IBERIA PRESENTA UNA NUOVA PROPOSTA DEL SUO PIANO AI SINDACATI DEI LAVORATORI

Iberia ha incontrato i rappresentanti sindacali del personale di terra, del personale di bordo e dei piloti, per la presentazione di una nuova proposta per portare avanti gli accordi raggiunti il 17 dicembre. La nuova proposta rappresenta un miglioramento sostanziale rispetto a quella iniziale, fatta il 9 novembre, in termini di numero di dipendenti interessati, entità dei tagli salariali e riduzioni di capacità, riflettendo gli sforzi della società per raggiungere un accordo positivo. Secondo la nuova proposta, i tagli al personale interesserebbero solo 3.147 persone, circa il 30% in meno rispetto al valore iniziale di 4.500 persone, e l’uso prioritario del programma di cassa integrazione in corso fino al 2015, fino a quando un accordo con i sindacati sarà raggiunto.

La nuova offerta prevede un taglio dell’11% della retribuzione per il personale di terra, e una riduzione del 23% per il personale di cabina, contro le richieste iniziali di tagli tra il 25% e il 35% per tutto il personale. La nuova proposta prevede inoltre una riduzione della capacità produttiva del 10% quest’anno, invece del 15% inizialmente proposto. La capacità potrà crescere negli anni successivi, se i risultati di business lo giustificheranno. Iberia ha inoltre ratificato il suo impegno preso a dicembre di non scorporare l’handling e la divisione manutenzione, sottolineando la necessità di presentare offerte competitive per contratti di gestione di terze parti.

Iberia nel suo comunicato fa appello al senso di responsabilità dei sindacati e ha espresso l’auspicio che le modifiche alle proposte porteranno ad un accordo, insistendo sul fatto che i tagli sono necessari per ripristinare la redditività, i profitti, e le prospettive di crescita futura per la società, con i più piccoli sacrifici possibili.

(Ufficio Stampa Iberia)

Articolo scritto da JT8D il 1 Feb 2013 alle 9:44 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus