnie aeree e per la qualità dell’aria nelle zone limitrofe agli aeroporti. Il kerosene usato nel GTL ha una densità energetica maggiore rispetto ai convenzionali combustibili per aerei: ciò ha il potenziale di ridurre le esigenze di manutenzione dei motori e di ridurre il peso del carburante caricato a bordo dell’aeromobile.

(Ufficio Stampa Qatar Airways)

Articolo scritto da JT8D il 14 Gen 2013 alle 6:42 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus